Cinque anni di rincari sulle addizionali Iperf: mannaia su stipendi e pensioni

L'incremento è dipeso, in larga misura, dalle disposizioni introdotte da Monti con il decreto "Salva Italia"

Pensioni e buste paga falcidiati dai continui rincari. A pesare maggiormente sono stati gli aumento delle addizionali comunali e regionali Irpef che, negli ultimi cinque anni, hanno risentito di rincari da capogiro. Come si evince dallo studio redatto dalla Cgia di Mestre, queste addizionali hanno subito una vera e propria impennata: l'aumento medio è stato di oltre il 30%. "Salvo rare eccezioni - denuncia il segretario della Cgia Giuseppe Bortolussi - negli ultimi anni le addizionali comunali e regionali Irpef hanno subito dei significativi ritocchi all'insù, sia per compensare i tagli dei trasferimenti statali, sia per fronteggiare gli effetti della crisi che hanno messo a dura prova i bilanci delle Regioni e degli enti locali". Il risultato? "Gli italiani - ha continuato - si sono ritrovati con i portafogli più leggeri".

Tra il 2010 e il 2014 un pensionato, che incassa un assegno di mille euro al mese, ha subito un aggravio medio di 85 euro. Si tratta, quindi, di un aggradi del 34%. A livello territoriale l'aumento massimo si è registrato a Catanzaro dove la Cgia di Mestre ha registrato un aumento di 149 euro con una variazione al rialzo del 49%. "Un operaio con uno stipendio mensile netto pari a poco più di 1.280 euro - si legge nel report degli artigiani di Mestre - ha visto aumentare in questi ultimi cinque anni il carico fiscale di 121 euro". A Venezia l`incremento è stato pesantissimo: 237 euro (+126%). Un impiegato, che incassa uno stipendio di quasi duemila euro al mese, ha versato 189 euro in più, pari ad un aumento del 30%. A Napoli e Catanzaro si sono registrati gli incrementi più significativi: 335 euro (pari al +49%). Un quadro con uno stipendio mensile di tremila euro al mese, ha subito, invece, un aggravio di 324 euro. A livello territoriale nei Comuni di Napoli e di Catanzaro si sono verificati gli incrementi più significativi: 549 euro (+49%).

Per cercare di quantificarne il peso e comprendere come si è evoluto il fenomeno, l'ufficio studi della Cgia ha calcolato gli aumenti delle addizionali Irpef avvenuti in questi ultimi anni sia a livello regionale che comunale. In questo ultimo caso sono stati analizzati i trend dei Comuni capoluogo di regione. L'incremento del prelievo registrato è dipeso, in larga misura, dalle disposizioni introdotte dall'ex premier Mario Monti con il decreto "Salva Italia" che ha elevato le aliquote per tutte le Regioni. Così, dall'anno di imposta 2012, l'addizionale Irpef regionale è aumentata dello 0,33%. Tuttavia, la situazione a livello territoriale varia da Regione a Regione. Nel 2013, ad esempio, la Calabria, la Campania e il Molise hanno applicato l'aliquota Irpef al 2,03%. Un livello di prelievo obbligato in virtù del fatto che la normativa dispone che le Regioni che presentano un disavanzo sanitario e non hanno rispettato i piani di rientro sono costrette a subire un incremento dell'aliquota di ulteriori 0,3 punti percentuali. In Abruzzo, Lazio e Sicilia, l'aliquota dell`addizionale regionale Irpef è all'1,73%. Le Regioni in cui l'aliquota si attesta al livello base (1,23%) sono la Basilicata, il Friuli Venezia Giulia, la Sardegna, la Valle d'Aosta, il Veneto e le due provincie autonome di Trento e Bolzano. In tutte le altre Regioni il prelievo varia a seconda dei livelli di reddito.

Per quanto concerne le addizionali comunali Irpef, le scelte dei Comuni sono state tendenzialmente al rialzo con l'unica eccezione di Firenze che ha diminuito il prelievo. Sono ben undici i Comuni capoluogo di Regione che nell'arco temporale da noi considerato hanno aumentato le aliquote. Nel 2013, dodici Comuni hanno applicato l'addizionale comunale Irpef al livello massimo dello 0,8%, tra questi, tre l'hanno aumentato nell'ultimo anno (Venezia, Perugia e Napoli). "Nei prossimi anni - conclude Bortolussi - l'autonomia tributaria delle Regioni è destinata ad aumentare ulteriormente". Il decreto legislativo in materia di federalismo regionale dà, infatti, la possibilità ai governatori di aumentare l'aliquota base dell'addizionale regionale di 1,1 punti percentuali a partire dal 2014 e di 2,1 punti percentuali a partire dal 2015. "Tale facoltà - ha concluso Bortolussi - sebbene limitata ai redditi superiori al primo scaglione di reddito Irpef (pari a 15mila euro) per i quali rimane il limite di maggiorazione di 0,5 punti percentuali, potrà dar luogo ad un ulteriore incremento delle addizionali, con il corrispondente alleggerimento di pensioni e buste paga".

Commenti

piero1952

Sab, 25/01/2014 - 13:25

Degli ultimi 5(cinque) anni, dunque, vediamo un pò, oggi, 25/01/14, meno 1 anno= 25/01/13, meno 2=25/1/12, meno 3=25/01/11, meno 4=25/01/10, meno cinque=25/01/09: Quindi, visto che dall'8 maggio 2008 al 16 novembre 2011, al governo era B., e Monti ha "governato" dal 16 novembre 2011 al 27 aprile 2013, ossia meno di 1/3 del tempo avuto dal Leader Máximo, mi sembra giusto appioppare la maggior causa del problema al secondo... per fortuna non avete(probabilmente per una dimenticanza non voluta) anche Letta nell'elenco dei colpevoli esclusivi... Patetico articolo, per patetici giornalisti, diretto a patetici lettori assuefatti da anni e anni di sudditanza psicológica.

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Sab, 25/01/2014 - 14:24

come in Germania meglio non veniate.

enzo1944

Sab, 25/01/2014 - 15:15

Monti,vai a Berlino,che ti aspetta la meerkel,tua vera padrona,che ti deve commissionare altri furti da fare nei portafogli degli Italiani e di altri paese europei!...Vattene via dall'Italia che qui hai già fatto troppi danni! Buffone e ladrone, pagato dalle Banche d'affari USA,Cee e Tedesche!!

unosolo

Sab, 25/01/2014 - 15:21

da sempre ho sostenuto lo spreco di regioni , province e comuni che portano continui salassi nelle buste paga e questo fa fermare gli aumenti previsti per legge e di fatto le pensioni sono sempre ferme , i sindacati silenti su questo salasso ormai certo che avviene in automatico tutti gli anni , un pensionato per tre mesi non sa mai quanto prende , mi spiego, a gennaio una cifra ,che scende a febbraio e si attesta a marzo ma sotto di circa trenta euro , in pratica le addizionali assorbono quel piccolo aumento , le maledette addizionali che servono a regalare soldi per vitalizi e rimborsi per i parassiti che sfruttano da anni questo sistema.

Ritratto di Jaspar44

Jaspar44

Sab, 25/01/2014 - 15:28

Mannaia su stipendi e pensioni? Dipende di quali stipendi e pensioni stiamo parlando! Quelli degli SPOLITICATI non li tocca nessuno ... si sono fatte le leggi apposite : quelle che dicono democratiche .... per mangia pane a tradimento!

titina

Sab, 25/01/2014 - 15:29

per incrementare i consumi bisognerebbe abbassare le prime aliquote irpef, visto che ormai i prezzi si sono quasi triplicati, mentre le pensioni sono sempre le stesse ( e gli stipendi anche)

m.m.f

Sab, 25/01/2014 - 15:40

..che monti fosse un totale incapace,lui e i suoi compagni di merenda di livello imbarazzante lo avevamo capito da tempo,bene ricordarci sempre di chi lo ha messo li ...........assurdo che ancora oggi se ne parli.........un mascalzone di prima categoria ..........

Ritratto di andrea626390

andrea626390

Sab, 25/01/2014 - 15:52

Sergio Rame, scrivilo una volta tanto che Monti è stato chiamato per porre rimedio all'incapacità del pregiudicato. Rileggiti la cronaca dell'autunno 2011 e non avrai difficoltà ad ammettere che stavamo andando a rotta di collo verso il baratro!!!!!!!!!!

Ritratto di stenos

stenos

Sab, 25/01/2014 - 16:21

E i coglioni come foche tutti a votare.

terzino

Sab, 25/01/2014 - 17:27

Ma le addizionali IRPEF locali sono il meno. E dove mettiamo l'IMU,l'IVA, la Tarsu, la triade di imposte locali che ci toccherà nel 2014, l'Irpef anche sulla casa nel 730, le accise sulla benzina,l'inflazione con gli stipendi e pensioni che rimangono fermi ed i figli non trovano, ma lo cercano checchè se ne dica, lavoro se non a nero ed a 5/600 euro al mese? E lor signori dormono, sentinelle comprese.

gigetto50

Sab, 25/01/2014 - 18:26

......l'opinione di Spirli "Zingari carichi d'oro...etc....e poi PAGA L?ITALIA"... No! "Pagano gli italiani"... avrei scritto... Tanto si sa che poi lo Stato si rifa' sui Comuni e questi su addizionali IRPEF....aumenti TARES etc...etc... Non certo per rendere un servizio migliore ai cittadini ma solo per sopperire a queste spese impreviste. Ma non solo per gli zingari...anche per tutti gli immigrati senza lavoro/clandestini...

GilbertoVR

Sab, 25/01/2014 - 18:42

Giusto: gli aumenti della tassazione sono iniziati e sono proseguiti con i Governi Berlusconi e Monti Berlusconi e letta Berlusconi, anche dove l'opposizione governava le amministrazioni locali, Il governo centrale ha delegato alla periferia gli aumenti, ma la responsabiltà è sempre dei Ministri PDL

enzo1944

Sab, 25/01/2014 - 18:59

andrea696969,sei proprio un PECORONE ROSSO!...ed ora zitto!....paga,paga,e paga le tasse dei tuoi amici rossi,imposte per garantire i vergognosi benefits di cui godono e continuano a godere i kapò,dei tuoi amici rossi!!...Anzi,sono aumentate le loro esigenze e pertanto,arriveranno altre tasse,che tu continerai a pagare! Sveglia PECORONE ROSSO!!

mifra77

Sab, 01/02/2014 - 16:17

@enzo1944,lavare la testa all'asino è acqua e sapone sprecato! I culetti rossi sono felici di pagare; loro amano le tasse soprattutto quando a pagarle sono gli altri. Loro vivono di cassa integrazione e di indennità di disoccupazione; loro se percepiscono una di queste indennità, lavorano esclusivamente in nero e se gli viene proposto un lavoro in regola lo rifiutano per non pagare le tasse. L'assurdo è che costoro sono perlopiù volti noti ed appoggiati da sindacati dal culo rosso che li tessera, li assiste nelle pratiche burocratiche e li consiglia a dovere.

Ritratto di OraBasta

OraBasta

Sab, 08/02/2014 - 17:58

Patetico piero1952 - patetico e col paraocchi !!!! (tipico dei sinistri, sinistrati)

Ritratto di OraBasta

OraBasta

Sab, 08/02/2014 - 18:02

andrea626390 -- MA VERGOGNATI, MONTI CI HA MASSACRATO DI TASSE E IL DEBITOI è AUMENTATO. Indovina perchè? Visto che fingi di non saperlo te lo dico io: HA DATO MILIARDI ALLE BANCHE SPECIALMENTE AL MPS rosso ! Capito, genio !!!

LAMBRO

Dom, 07/02/2016 - 09:58

UN GIOCHETTO IPOCRITA DA BASTARDI.... COME SE NON LO VEDESSIMO IN BUSTA PAGA.