Le cinque novità sull'Rc Auto

Dalle sanzioni ai controlli: cosa cambia per le assicurazioni sulle automobili

Cambia tutto per i controlli sull'Rc Auto. Scatterà a breve l'accertamento dell’infrazione della mancanza di assicurazione con telecamere e senza pattuglia dei vigili. Soglia minima per gli sconti dovuti a chi opta per la scatola nera sul veicolo: la riduzione sarà fissata nel livello più basso, inderogabile, dall’Ivass, l’istituto di vigilanza del settore assicurativo. Il ddl che presto entrerà i vigore impone sconti obbligatori sui premi. Non devono essere inferiori a una soglia minima stabilita dall’Ivass. In una versione precedente il provvedimento si limitava a dire che dovevano essere signifi cativi, ma lasciando alle compagnie la determinazione della riduzione. Invece lo sconto non potrà essere inferiore a una percentuale sulla base del prezzo della polizza altrimenti applicato. La percentuale, come ricorda Italia Oggi, sarà più alta per le regioni a maggiore tasso di sinistrosità. Anche la casistica è cambiata. Le agevolazioni scattano per: ispezione preventiva del veicolo (a spese dell’assicurazione); installazione della scatola nera; installazione del meccanismo di blocco del motore in caso di ubriachezza.

L’installazione delle apparecchiature della scatola nera e del blocco sono a carico della compagnia. Sono state soppresse le seguenti ipotesi: rinuncia della cessione del credito; risarcimento in forma specifi ca (riparazione). Quest’ultima rimane sempre una opzione per l’assicurato. La versione emendata del provvedimento prevede una sanzione amministrativa da 5 mila a 40 mila euro per la violazione dell’obbligo di sconto. Testimoni. C’è più tempo per indicare i testimoni. Nella versione emendata c’è tempo fino alla lettera di richiesta di risarcimento del danno o dall’invito alla negoziazione assistita o alla richiesta esplicita dell’assicurazione. Nel caso di richiesta della compagnia è previsto un termine di 60 giorni per l’invio dell’istanza e uno stesso termine per rispondere. Se non si rispettano queste formalità, il teste non potrà essere ammesso a testimoniare. Nella versione precedente i testimoni dovevano essere indicati già nella denuncia di sinistro. Scatola nera. Grazie a un emendamento le risultanze della scatola nera (registrazione delle manovre prima del sinistro) devono essere rese fruibili alle parti. Novità anche sulle contravvenzioni. Grazie ad alcune modifi che al codice della strada, non sarà necessaria la contestazione immediata della infrazione della scopertura assicurativa del veicolo se rilevata con telecamere e non ci vorrà la pattuglia sul posto (l’accertamento può essere totalmente automatico).

Commenti

gneo58

Mar, 15/09/2015 - 10:14

come al solito tanti rigiri per mangiarci sopra. Basterebbe che l'assicurazione fosse legata alla patente e stop. Una patente = una assicurazione. Inoltre, furto non da poco, tassa di proprieta' - finche' il veicolo e' nuovo ok ma se dopo 10 anne l'auto ha valore 0 (zero) o guiu' di li' - perché devo continuare a pagare una tassa di proprietaì come se il bene fosse nuovo di zecca ?

veromario

Mar, 15/09/2015 - 11:34

sulla tassa di proprieta hanno fatto di peggio i loschi individui,io ho un vecchio mercedes di 23 anni,da tre anni pagavo 63 euro di bollo essendo passata auto d'epoca,giusta o no la legge prevedeva 20 anni per passare d'epoca,con un colpo di spugna hanno annullato tutto ora di anni ce ne vogliono trenta quindi ora ne dovro pagare 280 di euro. la cosa che mi fa imbestialire che i diritti acquisiti valgono solo per loro,esempio più lampante la revisione dei benefit dei parlamentari e le loro pensioni d'oro,quelle non si possono toccare sono diritti acquisiti,nostri no.

frabelli1

Mar, 15/09/2015 - 11:46

@gneo58 È la vettura a dover essere assicurata indipendentemente da chi la guidi. Altrimenti ci sarebbero molti più problemi durante un sinistro perché uno senza assicurazione sulla patente potrebbe poi dire che non era lui a guidare, o viceversa. Molto meglio la vettura.

Ritratto di Giano

Giano

Mar, 15/09/2015 - 12:09

Sembra una di quelle circolari ministeriali incomprensibili, fatte apposta per confondere i cittadini. Montesano direbbe "Che vor dì?". Boh!

agosvac

Mar, 15/09/2015 - 12:33

Francamente non capisco a cosa possa servire questa "scatola nera". In Italia già da molti anni c'è il famoso bonus/malus, quindi le assicurazioni sanno chi fa incidenti e chi non li fa. Solo che chi fa incidenti è penalizzato subito, chi invece non ne fa non è gratificato. Io non faccio incidenti da qualcosa come una trentina d'anni, eppure il mio bonus è fermo del tutto: in pratica la mia polizza non diminuisce più ormai da qualche decina d'anni!!!!! Questo è ingiusto.

giovauriem

Mar, 15/09/2015 - 13:10

almeno 20 righe di stupidaggini, furbate e fumo ,del governo per permettere alle assicurazione di frodare i cittadini , con la complicità del garante , delle cosi dette associazioni dei consumatori e dell'ivass (tutti comprati dalle assicurazioni) io da sempre ho usato il metodo del : tu vuoi fregare me ; io frego te , e nel campo r.c.a. ho preso la via della bulgaria a 190 euro all'anno , sapendo che tra non molto le assicurazioni/banche , ordineranno al governo dei pupazzi italiani di fare una legge che ci perseguiti .

famaprof

Mar, 15/09/2015 - 13:19

L'assicurazione sulla patente è il Robin Hood al contrario che toglie ai poveri per dare ai ricchi. Ci guadagnerebbero i benestanti con un parco veicoli a disposizione (una sola polizza e guidi sei macchine!) a spese delle famiglie dove quattro patentati si dividono l'unico catorcio che si possono permettere (ma dovrebbero pagare quattro assicurazioni). Non a caso nessuna nazione al mondo, nonostante le leggende che corrono in rete, adotta questo sistema.