Un «bestiario» per la Popolare di Milano

«Salvare l'anima della cooperativa si può! Come? Con un'Idea». Inizia così il progetto cullato da alcuni consiglieri del cds di Bpm contro la Spa ibrida di Andrea Bonomi. L'obiettivo è difendere il modello Piazza Meda, ma c'è anche la proposta di assegnare «al cds più forti poteri di controllo» sul consiglio di gestione. Oltre ai contenuti, non sempre in linea con la direzione scelta due anni fa da Bankitalia con la neutralizzazione dell'associazione Amici, c'è la particolarità del vestito grafico scelto per il piano: ognuna delle 14 pagine è contraddistinta da un'immagine: serpenti (situazione attuale), tigri (mosse da fare), zanzare (eredità del passato), leoni ( nuovo progetto). Quello che nel Medioevo si sarebbe definito un «bestiario». Rivisitato in chiave bancaria.