Cgia: "Nel 2016 aumento della pressione fiscale"

La Cgia di Mestre: "Nel 2016 possibile aumento della pressione fiscale al 43,6%" 

È un quadro allarmante quello prospettato da Giuseppe Bortolussi, segretario della Cgia di Mestre. Entro il 2016 il carico fiscale sui contribuenti italiani rischia di passare dal 43,3% al 43,6%: "Un incremento riconducibile al progressivo aumento delle aliquote Iva". Se il governo riuscirà a tagliare la spesa pubblica di 29 miliardi - continua Bortolossi  sarà possibile evitare questo aumento di tassazione.

Entro il 2016, infatti, "il governo Renzi dovrà razionalizzare la spesa per 16,8 miliardi di euro: l'importo di tale operazione salirà a 26,2 nel 2017 per toccare i 28,9 miliardi nel 2018". Se questi risultati non verranno raggiunti, l'aliquota Iva salirà di 2 punti. Se non verrà ridotta la spesa pubblica, inoltre, verrà introdotto un ulteriore aumento dell'accisa sui carburanti, in modo tale da assicurare allo Stato almeno 700 milioni di euro in più.

Bortolussi conclude affermando che: "Il nostro esecutivo si è impegnato a rispettare i vincoli richiesti da Bruxelles attraverso il taglio della spesa pubblica. Diversamente, scatteranno automaticamente gli aumenti di imposta che garantiranno comunque i saldi di bilancio. In altre parole, se il governo non riuscirà a tagliare gli sprechi e gli sperperi, a pagare il conto saranno ancora una volta gli italiani che subiranno l'aumento dell'Iva e delle accise sui carburanti".

Commenti

Gianca59

Ven, 05/12/2014 - 15:00

Per forza, dobbiamo mantenere la mafia politico-affaristica, le lobby con I loro interessi, I politici incapaci, gli affaristi che godono delle nostre disgrazie e chi ne ha più ne metta.

unosolo

Ven, 05/12/2014 - 15:02

se continuiamo a mantenere in piedi le Province ci saranno ancora aumenti di addizionali sia per le province che regioni e comuni , da sempre ogni inizio di anno subentrano aumenti che mangiano il piccolo aumento di stipendio o pensione , poi si scopre che le famiglie dei parassiti crescono e aumentano le spese ed essendo sempre pochi a lavorare ecco il sistema inventato politicamente da tutti i politici, alzare addizionali ! BASTA.

titina

Ven, 05/12/2014 - 15:05

io non accendo il riscaldamento a causa dell'aliquota aumentata, l'accenderò proprio quando tremerò di freddo. Non è possibile comprare l'iva con un pezzettino di prodotto!

Ritratto di 001100

001100

Ven, 05/12/2014 - 15:11

ma come? Il Bomba ha detto che le tasse sono scese

Ritratto di fritz1996

fritz1996

Ven, 05/12/2014 - 15:18

Che scoperta! Il governo, Renzi, in linea con i pessimi Monti e Letta, ha già previsto aumenti dell'Iva e delle accise sulla benzina, certo, solo a titolo cautelativo, nel caso che ecc. ecc.... Peccato che questo "caso" puntualmente si verifichi.

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Ven, 05/12/2014 - 15:23

Qualcuno pensava il contrario?Sono anni che commento,che la pressione fiscale aumenterà,per il semplice motivo che il PIL diminuirà ancora,ed i costi della PA,con annessi e connessi,assistenzialismo,accoglienza e quant'altro,aumenteranno,...al massimo si manterranno al livello attuale....

Ritratto di gianky53

gianky53

Ven, 05/12/2014 - 15:27

Nel 2016? Mi domando sinceramente cosa sarà rimasto ancora nel 2016 di questo Paese allo sfacelo. O io ho le traveggole, e non credo, oppure tutto indica che a quella data non ci arriviamo nella condizione che oggi conosciamo. Prima succederà sicuramente qualcosa di traumatico. Non si può continuare a spremere il contribuente ed allo stesso tempo continuare con il saccheggio sistematico delle risorse raccolte, come i fatti di ogni giorno ci stanno mostrando. Nel frattempo moltissimi italiani sono disperati e non sanno più dove sbattere la testa per tirare a campare, e questi prevedono di aumentare ancora le tasse... Vogliono la guerra insomma!

vince50_19

Ven, 05/12/2014 - 15:35

Tagliare la spesa pubblica di 29 miliardi? Bortolussi, lei vaneggia, sta scherzando? Quelli tagliano subito pensioni e spese sanitarie, mica le prebende di camera (caritatis) e senato (dei mejo), municipalizzate, mica chiudono le province etc! La Cgia di Mestre verrà chiusa: non è in linea con il giusto sentire e il pensiero del wannabe.. Ca@@o!

Libertà75

Ven, 05/12/2014 - 15:37

Proposta shock di Matteo Renzi per rilanciare il Paese: 80 euro a tutti! Proprio a tutti, basta scaglioni, bimbi o quant'altro... Ad ogni cittadino 80 euro al mese. Le coperture sono certe, in pratica verrà nazionalizzato ogni altro reddito e tutti avranno a disposizione il budget di 80 euro mensili da spendere. Una persona ci mangia 2 settimane con 80 euro, quindi mettendosi insieme 2 persone mangeranno per 4 settimane e se si va ad abitare in 4 ci saranno anche i soldi per le bollette e le tasse comunali. Bene, tutto risolto!

Massimo Bocci

Ven, 05/12/2014 - 16:05

La PRASSI!!! In un regime di LADRI!!! ASSERVITO DA SCHIAVI EURO!!! Quelli della La Cgia di Mestre, potrebbero sforzarsi un po' di più, NON CI RACCONTINO L'ACQUA CALDA,gli ITALIANI lo sono consapevoli di essere un popolo di SCHIAVI!!! Da 70 anni!!! Oggi svenduti dai soliti traditori ANTI ITALIANI, ALLA CRICCA DI MAFIA!!! FINANZIARIA METICCIATA....FMI-EURO, il IV REICH!!!

Zizzigo

Ven, 05/12/2014 - 17:34

Il colon italiano sta benissimo, peccato che tutto il resto dell'organismo sia già deceduto... e, dopo la putrefazione, tutti i cagnottini se ne sono scappati via!

IlCorsaroNero

Ven, 05/12/2014 - 18:02

Nulla di nuovo sul fronte occidentale. . Ahinoi..

fer 44

Ven, 05/12/2014 - 18:06

Ma il sig. Giuseppe Bortolussi i conti li sa fare???? Altro che 43,6% !!! Con tutti i balzelli, bolli e ca....te varie qui siamo ben oltre il 60% !!!!

Anonimo (non verificato)

Ritratto di laghee100

laghee100

Ven, 05/12/2014 - 18:22

ma il venditore di ombrelli ha appena detto che ha diminuito lr tasse di 18 miliardi !!!!!!

piedilucy

Ven, 05/12/2014 - 23:30

per forza dobbiamo mantenere la feccia che arriva ogni giorno, i ladri politici, i parenti dei ladri politici, i statali faccanzisti liberiamoci di questo schifo per un ITALIA PULITA

Ritratto di kingigor61

kingigor61

Sab, 06/12/2014 - 00:25

Una partita IVA paga in media il 55% tra tasse e balzelli e non il 43,6%, senza considerare che non ha nessun paracadute sociale e per rientrare dell IVA dichiarata, ci vogliono spesso anni! Dall ascesa di Monti, voluta dal comunista, traditore della costituzione e della patria Napolitano, è impossibile fare impresa in Italia, mentre le cooperative rosse continuano a pagare il 13% complessivo di tutto. Adesso ditemi, cari compagni sinistronzi, che continuate a non capire niente, ma vi credete tanto intelligenti, è questa la vostra visione di uguaglianza? Allargate il paraocchi solo di qualche millimetro e vi accorgete della immonda presa per il cxxo che subite dai vostri partiti e, i da voi tanto amati, sindacati. Ma forse mi illudo, siete talmente lobotomizzati che, anche se il paraocchi lo togliete, non vi accorgereste di niente!

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Sab, 06/12/2014 - 00:46

Che bella notizia. Ogni giorno che passa questi trinariciuti non fanno che sorprenderci. Ci fanno sapere che hanno diminuito le tasse. HANNO OMESSO DI PRECISARE CHE STAVANO PARLANDO DELLE FEMMINE DEI TASSI.

Ritratto di filatelico

filatelico

Sab, 06/12/2014 - 06:08

La corda è stata tirata troppo e si sta stuccando. La gente (in parte) ha potuto pagare queste tasse CRIMINALI perchè aveva qualche risparmio da parte, ma sta rapidamente finendo.Prima dei 3 anni considerati dal Bortolussi succederà qualcosa perchè non si può continuare a pagare COSI'!!! Meditate politici e ricordatevi di Ceausescu!!!