Benzina, prezzi (quasi) in discesa

Sulla scia di Eni, tutte le compagnie abbassano i prezzi di 1 centesimo al litro. Ma i rialzi sui mercati internazionali frenano i ribassi

Pompa di benzina

Finalmente una buona notizia per gli automobilisti. O quasi. Sulla scia di Eni, che ieri ha abbassato i prezzi dei carburanti di un centesimo al litro, ribassi per tutte le compagnie petrolifere: -1 centesimo sulla benzina e 0,5 sul diesel per Esso, Shell, Tamoil e TotalErg mentre Q8 scende solo sulla benzina di 0,8 cent.

Ribassi sì, ma con il freno a mano tirato, dopo il rialzo dei carburanti sui mercati internazionali (benzina +41,5 dollari, diesel +19,7). Nulla di cui gioire davvero insomma: la benzina ora viaggia sui 1,970 euro/litro, il diesel a 1,83, mentre il gpl sale a 0,860 euro/litro. Più nel dettaglio, il prezzo medio praticato della benzina in Italia va dall’1,886 euro/litro di Eni all’1,901 di IP e Tamoil. Le no-logo si aggirano intorno a 1,743. Per il diesel si passa dall’1,789 euro/litro di Shell all’1,797 di IP (no-logo a 1,664).

Commenti
Ritratto di franco@Trier

franco@Trier

Ven, 05/10/2012 - 12:29

dopo essermi rifornito di ca.70 litri di gasolio in Luxemgurgo a 1.31/litro,in Italia ho aggiunto atri litri, a quel prezzo italiano per poco non mi veniva un infarto,poi in Francia alla frontiera tedesca il gasolio costava 1,38/litro,quindi proprio in Italia ci sono i veri ladroni.

WalterDV

Ven, 05/10/2012 - 12:38

Quali aumenti che, dai 76,87 euro al barile di petrolio del 3 settembre, al 3 di ottobre lo stesso barile era di 68,88 euro con una diminuzione del 10% ?

Ritratto di franco@Trier

franco@Trier

Sab, 06/10/2012 - 10:23

Walter per avere le stesse entrate quando scende il petrolio il governo italiano aumenta le tasse e' semplice no?Mica e' fesso.