Benzina alle stelle: tocca 2,013 euro

I week end di maxi-sconti sono ormai agli sgoccioli. E la fine delle vacanze porta nuovi record per i carburanti. Una stima della Coldiretti evidenzia che per fare il pieno all'automobile costa più che la spesa per una settimana

Le promozioni estive sono ormai agli sgoccioli. E già arriva l'ennesima, pesantissima stangata sui carburanti. Questa mattina la benzina ha, infatti, toccato un nuovo picco euro in Toscana e Liguria sfondando nuovamente i 2 euro. Secondo i prezzi pubblicati dal Quotidiano Energia, la verde costa 2,013 euro. In diversi distributori toscani e liguri, il prezzo è stato "gonfiato" dalle addizionali regionali. In generale, infatti, i prezzi consigliati sul territorio si aggirano su 1,920 euro per la verde e 1,8 per il gasolio.

La fine delle vacanze estive ha già portato nuovi record per i carburanti. Se in Toscana e Liguria la benzina tocca il nuovo record a causa delle addizionali regionali, al sud si raggiunge, invece, il massimo per il gasolio (con picchi di 1,850 euro al litro) e per il Gpl a 0,824 euro al litro. Più nel dettaglio, secondo quanto risulta dal monitoraggio Check-Up Prezzi QE, i prezzi medi "serviti" sono oggi a 1,924 euro al litro per la benzina, 1,809 per il diesel e 0,778 per il Gpl. A livello Paese il prezzo medio praticato della benzina (sempre in modalità "servito") va dall’1,914 euro al litro di Esso all’1,924 di IP e TotalErg (no-logo a 1,824). Per il diesel si passa dall’1,798 euro al litro sempre di Esso all’1,809 di IP ("no logo" giù a 1,700). Il Gpl infine è tra 0,775 euro al litro di Eni e 0,788 di Q8 ("no logo" a 0,767). Oggi prezzi raccomandati quasi fermi: solo un ritocco in salita per IP sulla benzina di 0,5 centesimi euro al litro e sul diesel di 0,3 centesimi. Nel corso delle ultime due settimane tuttavia a partire da Eni, che dal 13 agosto ha aumentato i prezzi per quattro volte, tutte le compagnie hanno praticato aumenti conseguenti alla crescita costante delle quotazioni internazionali.

Intanto una stima della Coldiretti evidenzia che fare il pieno in un'automobile con un serbatoio di 60 litri è arrivato a costare 120 euro, un importo superiore ai 111 euro che mediamente le famiglie italiane spendono ogni settimana per fare la spesa, secondo i dati Istat. D’altra parte con il nuovo record un litro di benzina viene a costare - continua la Coldiretti - come un chilo di pesche ma il prezzo ha superato del 40% il chilo di pasta e del 50% il un litro di latte. E a peggiorare le cose c'è la certezza che con l'aumento dei carburanti arriveranno, presto, nuovi rincari nei prezzi dovuti ai trasporti delle merci.

Commenti
Ritratto di unLuca

unLuca

Lun, 27/08/2012 - 11:27

Merito dell'uomo dei record, il nostro NON ELETTO PRESIDENTE DEL CONSIGLIO, nonchè autonominato "STATISTA DELL'ANNO" è un vero recordman, infatti accanto al record del prezzo della benzina, è riuscito a segnare il record dei fallimenti delle imprese, il record di disoccupazione, il record della diminuzione del pil italiano, il record dello spread, il record della disoccupazione giovanile, il record di riduzione dei finanziamenti alla imprese ed ai privati, il record (negativo naturalmente) della fiducia dei consumatori, il record (anche questo negativo) della fiducia degli investitoti, il record nel rialzo delle imposte. GRAZIE al nostro autonominato "STATISTA DELL'ANNO" e GRAZIE alle FORZE POLITICHE CHE CONTINUANO A SOSTENERLO.

nagato

Lun, 27/08/2012 - 11:30

Attenzione...tira tira...la corda si spezza....poi non si lamentino delle conseguenze!

Ritratto di mvasconi

mvasconi

Lun, 27/08/2012 - 11:38

Ieri vicino a Caslano (Canton Ticino, poco oltre Ponte Tresa) il prezzo era DIMINUITO di 2 centesimi (di franco) al litro rispetto allo scorso weekend. PRezzo: 1,79 SFR/l (ca. 1,48 Eur/l) Va bene che la Svizzera non fa parte della UE, peró mi pare che il carburante lo acquistino anche lí...

no b.

Lun, 27/08/2012 - 12:01

unLuca, senza di lui ora ci preoccuperemmo anche del prezzo dell'acqua, altrochè benzina. Ora almeno l'Italia ha i conti a posto e credibilità internazionale, cosa che prima ci sognavamo! (e i problemi che hai elencato c'erano già)

vacabundo

Lun, 27/08/2012 - 12:18

Sciocchezzuole. L'ITALIANO PUò PAGARE QUESTO ED ALTRO,ARRIVEREMO AI 3 EURO LITRO CON IL GRANDE PIACERE DEL GOVERNO MONTI,TANTO LO STATO PER OGNI LITRO INCASSA DI TASSE, TASSINE E TATTERFUGLI QUASI L'85%.QUINDI CREO CHE A MONTI DATO CHE HA BISOGNO SEMPRE DI SOLDI,Fà PIACERE CHE LA BENZINA AUMENTI.cAMMINEREMO DI PIù A PIEDI ED IN BICI,SPERANDO NON CI TASSINO ANCHE IL SUOLO PUBBLICO DEI KM FATTI A PIEDI ED IN BICI NON CI METTANO ANCHE IL BOLLO E L'ASSICURAZIONE.cOMUNQUE CREDO è GIUNTA L'ORA PER CHI PUò DI CAMBIARE ARIA ED ANDARSENE DA QUESTA ITALIA ORMAI MAL RIDOTTA DA TTI QUEI POLITICI MORTI E ANCORA DI QUELLO VIVI CHE STANNO DA 30 ANNI E PASSA AL PARLAMENTO.QUESTI HANNO ROVINATO L'ESISTENZA DEGLI OPERAI ITALIANI CHE LAVORANO,DEI PENSIONATI, DEI GIOVANI CHE CONSIGLIO LORO DI FARSI LE VALIGIE ED ANDARSENE A LAVORARE ALL'ESTERO COMO SI FECE IN ANNI ADDIETRO,ALMENO AVRANNO UN LAVORO,CUI SOSTENERSI ED AVRANNO ANCHE UNA PENSIONE CHE è LA VITA DELL'ANZIANO STESSO.FORZA, MONTI, FORZA NAPOLITANO, GOVERNATE COSì CHE ALMENO AVREMO UN RECORD:BENZINA ALLE STELLE E LA METà DI ITALIANI ALLE STALLE.SIGG.RE 7 SORELLE, SE ANCORA SONO 7, NON LE HO CONTATE PIù.FORZA, AUMENTATE,IL PETROLIO DI 5 CENTESIMI DI DOLLARO E NOI ITALIANI AUMENTEREMO LA BENZINA DI 20 CENTESIMI DI EURO OGNI VOLTA.FURBI,VERO? MONTI, NAPOLITANO,ANDATE AL DIAVOLO.

Ritratto di aliberti.

aliberti.

Lun, 27/08/2012 - 12:27

Premesso che la accise dovrebbero essere tasse di scopo temporanee e finalizzate all'obiettivo ecco cosa paghiamo, in questo momento, tra le altre cose, ogni volta che acquistiamo un litro di benzina: 0,001 euro per la guerra di Abissinia del 1935; 0,007 euro per la crisi di Suez del 1956; 0,005 euro per il disastro del Vajont del 1963; 0,005 euro per l’alluvione di Firenze del 1966; 0,005 euro per il terremoto del Belice del 1968; 0,051 euro per il terremoto del Friuli del 1976; 0,039 euro per il terremoto dell’Irpinia del 1980; 0,106 euro per la missione in Libano del 1983; 0,011 euro per la missione in Bosnia del 1996; 0,020 euro per il rinnovo del contratto degli autoferrotranvieri del 2004; da 0,0071 a 0,0055 euro per il finanziamento alla cultura nel 2011; 0,040 euro per far fronte all'emergenza immigrati dovuta alla crisi libica del 2011. Queste accise hanno un peso diretto di circa 25 centesimi al litro, e vanno sommate al decreto Salva Italia dello scorso anno (9,9 centesimi) e a imposte regionali come quelle legittimamente inserite, per esempio, da Liguria e Toscana per coprire i costi delle alluvioni di novembre 2011. Più specificamente, lo scorso anno le tasse sul carburante sono aumentate quattro volte: con il fondo per lo spettacolo (0,92 centesimi in due aumenti successivi), con la guerra in Libia (4 centesimi), con la già citata alluvione di Genova e delle Cinque Terre (0,89 centesimi) e appunto con il Salva Italia. CONCLUDENDO, GRAZIE VISCO,GRAZIE TREMONTI,GRAZIE MONTI

Ritratto di mvasconi

mvasconi

Lun, 27/08/2012 - 12:39

Egregio no b., temo proprio che in realtá la situazione sia anche peggiore di quella del tanto vituperato Berlusconi. Allora prendevano in giro al piú una persona; ora prendono in giro l'intero popolo italiano.

Ritratto di dalton.russel

dalton.russel

Lun, 27/08/2012 - 12:43

@ nob. scusami di grazia, ma quando mai la benzina è costata tanto? Dicci.E dei conti a posto ne sei proprio certo? Anche l'acqua, nel caso ti fosse sfuggito, è aumentata.Si può essere anche antiberlusca e ci sta tutto, ma cretini è solo di chi sceglie di esserlo negando oggettive evidenze di totale incapacità.Anzi,con arditi teoremi, difendere questa manicata di buoni a nulla.Ma se sei contento tu, allora tutto si spiega.DALTON RUSSELL.

Ritratto di dbell56

dbell56

Lun, 27/08/2012 - 13:04

Vedi no b. tu devi essere uno benestante per cui a tipi come te i carburanti li farei pagare 10 euro al litro. Siccome però di tipi benestanti come te che hanno il superfluo, visto che ti piace tanto apparire come i farisei nelle sinagoghe ai tempi di Gesù (conti a posto e credibilità internazionale ma povertà che si sta diffondendo ormai) qui in Italia non ce ne sono tanti e che la maggior parte del volgo sta diventando povero, voglio dire che questo aumento dei carburanti senza senso economico ma attuato da questo governo del menga solo per fare stupidissima cassa, attraverso aumento di accise ed IVA, ci sta portando in quell'infernale intreccio da cui sarà quasi impossibile uscire, chiamato stagflazione. Sai cosè la stagflazione? E' l'unione di due parole micidiali: stagnazione ed inflazione. Se vuoi sapere cos'è di preciso, va in libreria e compra un vecchio libro sull'argomento di Antonio Marzano usatissimo nelle università economiche italiane negli anni '70 ed '80 e leggilo con attenzione. Se poi questo governo con i conti a posto, che x te è internazionalmente diventato credibile, riuscirà nell'impossibile impresa di avere assieme le antitesi che sono la recessione e l'inflazione, vedrai, oltre al capolavoro da premio nobel per l'economia, cosa succederà nel paese da un punto di vista sociale.

Ritratto di scorpion12

scorpion12

Lun, 27/08/2012 - 13:10

@ dalton russell E' dal 2010 che i petrolieri dicono che il 'vero' prezzo della benzina è di 2 euro al litro e che li sarebbero andati a parare.Basta cercare su google. Tra l'altro l'allarme '2 euro al litro' è in voga da agosto 2011.

bobsg

Lun, 27/08/2012 - 13:38

Ogni aumento dell'accisa vale doppio poiché su questo grava anche l'IVA. La tassa sulla tassa!

bobsg

Lun, 27/08/2012 - 13:39

Dai Silvio, continua a puntellare questo governo; vedrai quanti voti in meno piglierai alle prossime elezioni.

Ritratto di dalton.russel

dalton.russel

Lun, 27/08/2012 - 13:54

scorpion12: il prezzo della benzina in Italia è determinato dalle accise e non dai petrolieri perchè, se così fosse, costerebbe lo stesso in altri stati.Ma non è così.Quindi? Comunque, non capisco questo plaudere a chi ci sta portando verso il baratro. DALTON RUSSELL.

Ritratto di claudio52

claudio52

Lun, 27/08/2012 - 14:22

Ieri 26 agosto 2012 alle ore 11,35 in Austria ho pagato la benziana verde € 1,5 il disel era ad € 1,4. Ma l'Austria è Europa?....Mi suggeriscono di sì.... ma allora siamo noi il paese delle banane? Grazie Monti aumentando la benzina aiuti la ricrescita!Si ma della disperazione!

lamwolf

Lun, 27/08/2012 - 14:23

Un sollevamento popolare credo che da oggi in poi ci stia tutto. Chi governa gode con l'impoverimento nazionale e delle famiglie, un sistema che deve essere cancellato mentre chi deve vigilare è il NULLA. Come il nulla vergognoso sono i sindacati e la federconsumatori, che si limitano a fare solo statistiche senza contare un c...o. Quindi aumentano i carburanti, aumentano i prodotti, le aziende sempre più in crisi con chiusure e fallimenti e sempre più gente a casa senza lavoro. Monti e C. in una situazione drammatica di rovina per milioni di persone rincarano la dose pensano anche a nuove tasse e di aumentare quelle che già opprimono il paese. Spero tanto che arrivi qualcuno a fare piazza pulita di tutti questi miserabili speculatori e sarebbe il caso di iniziare a far conoscere alla gente i nomi di questi strozzini???

Ritratto di FrancoTrier

FrancoTrier

Lun, 27/08/2012 - 14:26

e stato gonfiato di acqua aggiunta nei depositi.

21v3

Lun, 27/08/2012 - 14:26

Grazie a 30 anni di aumento di debito pubblico! e che fa il governo? toglie le tasse alle GRANDI OPERE (che aumentano il debito pubblico)!!!! Toglietele ai carburanti se volete farci vivere!

Ritratto di FrancoTrier

FrancoTrier

Lun, 27/08/2012 - 14:29

Aspettate Settembre e' ancora presto aumentare bisogna ,si bisogna salvare l'euro non il benessere degli italiani,per i vostri governanti e' piu' importante salvare l'euro che salvare i cittadini non lo avete ancora capito?Anche se si suicidono fa lo stesso.

import

Lun, 27/08/2012 - 14:39

REVISIONE DELLA SPESA vorrei porre all'attenzione una serie di discriminanti vivendo in Sicilia da oltre venti anni pur non essendo originario del luogo, mi corre l'obbligo di valutare dal mio punto di vista la questione dibattuta in questi ultimi tempi sui cosidetti standard di spesa, vengo al fatto, in linea di principio sarei favorevole all'adeguamento degli stessi e perchè no, anche degli stipendi in base al costo della vita riferito alle varie aree geografiche del paese, ma, a condizione che il parametro di valutazione si estendesse a vari aspetti della vita di tutti i giorni ad esempio, oltre al paniere virtuale istat si potrebbero utilizzare altri parametri: 1) quanti mezzi pubblici sono al servizio dei cittadini in proporzioneagli abitanti; 2) quante università di eccellenza, scuole, asili nido e della prima infanzia sono disponibili in proporzione al numero di abitanti; 3) quanti parchi, teatri, centri sportivi, parcheggi; 4) quante strade, autostrade, stazioni ferroviarie, areoporti,porti,"ponti", 5) che tipi di servizi offre l'amministrazione locale, pulizia, manutenzione delle strade, pulizia delle spiagge, illuminazione pubblica, reti, consultori; 6) fiere canpionarie o settoriali, tanto utili allo sviluppo di un turismo d'affari destagionalizzato; Potrei proseguire per ore nella elencazione delle carenze rispetto alle grandi e ricche comunità del centro nord, mi fermo solo per non farla lunga su cose che conosciamo benissimo, a queste condizioni di valutazione, gli abitanti della Sicilia e di tutto il meridione sarebbero ben disposti a rivedere il rapporto fra stipendi e costo della vita, e perchè no, anche la gabbia fiscale visto che per operare al sud per un'impresa o per un libero professionista, alla gia alta tassazione si aggiungono tutte le spese sopraelencate, per quantificare il livello degli stipendi e la conseguente pressione fiscale, non occorre stilare nuovi parametri, è sufficente utilizzare le classificazioni che ogni anno ci vengono propinate dall'organo ufficiale di confindustria "il sole 24 ore" che mette in luce per utilizzi impropri la scarsa qualità della vita delle città meridionali. la proporzionalità tra la gabbia salariale / fiscale, dovrebbe essere direttamente proporzionale alla qualità della vita, sai che ridere per le casse dello Stato/regioni/provincie/comuni, certo con l'applicazione di questo metodo si otterrebbe un dissesto finanziario per tutti quei comuni che a parità di prelievo non hanno fornito i cittadini di quei servizi che ci qualificano come società avanzate, ma (vedi concorrenza) l'abbassamento proporzionale del prelievo fiscale e degli stipendi sul territorio (vedi federalismo fiscale) attrarrebbe imprese da altre aree geografiche europee (vedi zone franche), aumentando la base dei contribuenti e permettendo ai comuni gradualmente di aumentare i servizi nel tempo e di conseguenza riallineare gli stipendi ed il prelievo fiscale agli standard delle altre regioni più organizzate (vedi risoluzione della questione meridionale) a parità di servizi parità di prelievo e di reddito. al principio di "chi più ha più deve versare all'erario", al principio di "chi più inquina più paga" aggiungerei il principio di "bassa qualità della vita basso prelievo fiscale". in conclusione cercasi amministratori capaci per l'ammodernamento delle città del centro sud.

libertyfighter2

Lun, 27/08/2012 - 14:49

@no b. Non dire str***te. Se non c'era il pirla economico, non mi preoccupavo neanche dell'IMU, altro che. Credibilità internazionale? TE LA MANGI LA CREDIBILITA' ? Se quello prende i NOSTRI soldi e li regala a Francia e Germania di sicuro guadagna credibilità... LUI. Noi invece lo prendiamo lì. E infine... Conti a Posto??????? Maddeché, i conti erano a posto SUPPONENDO che non si andasse in recessione, facendo finta che i provvedimenti DEL MENGA adottati potessero portare a cose diverse da una RECESSIONE PROFONDA.

nonnoaldo

Lun, 27/08/2012 - 14:53

Spiacente di dovervi segnalare che non siete aggiornati. Venerdì sera ho fatto rifornimento al distributore ENI di ceriale: super a 2,022 al litro.

nonnoaldo

Lun, 27/08/2012 - 14:58

x no b. Le spetta diritto la qualifica di boccalone. Ci spieghi perchè, visto che abbiamo i conti a posto e siamo credibili si verificano i fatterelli, quisquilie per lei, che unLuca le ha elencato.

Ritratto di scorpion12

scorpion12

Lun, 27/08/2012 - 15:00

@ dalton russell non faccia il finto tonto. Prima si allarma e si strappa i capelli per i 2 euro al litro che la colgono inaspettato, poi quando le dimostro che è una tendenza iniziata da tre anni e determinata da molteplici fattori (ivi compresi quelli commerciali e strutturali) mi piazza una banale risposta sulle accise? Ragioni, la prego.

Ritratto di FrancoTrier

FrancoTrier

Lun, 27/08/2012 - 15:08

nagato cosa vuoi che succede in Italia fammi ridere andate contro i soldati?

nonnoaldo

Lun, 27/08/2012 - 15:10

x import. Certo, al sud i servizi erogati dallo stato sono molto più carenti che al nord. Ma allora, visto che il numero dei dipendenti pubblici per 1000 abitanti è drammaticamente più alto che altrove, visto che i costi delel amministrazioni sono faraonici, come spiega il tutto? Pensa bastino nuovi manager? o forse ci troviamo di fronte ad un contesto culturalmente da rifondare?

vitripas

Lun, 27/08/2012 - 15:22

consumate, spendete, giocate alle lotterie, fumate. Soltanto camminare a piedi o in bicicletta è gratis in Italia tutto il resto si paga persino l'acqua.

Ritratto di barbara.2000

barbara.2000

Lun, 27/08/2012 - 15:35

se non ho sentito male , un ministro di monti ha detto che le accise non si toccano . ed un altro cretino , anzi peggio , ha dichiarato che la benzina in italia è aumentata di solo il 4% mentre all'estero è aumentata di ben il22%. ora se la memoria non mi lascia col culo a terra , dico che già nel 1970 il disavanzo italia ed estero era il 50% in più rispetto agli altri paesi europei , senza contare che in america si pagavano , tradotte in lire , 7 lire al litro . quando sono andata a minorca , qualche anno fa , la benzina verde costava in italia 1, 45 e in spagna 1,19 . ricordo che anche in quei paesi ci sono le accise , solo in italia si ruba a man salda . a questo punto dico allo stalinista assassino , veda di far togliere le assise e le tasse messe da monti . e smettetela di dire che i conti sono in ordine , tutte balle quadrate , come la palla che gli ottani in francia sono inferiori ai nostri . ma vahhhhhhhhhh siamo tutti cretini ?

Ritratto di unLuca

unLuca

Lun, 27/08/2012 - 15:50

Abbiamo un NON ELETTO PRESIDENTE DEL CONSIGLIO che si è AUTONOMINATO "STATISTA DELL'ANNO" che non ha prodotto un solo, dico un solo risultato positivo per la nostra nazione. Purtroppo il problema non è lui, nè la sua scalcagnata pletora di cattedratici; il problema vero dell'ITALIA è la attuale mancanza di una leadership. Tutti hanno paura di prendere le redini del paese, nessuno ha gli attributi per farlo.

Ritratto di unLuca

unLuca

Lun, 27/08/2012 - 15:51

@ no b. - Io non parlo con tutti ............

clamor

Lun, 27/08/2012 - 15:53

no b. hai proprio ragione, è tutto più che vero. Un certo P. (non B.) ci ha fatto entrare nell’euro con un cambio demenziale. Qualsiasi imbecille capiva che il cambio a quel livello avrebbe danneggiato tutti, tranne lui. E poi taroccare i conti per darci questo regalo che, sinceramente, ne avrei atto volentieri a meno. Quel cialtrone ebbe anche la tracotanza di dire che con l’euro avremmo lavorato un giorno di meno e guadagnato un giorno di più …..infatti !!!!!

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Lun, 27/08/2012 - 17:23

Tutti inca**atissimi tranne i nostri governanti. Troppo impegnati a disquisire dei massimi sistemi. Si sa..."de minimis non curat technicus..."

guidode.zolt

Lun, 27/08/2012 - 18:03

Ne ho preso un mezzo litro e me la sono centellinata...a dir la verita'..era meglio quella rossa..! si sente la mancanza di piombo!

guidode.zolt

Lun, 27/08/2012 - 18:06

no b ...il fatto che non ci sia piu' il Cav. dovrebbe essere un incentivo alla sua sparizione ...

gpl_srl@yahoo.it

Lun, 27/08/2012 - 19:04

con la diminuzione degli introiti delle accise previste sulla benzina, Monti decidera di tassare chi andra in treno ed in pulman e subito dopo tutti coloro che non andranno né in treno né in pulmann o tram o metropolitanea ossia i pedoni

Ritratto di FrancoTrier

FrancoTrier

Mar, 28/08/2012 - 10:36

comunque 2 euro non sono molti per un litro la benzina viene da lontano il viaggio costa caro io sono stato in Golfo Persico,Abu Dabi ecc pagate e tacete voi siete gli schiavi del governo non compagnie petrolifere,visto che qui costa mediamente 40-50 cents/l in meno.