Le condizioni tossiche delle banche italiane: il Paese rischia il collasso

In Italia, lterza economia dell'Ue, il debito al 135% del pil soffoca ogni possibilità di ripresa. Secondo il Wsj bisogna "stampare moneta"

"L'Italia è il test chiave". Bisogna guardare al Belpaese per capire se avrebbe senso che la Banca centrale europea si mettesse a comprare titoli di Stato, imitando il quantitative easing, ossia l'immissione di liquidità nel sistema finanziario, della Federal Reserve americana o della Bank of Japan. Ed "è difficile vedere cosa il quantitative easing possa fare per l’Italia". È un editoriale del Wall Street Journal, ripreso da Milano Finanza e dal Foglio, a fissare l'obiettivo sul Paese che i test della Bce hanno rivelato essere quello con le banche "più deboli d’Europa", mentre il presidente Mario Draghi torna a chiedere ai Paesi dell’Eurozona riforme strutturali.

"Il Patto di stabilità con il suo limite del 3% - dice il governatore - va rispettato". E la crescita può essere sempre stimolata tagliando gli sprechi della spesa improduttiva per creare "margini di bilancio per ridurre il carico fiscale e aumentare gli investimenti pubblici", mentre spesso i governi hanno cercato di risanare proprio aumentando le tasse e tagliando gli investimenti. Se le parole di Draghi sembrano implicitamente rivolte anche all’Italia, l'editorialista Simon Nixon sul Wall Street Journal dedica un'intera pagina proprio alla Penisola. Concludendo che il quantitative easing, ossia lo "stampar moneta", può fare ben poco. Pesano le banche italiane, ingessate da una governance antiquata che ha prodotto basse capitalizzazione e redditività che strozzano il credito. E le imprese poco competitive, con 320 miliardi di crediti bancari in sofferenza, uno "scioccante 16% dei prestiti in essere".

"Dopo gli stress test - ha detto il premier Matteo Renzi da Brescia - le priorità devono essere le regole da dare alle banche e come aiutare le banche a dare credito a realtà che sono così piccole e basterebbe pochissimo a salvarle". Ma il Wall Street Journal la fa un po' più complicata. "Per far funzionare un maggiore attivismo della Bce ci vorrebbe - dice - una riforma della giustizia civile in Italia che velocizzasse le ristrutturazioni di questi debiti delle aziende, liberando capitale e dunque credito". E investimenti per rafforzare il capitale delle aziende "buone ma iper-indebitate" e spesso poco aperte a nuovi investitori per non perdere il controllo e per "comprare i prestiti ristrutturati togliendoli dai bilanci delle banche". Mentre la maggioranza degli investitori "sono spaventati dall’esporsi verso l’Italia". E, stando ai numeri del Wall Street Journal, il private equity vale "appena lo 0,2% del pil". E Draghi lo ha presente. Dopo le obbligazioni garantite (4,8 miliardi dopo l’accelerazione della scorsa settimana), adesso la Bce è pronta a comprare i prestiti cartolarizzati, liberando un po' degli asset problematici che le banche hanno in pancia: un insieme di misure, assieme ai prestiti Tltro (Targeted long term refinancing operation - Operazione di rifinanziamento mirata a lungo termine), che avrà "un impatto notevole" sul bilancio della Bce che Draghi vorrebbe riportare ai 3mila miliardi del 201. Attualmente si aggirano attorno ai duemila.

Per il quantitative easing, che coinvolgerebbe i titoli di Stato, il dibattito è in corso. E non è un caso che Draghi chieda in continuazione riforme strutturali.

Commenti
Ritratto di giordano

giordano

Mar, 04/11/2014 - 13:46

dopo la merda, viene il collasso? guarda Grisu che il collasso c'e' gia stato.

Ritratto di akim_al_maalouf

akim_al_maalouf

Mar, 04/11/2014 - 14:12

Ma no ora ci pensa il Berluscao e Forza Italia a sistemare tutto...tranquilli.

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Mar, 04/11/2014 - 14:13

e poi, se circola l'idea che si possa stampare monete, vuol dire che le idee di Berlusconi sono buone :-) peccato però che non ci avete pensato voi, PSICOSINISTRONZI. ma non ci sorprende: avete venduto il cervello per stupidità!!!

luna serra

Mar, 04/11/2014 - 14:23

ha ragione Grillo è questione di TEMPO l'Italia è fallita e i nostri POLITICI lo sanno benissimo

marcomasiero

Mar, 04/11/2014 - 14:37

blà blà blà ... peccato che quando c' era la Lira eravamo la sesta o quinta industria del mondo e dall' Euro in poi siamo andati a rotoli per salvare altri !!! tutti sti studiosi e le banche e lo Stato e le istituzioni HANNO ROTTO !!!

Giovy99

Mar, 04/11/2014 - 14:44

Direi un deja vu (vedi Britannia Party ai primi anni 90, a cui partecipò pure Draghi, in cui si svendette l'Italia a Goldman Sachs & co). Lo schema è sempre il solito: compiere operazioni che generano profitto e instabilità, alimentare l’instabilità e usarla per creare allarme sociale. Dare di questa situazione una falsa spiegazione alla gente, che la disponga ad accettare non solo i peggioramenti avvenuti, ma anche ulteriori sacrifici in termini sia economici che di diritti anche politici, come necessari per evitare il disastro. Infine usare questi sacrifici per arricchirsi ulteriormente. L'unico modo per uscire dalla melma in cui ci troviamo è abbandonare l'EURO e ridare la sovranità monetaria ai Singoli Stati, anziché a Banche Private come la BCE. Anche B non lo ha capito o finge di non capirlo, visto che recentemente ha detto che occorre che la BCE stampi moneta...evidentemente pure lui, come i suoi distratti elettori, non ha letto il Trattato di Maastricht!

Luigi Farinelli

Mar, 04/11/2014 - 14:44

Basta con le truffe di questi cialtroni: massoni in grembiulino durante i raduni nelle loro congreghe e spudorati mentitori sulla pelle dell'intera nazione: l'Italia non sopravviverà se i cittadini non riusciranno a capire da soli (ossia al di là della propaganda di regime mediatica) che la crisi italiana è VOLUTA, progettata e attuata con cinica determinazione da elites tese alla globalizzaione mercantilista. Sbattete fuori dalla politica ogni farabutto (politico, giornalista, economista) che osi starnazzare ancora di "più Europa"!

Luigi Farinelli

Mar, 04/11/2014 - 14:45

E' l'Europa che ha intossicato l'Italia! Massoneria fuorilegge!

Ritratto di onollov35

onollov35

Mar, 04/11/2014 - 14:51

@luna serra.Stai tranquillo che la nostra cara Italia non è fallita.La colpa di questa situazione, è di noi cittadini che quando andiamo a votare,a sinistra,a destra o centro,non mandiamo mai persone con i cosidetti,quindi,è la politica che è fallita dal dopo guerra ad oggi.Te lo dice un ragazzo di 79 anni.Come concittadino,ti auguro un avvenire prosperoso.

Ritratto di Civis

Civis

Mar, 04/11/2014 - 14:51

L'Italia è mediamente un popolo di ignoranti, specialmente di cultura d'impresa, di economia, di scienza, di tecnologia e soprattutto di civismo; un popolo di anarchici dove ciascuno fa quello che vuole, tanto le leggi si possono stiracchiare a piacere e gli stessi organi di giustizia aiutano, con interpretazioni anch'esse anarchiche e con tempi per i processi 5 volte superiori a quelli dei Paesi civili, a parte qualche eccezione dettata dall'utilità politica di parte. Un Paese da rivoluzionare, ma che non ama le rivoluzioni e che quindi continuerà a scivolare gradualmente verso l'insignificanza politica ed economica. Grecia, arriviamo!

Mr Blonde

Mar, 04/11/2014 - 14:52

facile no? stampiamo moneta che ce vò?

sbrigati

Mar, 04/11/2014 - 14:59

akim ecc..... prova a dire qualcosa di sensato, sempre ti riesca!

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Mar, 04/11/2014 - 15:12

MRBLONDE, ma quando lo diceva Berlusconi, non dicevate che stampare la moneta non era una buona idea? ora si? :-)

Ritratto di abraxasso

abraxasso

Mar, 04/11/2014 - 15:15

Chissà se capiscono quello che dicono e scrivono...!

Ritratto di stock47

stock47

Mar, 04/11/2014 - 15:32

Bisogna stampare moneta, giustissimo! L'unico guaio è che tale moneta non ci appartiene ma ci viene data in prestito dagli strozzini della BCE, quindi a che servirebbe? Ad inguaiarci di più, come avviene normalmente con gli strozzini. L'unica reale situazione è uscire subito dall'Euro, stampare la nostra moneta nazionale sotto lo stretto controllo dello Stato, niente più banche private dentro la Banca d'Italia! Questa è stata da sempre l'unica vera soluzione e non sarà mai troppo tardi quando l'attueranno, invece di svendere i nostri patrimoni nazionali e individuali in cambio di carta straccia che non vale niente!

Ritratto di CADAQUES

CADAQUES

Mar, 04/11/2014 - 16:11

Cara Europa, caccia via questa Italia prima che per te sia troppo tardi.

Ritratto di hellmanta

hellmanta

Mar, 04/11/2014 - 16:17

E perchè invece di tornare alla Lira non torniamo direttamente al baratto?

Rossana Rossi

Mar, 04/11/2014 - 16:17

Siamo totalmente nella m...a dove ci hanno sbattuto le zecche rosse e i loro governi abusivi e sta uscendo una babele di pressapochismi perché nessuno sa come venirne fuori, altro che Berlusconi...........e noi italiani pirla stiamo a 90 gradi felici di prenderlo in quel posto!!!!

Libertà75

Mar, 04/11/2014 - 16:22

Quando dicevo che l'euro va svalutato, qui mi prendevano per matto... tranquilli tra poco lo dirà anche Renzi e tutti i pappagalli a ripeterlo. La BCE deve comprare titoli di Stato non garantiti a tasso nullo e "svalutarli" di anno in anno per i prossimi 50 anni. Esattamente come nel mercato privato che si ristrutturano i debiti privati per recuperare il recuperabile. L'alternativa è la via indicata da stock47.

vince50_19

Mar, 04/11/2014 - 16:50

Mr Blonde - Magari! Peccato che lo statuto della Bce nn lo preveda, al contrario della Fed e della banca centrale giapponese..

Ritratto di fritz1996

fritz1996

Mar, 04/11/2014 - 17:10

Secondo il Wsj bisogna "stampare moneta": peccato che noi questo potere l'abbiamo perso quindici anni fa.

maurizio@rbbox.de

Mar, 04/11/2014 - 17:11

@ giordano: no no ! Il collasso in Italia ancora non l'avete visto.

Ritratto di stenos

stenos

Mar, 04/11/2014 - 17:17

Ma no? Veramente? Serviva il wsj per farcelo sapere? Fuori dall'euro subito, domani mattinae fuori dall'Europa.

carpa1

Mar, 04/11/2014 - 17:31

Potrei andare anch'io a lavorare per il WSJ, visto che sono anni, da quando quella moneta di merda che si chiama euro viaggia ad un cambio ocsillante tra 1.30 ed 1.60 contro dollaro, senza che ci siano le condizioni per giustificare un tale cambio. Si sa, la banca europea ha come missione di tenere sotto controllo l'inflazione e lo ha fatto talmente bene, a cominciare da Duisenberg, poi Trichet ed ancora Draghi, che siamo ormai in deflazione irreversibile da diversi anni. Questo è ciò di cui è capace l'europa dei maiali della finanza.

Ritratto di CADAQUES

CADAQUES

Mar, 04/11/2014 - 17:41

stenos, magari fosse vero !!! ... Sarebbe una benedizione per tutta l´Europa e per tutti gli Italiani che sono fuggiti dalla vostra fogna ... Tornate alla lira e per salvare il vostro intoccabile stato pappone procedete alla sua svalitazione senza freni ... A pagare il conto del vstro intoccabile sudicio stato pappone saranno i lavoratori con stipendi reali sempre piú da fame.

Giampaolo Ferrari

Mar, 04/11/2014 - 18:34

Draghi troppo buono,prima si dichiara il fallimento e prima si riscrivono le regole del gioco.

Mr Blonde

Mar, 04/11/2014 - 18:44

il mio era ironico, fosse facile sarebbe la panacea di tutto, invece in giappone ci provano da 3 anni e ancora stagna tutto, in america ci stanno riuscendo perchè l'economia è solida pragmatica e flessibile; da noi serivrebbe solo a ridare slancio agli sprechi pubblici. Sono monetarista e reaganiano per cui la moneta "sta bene così", piuttosto mi stupisce che provvedimenti storicamente di "sinistra" stiano sempre sulla bocca di queli di destra, del resto in europa (x fortuna) l'economia è sempre meno di stampo socialdemocratico

vince50_19

Mar, 04/11/2014 - 19:31

Mr. Blonde - "piuttosto mi stupisce che provvedimenti storicamente di "sinistra" stiano sempre sulla bocca di queli di destra" . E viceversa, visto come si sta muovendo questo governo. Ma qui cadiamo nel solito giochino dei guelfi contro i ghibellini etc. che non mi interessa, solo per sfrucugliare qualche rara volta. Vanno prese misure che tutelino noi italiani, se questi governanti ne sono capaci. Mi sa tanto di no, che stiamo scivlando verso un mare nostrum di...

Ritratto di Goldglimmer

Goldglimmer

Mar, 04/11/2014 - 19:37

Chi crede alla crescita infinita o è un pazzo o un professore della Bocconi.

@ollel63

Mar, 04/11/2014 - 21:05

intanto la borsa italiana è la ca-cà d'europa e non solo! Povera italia!

@ollel63

Mar, 04/11/2014 - 21:07

ma ai nostri politici che importa? Loro la rendita a vita se la fanno come quando e quanto vogliono. Poveri elettori italiani quanto siamo stupidi!

vince50_19

Mer, 05/11/2014 - 08:03

stock47 - Sono d'accordo con lei. Peccato che l'art. 3 dello statuto della B.d.I. sia stato modificato in "illo tempore" proprio per creare buona parte dello sconquasso cui oggi assistiamo. Va tuttavia specificato che nelle funzioni dell'Isvap i possessori privati di quote delle azioni della B.d.I. non hanno alcuna influenza, non possono minimamente incidere. Anche se nella faccenda Mps ad es., a mio avviso, la B.d.I. ha grosse responsabilità in materia di controllo (non effettuato a dovere). E qui si apre uno scenario particolare in cui, sempre dal mio punto di vista, certa massoneria reazionaria agisce indisturbata..