Bce: "Già nel 2013 una lenta ripresa. Ma servono strategie per la crescita"

L'Eurotower ottimista chiede ai governi di agire sul fisco. Tagliate le stime del pil dell'Eurozona. Occhi puntati sul tasso di disoccupazione

Già nel 2013 e comunque dall'anno prossimo ci si può attendere una "graduale ripresa". Un miglioramento economico di cui parla la Banca centrale europea, nel suo ultimo bollettino, ribadendo che i rischi per le prospettive economiche dell'area euro "continuano ad essere orientati verso il basso".

Il declassamento subito da Francia e Italia, rispettivamente da parte di Fitch e Standard & Poor's, "ha avuto impatti limitati sui mercati obbligazionari".

Per quanto riguarda poi casa nostra, i tassi bancari sui prestiti "rimangono su un livello superiore" rispetto alla Germania e alla Francia stessa. La politica monetaria della Bce continuerà ad essere favorevole finchè sarà necessari e i tassi di interesse resteranno "su livelli pari o inferiori a quelli attuali per un prolungato periodo di tempo".

Rimane comunque debole il mercato del lavoro. E la Banca centrale chiede di non "vanificare gli sforzi già compiuti allo scopo di ridurre i disavanzi pubblici, mettendo in campo "strategie di bilancio favorevoli alla crescita" e riducendo "al minimo gli effetti distorsivi dell’imposizione fiscale".

La Bce ha corretto al ribasso le stime di crescita del Pil dell'Eurozona, per quest'anno e fino al 2015. Ridotta di 0,2 punti percentuali la stima di recessione 2013 (-0,6%). Ridotte anche le stime sull'inflazione, quest'anno all1,5%.

Commenti

gneo58

Gio, 08/08/2013 - 12:11

lo sa la BCE quando ci sara' la ripresa ? quando non ci saranno piu' disoccupati e alla gente rimarranno soldi in tasca da poter spendere come vuole e non solo in TASSE ! - site solo dei buffoni parolai senza un minimo di vergogna ma verra' il giorno che dovrete renderne conto di persona perché la vita e' una ruota e gira, ora siete lassu' in alto a sproloquiare ma poi scenderete e li vi aspettiamo - con ansia

giovauriem

Gio, 08/08/2013 - 13:15

caro draghi,io avrei una buona soluzione per la crescita:un bel panetto di lievito,ma di cosa parla lei della crescita della spesa pubblica? ma quale crescita economica è possibile in un paese dove su un impresa grava il 55% di tasse dirette e almeno il 25% di tasse indirette oltre una burocrazia e una criminalità asfissiante che è propedeutica a se stessa,una classe politica che in queste condizioni si va a fare un mese di vacanza,una magistratura(civile e penale) da incubo,chi ha da spendere(invesrire)si tiene i soldini sotto chiave perchè in italia non esiste nessuna certezza ne politica,ne giurica,ne economica(le banche italiane fanno strozzo,lenocinio,e rendita parassitaria, perciò lei o non capisce nulla di economia(come acclarato di monti) o fa lo gnorri

winston1968

Gio, 08/08/2013 - 13:27

certo certo

Ritratto di gzorzi

gzorzi

Gio, 08/08/2013 - 15:37

Si, la ripresa agli aumenti dei vostri stipendi.

Ritratto di Dragon_Lord

Dragon_Lord

Gio, 08/08/2013 - 16:01

burattino prima ci impone il pareggio di bilancio e poi ci dice di agire sul fisco senza poter stampare soldi, ma vi rendete conto come vi prendono in giro ? la BCE è la morte e schiavitù del popolo italiano.

Ritratto di Giuseppe da Basilea

Giuseppe da Basilea

Gio, 08/08/2013 - 16:25

Questo e`come Epifani, Parla a vanvera

Zizzigo

Gio, 08/08/2013 - 17:32

Ma non staranno mica parlando dell'Italia!

franco@Trier -DE

Ven, 09/08/2013 - 11:01

Bene tutti a lavorare niente più disoccupati.