CARBURANTIShell pensa alla vendita degli 870 distributori in Italia

Shell potrebbe dire addio ai suoi 870 distributori di benzina. La compagnia petrolifera infatti «sta considerando la potenziale cessione dei business rete, aviazione, supply e distribuzione in Italia». La potenziale cessione - si spiega in una nota - è in linea con la strategia di concentrarsi sul «downstream» (cioè raffinazione, vendita e distribuzione del gas naturale e dei derivati del petrolio) solo dove è competitivo. Le attività che potrebbero passare di mano sono, oltre che gli 870 punti vendita, i rifornimenti negli aeroporti e, in generale i servizi di fornitura con le relative infrastrutture come i depositi. «I business Lubrificanti Extra-rete e Marina non fanno parte della vendita, che non ha alcun impatti sui business upstream (estrazione) e gas & power, che offrono consistenti opportunità di crescita per Shell in Italia» sottolinea il gruppo petrolifero. «L'Italia continua ad essere un paese importante per Shell», conclude la nota.