Bonomi: «A breve una decisione su Pop. Milano»

Andrea Bonomi si prende ancora un po' di tempo per decidere cosa fare del denaro investito nella Popolare di Milano, dopo il passaggio di consegne a Piero Giarda e Giuseppe Castagna. «Non so cosa farà Investindustrial. Decideremo nei prossimi giorni», ha detto Bonomi, a cui fa capo l'8,6% di Piazza Meda. Bonomi deve scegliere se vendere la propria quota o mantenerla e se sottoscrivere l'aumento di capitale da 500 milioni necessari per il rilancio. «Noi siamo investitori che facciamo operazioni di tipo industriale», ha aggiunto.
«Il sistema di popolari, secondo me e secondo molti, non è al passo con i tempi. È importante che l'Italia abbia un sistema di banche moderne e non attaccate a schemi al di là che siano spa o siano versioni diverse». L'imprenditore ha comunque promosso l'arrivo di Castagna come ad: «È giovane, ha esperienza ed è sicuramente una delle migliori scelte che ci possono essere per la banca». In merito alla nomina di Mario Anolli alla presidenza del cdg, Bonomi chiarisce che su di lui non aveva dubbi. Piuttosto «il dubbio che abbiamo noi e tutti gli investitori, è il commitment, senza compromessi, di mettere a posto le cose», ha spiegato ancora, mettendo in evidenza che «la via del rigore, che era la nostra, non ha funzionato. Questa è una via diversa».