"Repubblica" è in vendita. Gli Agnelli pronti a comprarla

Annuncio atteso il 19 dicembre. «Repubblica» sarebbe poi affidata a De Benedetti

I fratelli De Benedetti hanno deciso di vendere il gruppo Gedi. Il sito Dagospia, per primo ha messo la cosa «in chiaro»: a comprare Repubblica, Stampa, Secolo XIX, l'Espresso, i quotidiani locali, le radio, il digitale, e altro ancora, sarà John Elkann, attuale azionista al 6,2%, che avrebbe messo sul tavolo «una cifra che non si poteva rifiutare». A vendere sarà dunque la Cir, che detiene il 43,7 del capitale del gruppo Gedi. Circola anche una data prevista per l'annuncio dell'accordo: il 19 dicembre. Il cdr di Repubblica nel pomeriggio ha chiesto un incontro urgente con i vertici aziendali. E in serata ecco arrivare la nota di conferma: «Cir informa che sono in corso discussioni con Exor N.V. concernenti una possibile operazione di riassetto dell'azionariato di Gedi che condurrebbe all'acquisizione del controllo su Gedi da parte di Exor». Il tema sarà oggetto del prossimo Cda di Cir, il 2 dicembre.

Il progetto sarebbe comunque più complesso: il gruppo Exor (holding degli Agnelli) punta in primis a riprendersi la Stampa e il Secolo, a cui si potrebbero aggiungere i quotidiani locali ex Finegil. Mentre per Repubblica, l'Espresso e tutti le altre testate collegate allo storico brand fondato da Eugenio Scalfari, la destinazione finale sarebbe Carlo De Benedetti, che tornerebbe a fare l'editore attraverso il progetto della Fondazione. Di che si tratta? Bisogna fare un passo indietro: quando a metà ottobre lo stesso Ingegnere ha proposto di comprare il 30% di Gedi, offrendo quello che valeva in Borsa (25 cent per azione), la Cir si è duramente opposta e ha respinto l'offerta. Ma per De Benedetti è stata l'occasione di spiegare il suo piano: «Raddrizzare la gestione dell'azienda, che è stata del tutto inefficace», ha detto in un'intervista. Specificando che l'idea era «riprendere a investire pesantemente in un settore in cui Repubblica per anni ha eccelso: il digitale». E dare al gruppo un assetto nuovo: «Portare le mie azioni, convincendo gli altri azionisti a fare altrettanto, in una Fondazione. Una Fondazione cui parteciperanno rappresentanti dei giornalisti, dirigenti del gruppo, personalità della cultura. L'obiettivo è assicurare un futuro di indipendenza a un pezzo di storia italiana».

L'impressione è che, con l'offerta per Gedi, De Benedetti abbia prima di tutto mandato a monte qualche altra trattativa (lui stesso ha parlato di un recente tentativo dei figli Marco (presidente Espresso) e Rodolfo (al vertice di Cir) di vendere il gruppo a fondi di private equity. Preparandosi a entrare in campo più in là, una volta raggiunta un'intesa con Exor per spartirsi il gruppo secondo i rispettivi interessi editoriali. Se l'indiscrezione di ieri verrà confermata, tutto tornerà. E in parte tornerà al suo posto, cioè com'era prima del 2016, quando Gedi è nata proprio con la fusione tra Espresso e Itedi (Stampa e Secolo XIX) che oggi sembra a un passo dall'essere sciolta.

Commenti

baronemanfredri...

Sab, 30/11/2019 - 19:00

HO SEMPRE DETTO CHE I GIORNALI IMBROGLIONI E SERVI FALLIVANO HO DETTO QUESTO APPENA L'ALTRA SETTIMANA. FALLITI

steacanessa

Sab, 30/11/2019 - 19:01

Repubblica è un foglio indegno sia cartaceo sia digitale, spero che i besughi che lo comprano se ne rendano conto. Purtroppo chi resiste più di un mese alla consultazione delle porcate rep è quasi certamente irrecuperabile.

cir

Sab, 30/11/2019 - 21:51

commercio fra nasi adunchi...

Ritratto di giùalnord

giùalnord

Sab, 30/11/2019 - 23:00

Tutti questi mezzi di informazione saranno rilevati dalla famiglia Agnelli? Alla faccia della trasparenza:ciò che dirà un giornale sarà un copia ed incolla in altri.

Ritratto di Contenextus

Contenextus

Dom, 01/12/2019 - 00:38

Litigano per dei cadaveri che già puzzano.

killkoms

Dom, 01/12/2019 - 00:54

@cir,gli elkan sono stati cresciuti nella fede cattolica.

Ritratto di Arduino2009

Arduino2009

Dom, 01/12/2019 - 02:16

L'Agnello si compra pure il carrozzone di monnezza che scarabocchia gli articoli ????

Daniele Sanson

Dom, 01/12/2019 - 08:00

Se mi trovassi al posto di John Elkann comprerei il gruppo Gedi non solo per un “ affare “ commerciale ma con l’intenzione di ripulirlo dalla politica che c’é ora, sia chiaro non un’altra corrente di parte ma un gruppo libero un attento osservatore della politica Nazionale ed estera cercando di spiegare al lettore le proposte delle varie correnti ma anche a cosa potrebbero portare il Paese se introdotte senza tirare per la manica la gente ....mah sogni nel cassetto . DaniSan

Duka

Dom, 01/12/2019 - 08:17

La prossima in vendita sarà LA TESSERA N° 1 : sfruttata abbastanza alla faccia nostra.

antipifferaio

Dom, 01/12/2019 - 09:07

E ci credo che è in vendita...anzi, la svenderanno col black friday visto che è ridotta solo a un'accozzaglia di giornalisti di partito...praticamente vale solo il nome della testata. Il resto è da buttare...

alex_53

Dom, 01/12/2019 - 11:17

Speriamo anche che gli Agnelli taglino subito quei giornalisti spocchiosi e demagoghi che scrivono.

Ritratto di ateius

ateius

Dom, 01/12/2019 - 11:24

ma ancora qualcuno..? compra quel manifesto..? i centri sociali forse. e lo fanno per autoconvincersi di essere ancora vivi.. o per incartarci il pesce. invenduto per coprirne il fetore. come diceva guccini.

flip

Dom, 01/12/2019 - 11:29

perchè De Benedetti vende Repubblica e altro?? cmunquw chi acquuista non credo faccia un buon affare! Forse solo per zittire e togliere dalla piazza una voce 'contro?

flip

Dom, 01/12/2019 - 11:35

antipifferaio. con il ricxavato della vendita. riapronmo l'Unità! i gioornalisti devono campare altrimenti dove vanno? chi li vuole?

Ritratto di Marcello.508

Marcello.508

Dom, 01/12/2019 - 11:47

Daniele Sanson - 08:00 Già, sogni nel cassetto.

VittorioMar

Dom, 01/12/2019 - 11:55

..si deve ammettere che trova sempre il giusto "AFFARISTA" di turno al quale scaricare le sue Perdite....vince sempre anche quando FALLISCE...BRAVO ELKANN !!

Daniele Sanson

Dom, 01/12/2019 - 14:42

De Benedetti aveva ceduto diversi mesi fá le redini di Repubblica , e Gedi , ai figli ma da tempo si lamentava della cattiva gestione e cercava il modo di ritornare in sella come si dice in questi casi , se é vero che Elkann é interessato all’affare è probabile che la tessera numero 1 ne ritorni in possesso , anche se io spero di nó . DaniSan

stefi84

Dom, 01/12/2019 - 23:25

Ormai lo comperavano solo quelli di sinistra, sempre meno.