Le Borse tentano il rimbalzo dopo lo scivolone di ieri

I mercati europei tentano il rimbalzo. Milano apre positiva, poi scivola a -0,5%

Le Borse europee tetnao il rimbalzo, dopo che ieri erano state travolte dall'ondata di vendite innescata dalle parole del presidente della Federal Reserve, Ben Bernanke, dichiaratosi pronto a diminuire gradualmente gli acquisti di titoli, fino a interromperli del tutto a metà 2014, se la ripresa dell’economia Usa proseguirà come previsto. In unna giornata povera di dati macro, è tornato a prevalere l’ottimismo, anche se secondo i trader la volatilità potrebbe dominare le prime ore della seduta a causa delle scadenze tecniche.

Parte in positivo Piazza Affari, che ha aperto in lieve rialzo (+0,4) per poi scivolare in territorio negativo (-0,5%).  Pesano i bancari, con lo spread Btp-Bund a 284 punti e Mediobanca (-6,5%) che scivola dopo un congelamento con la presentazione del piano triennale. Cedono Rbs (-4,51%), National Bank of Greece (-7,36%), Intesa (-2,53%), Unicredit (-2,21%) ed Mps (-1,85%). Occhi su Telecom (+4,03%) e Bper (+4.5%). Bene Parigi e Londra (+0,3%), negative invece  Madrid (-0,25%) e Francoforte (-0,09%). Precipita Atene, che nel pomeriggio arriva a perdere il 6%: da un lato la tenuta del governo sembra incrinarsi, dopo che uno dei partiti minori della coalizione di maggioranza si è chiamato fuori. E contestualmente si potrebbero fare di nuovo incerte anche le condizioni finanziarie del paese: secondo indiscrezioni di stampa il Fondo monetario internazionale avrebbe minacciato di non versare la prossima rata di aiuti alla Grecia, se i paesi dell’area euro non provvederanno a colmare un buco da 3-4 miliardi che si è creato nel programma di sostegni.

Commenti
Ritratto di OraBasta

OraBasta

Ven, 21/06/2013 - 10:16

Ieri abbiamo perso TUTTI, oggi hanno guadagnato i soliti noti!

phantom

Ven, 21/06/2013 - 11:19

A che cosa serve la finanza? A far guadagnare sempre gli stessi? La finanza non crea soldi dal nulla...si limita a spostarli da una parte all'altra...oggi sono ricco domani perdo tutto e qualcuno che magari non aveva niente si ritrova un patrimonio. Chi guadagna veramente dalla finanza sono molto pochi che per guadagnare rendono poveri molti altri. Sono dell'idea che ciò che serve veramente è la vera economia: quella che si fa con i settori primario secondario e terziario; quella che produce e che determina veramente il valore di una nazione

giottin

Ven, 21/06/2013 - 14:09

Sì, è un rimbalzo da pallone sgonfio!!!!