Consumi ancora in calo: gli italiani tagliano divertimenti e vestiti

Nonostante la fase più negativa sembri superata, gli occasionali spunti di ripresa non riescono a tradursi in un sensibile recupero dei consumi

Un altro calo, un altro settembre nero. I consumi segnano ancora una flessione negativa con l'indicatore che registra una contrazione dello 0,2% rispetto ad agosto e dello 0,6% rispetto a un anno prima. "Si tratta - avverte la Confcommercio - di dinamiche che rispecchiano la fragilità dell’attuale situazione economica". Nonostante la fase più negativa sembri superata, gli occasionali spunti di ripresa non riescono a tradursi in un sensibile recupero dei consumi che continuano a registrare una sostanziale stagnazione.

"La debolezza dell’attuale fase congiunturale e le incertezze che la caratterizzano - spiega la Confcommercio - si leggono anche nelle dinamiche dei principali indicatori congiunturali che, seppur positivi in alcuni casi, rimangono ancora estremamente deboli". La diminuzione congiunturale registrata dall’indicatore a settembre deriva da una flessione dello 0,4% della domanda per la componente relativa ai servizi e da una stasi della componente relativa ai beni. Per quanto riguarda le singole macro-funzioni di spesa, aumenti dello 0,2%, rispetto ad agosto, si registrano per i beni e servizi per la mobilità, per le comunicazioni e per la casa. La spesa per alimentari e tabacchi segna, invece, una stabilità. Diminuzioni di un certo rilievo sembrano aver interessato i beni e servizi ricreativi (-0,8%), dove si è decisamente attenuata la spinta positiva proveniente dai giochi e lotterie, e per alberghi, pasti e consumazioni fuori casa (-0,6%). Elementi di difficoltà caratterizzano la spesa beni e servizi per la cura della persona (-0,3%) e per abbigliamento e calzature (-0,2%).

La dinamica tendenziale dell’indicatore mostra una diminuzione dello 0,6%, più contenuta rispetto a quanto rilevato nel bimestre precedente. "Questo risultato - fa notare la Confcommercio - sintetizza una contrazione dello 0,9% della domanda relativa ai servizi e dello 0,4% della spesa per i beni". Ad agosto, le uniche variazioni positive, su base annua, si rilevano per i beni e servizi per le comunicazioni (+5,2%), per i beni ed i servizi per la mobilità (+1,0%) grazie al permanere della tendenza al recupero della vendita di autovetture a privati in atto da luglio. Per quasi tutti gli altri capitoli di spesa si rilevano, su base annua, diminuzioni pari o superiori all’1%.

Commenti

Mechwarrior

Gio, 06/11/2014 - 11:13

I nostri governi fanno di tutto per fare in modo che si compri all'estero per far arricchire DE-UK-USA-CHINA. basta guardare i prezzi degli stessi oggetti nei succitati paesi confronto all'italia....minimo si risparmia il 30%

max.cerri.79

Gio, 06/11/2014 - 11:33

Fase nera superata? Spunti di ripresa? Corato, ma non vivi in italia?

Ritratto di pedralb

pedralb

Gio, 06/11/2014 - 12:08

Da 5 anni perdiamo circa 600 posti di vaoro al giorno nel sttore privato, totale circa 1.080.000. Avete mai visto un dipendente pubblico restare a casa, o un politicante di mestiere perdere i suoi previlegi costruiti con anni di rapine alla collettività????? Se pensate di no la risposta vien da se. Siamo economicamente in agonia....speriamo che ci venga staccata prontamente la spina....e poi faremo i conti.

gio 42

Gio, 06/11/2014 - 12:18

Buongiorno, il brutto è che tirano sempre i più deboli, gli ultimi, i pensionati, chi vive con un solo reddito. In compenso chi ci governa pensa a loro, (fanno a gara ad essere con i più deboli a parole) ci governano con principi comunisti. Che società di ipocriti che è diventata. Saluti

Duka

Gio, 06/11/2014 - 12:31

Oh perbacco; eppure gli 80 Euro..... ma lasciamo perdere dice il bullo ho voluto scherzare, so bischero! Ma d'ora in poi le cose cambieranno ho alzato la posta EVVIVAaaaa!! "siamo in una botte di ferro" ha detto pure questo tempo fa e molto altro da dimenticare.

Ritratto di Azo

Azo

Gio, 06/11/2014 - 12:33

Da che Monti è stato al governo con il detto """VEDO UN BARLUME DI LUCE, IN FONDO AL TUNNEL""", L

Ritratto di Carlo_Rovelli

Carlo_Rovelli

Gio, 06/11/2014 - 12:42

Ma se appena ieri ci informavate che le famiglie ricominciavano a consumare ...

Ritratto di pasquale.esposito

pasquale.esposito

Gio, 06/11/2014 - 13:33

In, un Paese fermo da 50 Anni! questo é solo l,inizio della fine,perche i consumi non possono aumentare se non si creano i posti di lavoro, é per creare posti di lavoro bisogna fare le riforme per attirare Capitali Esteri in Italia, é proprio ieri il capo del CSM si é reso conto che la Giustizia in Italia é un freno agli Investimenti Esteri, ma in Italia cé della gente komunistronza che é cosi stupida da non capire che le riforme che Berlusconi voleva fare 8 anni fá avrebbero salvato Milioni di posti di lavoro, é cosi noi andiamo avanti cosi incontro alla Catastrofe, é questa gente non capisce che non é importante chi fá queste Riforme, l,importante é che si fanno!!!.

pietro_da_biella

Gio, 06/11/2014 - 13:37

Io quello che ho, anche i famosi 80 €, non lo spendo e me lo metto sotto il cuscino, continuo a risparmiare se posso. Invito tutti a fare lo stesso, anzi, mettiamo in crisi il sistema, e chi può non usi l'auto. Almeno così acceleriamo la morte di questo paese di m.

gigetto50

Gio, 06/11/2014 - 13:41

....diminuira' ancora la spesa.... Ad esempio Piemonte dove é stato deciso aumento bollo auto e IRPEF su pensioni...si dice che sara' colpito il ceto medio. Bene, chi prima non spendeva continuera' a non spendere e chi invece comprava qualcosa in piu' ora o non lo fara' piu' o comunque diminuira' le uscite. Con il risultato che lo Stato si vedra' decurtare gli incassi IVA, altri negozi ed esercizi chiuderanno,etc..etc.. Proprio si fa finta di non capire che é la spesa che va ridotta (sopratutto quella centrale....questa benedetta spending review mai applicata...) e non si aumentano le tasse se si vuole dare slancio all'economia. Ma cosa vogliamo farci...con i cattocomunisti al governo...non ci sono alternative...

Ritratto di Euterpe

Euterpe

Gio, 06/11/2014 - 13:58

Lo zoccolo duro del pd è costituito dalla classe impiegatizia della PA, ma anch'essa si renderà conto prima o poi dell'erosione costante del suo stipendio, causata da una tassazione che tutti ben conosciamo, inutile qualificarla.Anche se renzi vergognosamente le ha fatto l'elemosina, a scapito di categorie non protette, gratificandola di 80 euro, ben conoscendo gli italiani, che si venderebbero anche per meno.

gio 42

Gio, 06/11/2014 - 14:15

Buonasera, questo commento farà sorridere tanta gente che non è minimamente d'accordo, però è la storia che lo dice, più un paese va a sinistra, più il popolo specialmente i più deboli impoveriscono. Leggete bene la storia di tanti paesi governati con il principio del comunismo, e vi renderete conto se non è la verità. In Russia alla caduta del comunismo, chi stava fuori per le strade (il popolo) sputava addosso a chi usciva dagli uffici statali, con la cancelleria nei cartoni. E questa non è fantasia ma storia documentata dalle immagini televisive. Saluti

bret hart

Gio, 06/11/2014 - 14:21

con che cazzo di soldi possiamo spendere se non c e una lira? ma i politici che girano con auto blu scortati imboccati non lo capiscono loro mangiano filetto pagato due lire vivono in un altro mondo ma arriverà la fine....

Ritratto di Dragon_Lord

Dragon_Lord

Gio, 06/11/2014 - 14:24

A GENNAIO RENZI VI AUMENTERA' BENZINA, IVA BOLLI E TASSE LOCALI, LAVORATE PER NULLA, PER FORAGGIARE IL NUOVO ORDINE MONDIALE, ALLOCCHI !!

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Gio, 06/11/2014 - 14:25

presto i vostri politici di sinistra vi lasceranno nudi..

Magicoilgiornale

Gio, 06/11/2014 - 17:04

Spero che la statistica non venga fatta sul fatturanto e con il pagamento con carta di credito, i negozzi di alta distribuzione sono pieni in particolar modo sabato e domenica ' vedi piccola regia Caserta' !!! Riflettete