Borsa, Milano scivola sulla Cina: male la moda

Scivola Piazza Affari assieme alle borse europee sui timori legati alla situazione della Cina

Scivola Piazza Affari assieme alle borse europee sui timori legati alla situazione della Cina. Il Ftse Mib perde il 2,5%. Sotto pressione i titoli legati all’economia cinese come quelli del lusso e le auto. Yoox cede il 4%, Fca il 3,81%, Luxottica il 3,6% e Moncler il 3,6%. In avvio di seduta i listini del Vecchio continente hanno aperto in calo, in scia all'ulteriore indebolimento dello yuan dopo la svalutazione di quasi il 2% di ieri. La banca centrale cinese, la People's Bank of China, ha fissato il tasso di riferimento odierno intorno al quale la valuta può oscillare (di un più o meno 2%) a 6,3306 contro il dollaro, in calo dell'1,62% rispetto ai 6,2298 di ieri.

L'istituto aveva già ridotto ieri dell'1,9% il tasso di riferimento, facendo registrare il maggiore ribasso in 20 anni e scatenando vendite soprattutto sui comparti del lusso e dell'auto europei e statunitensi, maggiormente esposti alla Cina. In questo scenario a a Francorforte il Dax cede l'1,56% muovendosi in area 11118 punti, mentre a Parigi il Cac40 perde l'1,46% a 5024 punti e a Londra il Ftse 100 segna un calo di 1 punto percentuale.