Così la Coop fa i soldi con la finanza

Nei bilanci delle cooperative rosse la finanzia pesa molto più della gestione industriale dei classici ipermercati

Una volta il denaro era lo sterco del diavolo, nell'immaginario collettivo della sinistra. Un pregiudizio ancora vivo, direbbero molti. Un ricordo del passato, dicono i numeri che emergono dai bilanci delle Coop rosse. Secondo le più recenti analisi sui conti delle maggiori cooperative di consumo, a far sorridere le Coop è la finanza, non gli ipermercati a cui tutti siamo abituati a pensare. E il gap non è certo piccolo.

Nel 2013 le Coop hanno ricavato più soldi dalle operazioni finanziarie che non dagli ipermercati: a svelarlo è un'indagine di R&S Mediobanca, secondo cui il saldo tra proventi e oneri finanziari - ossia la gestione finanziaria - delle principali Coop di consumo del Paese ha fruttato alle Cooperative un saldo in positivo di 210 milioni. La gestione industriale delle Coop, per contro, ne frutta "appena" 47,1.

Il centro studi di R&S Mediobanca ha pubblicato un rapporto specificamente rivolto ad analizzare la situazione dei maggiori gruppi della grande distribuzione in Italia, passando al setaccio i conti delle undici principali cooperative.

Spulciando i dati presentati dal centro studi di Piazzetta Cuccia, si apprende che nel 2013  i proventi finanziari hanno pesato per l'1,9% sui ricavi aggregati del 2013, pari a 11,2 miliardi di euro. Il reddito della gestione industriale - o margine operativo netto - incide invece solo per lo 0,4%. Negli ultimi quattro anni 2009-2013 la gestione finanziaria ha fruttato alle Coop proventi per 889 milioni di euro; gli utili lordi provenienti dalla gestione industriale, per lo stesso periodo, sono invece pari a 249 milioni.

Scendendo più nello specifico della gestione finanziaria, si scopre come, nel quadriennio preso in esame, il portafoglio titoli delle Coop ha subìto svalutazioni per 713 milioni (97 nel 2013), per un saldo positivo di 180 milioni. Tra i 12,2 miliardi di investimenti presi in considerazione, 1,3 miliardi sono titoli di Stato, 2,4 miliadi obbligazioni e 2,1 miliardi obbligazioni, soprattutto del gruppo Unipol.

Infine vanno ricordati il miliardo e mezzo di titoli immobilizzati - in gran parte ancora una volta titoli di Stato - e due miliardi in liquidità. Un ruolo decisivo è svolto poi dai 10,8 miliardi di finanziamenti raccolti dai soci, in crescita del 3,4% rispetto al 2012: un fattore chiave nell'alimentazione degli investimenti.

Per quanto riguarda i bilanci, invece, sei coop su undici hanno chiuso con una gestione industriale in negativo: tra le peggiori Ipercoop Sicilia (-9,4% dei ricavi) e Unicoop Tirreno (-3,2% dei ricavi).  Nel 2013 le coop che hanno chiuso in passivo sono scese a quattro, proprio grazie alla finanza.

Commenti
Ritratto di Jampa

Jampa

Gio, 18/12/2014 - 18:10

Potere della fidelizzazione. Un capolavoro guidato dalla pubblicità e dal passaparola, assorbita da una gran massa di persone semplici che si fidano soprattutto del partito soggiacente, visto che si tenta sempre più di passare alla raccolta diretta - complici gli uffici dedicati aperti nei punti vendita. Spero non si traduca nell'ennesimo disincanto a causa di probabili turbolenze finanziarie.

Nik88nk

Gio, 18/12/2014 - 18:11

Che articolone..i profitti delle coop vengono reinvestiti in strumenti finanziari, generalmente in obbligazioni per difendersi dall'inflazione (anche se ora è molto bassa)....e quindi?

eloi

Gio, 18/12/2014 - 18:11

Non assicuratevi più con Unipol, avevo inestito 10.000 euro in azioni mi ritrovo in mano il 10% e hanno anche il coraggio di proporti l'aumento di capitale. Via Stalingrado 45 Bologna. Ricordate questo indirizo. Sede della lega delle cooperative cui fanno capo COOP CONAD e UNIPOOL. Se potete disertate anche i supermercato come sto facendi io da un paio d'anni

Duka

Gio, 18/12/2014 - 18:14

"LA COOP SEI TU" No grazie preferiscono non aver nulla a che fare con questa gentaglia.

filder

Gio, 18/12/2014 - 18:18

Questa è la vera Peppa Big del terzo canale Rai che ha fatto fortuna immobiliare raccontando schifezze e parolacce e tutto con il canone pagato dagli utenti pecoroni.

Ritratto di maurofe

Anonimo (non verificato)

Ritratto di maurofe

maurofe

Gio, 18/12/2014 - 18:24

ANZI SCUSATE.....CHE ROITO!!

Ritratto di BIASINI

BIASINI

Gio, 18/12/2014 - 18:26

210 milioni di utili dalla gestione finanziaria?. Non ci credo nemmeno se li vedo. Mi sa che è un'altra Parmalat. Lo sospetto da anni. Il giro è poco chiaro e e i "cooperanti" sono sempre a caccia di....... banche. "Abbiamo una banca!" La mitica esclamazione del duo D'Alema Fassino. Quando scoppierà il bubbone non basteranno i 3,9 miliardi regalati dall'inguardabile Monti a MPS. Certo i 3,9 mld erano soldi nostri, dell'IMU più precisamente. Con i soldi nostri il Monti voleva comperarsi la presidenza della repubblica bananiera. Ma si sa, i Kompagni non

Solist

Gio, 18/12/2014 - 18:28

so che madre natura sforna a caso e senza malignità però sta foto prima di cena ce la potevate risparmiare

Albius50

Gio, 18/12/2014 - 18:52

LA COOP SONO LORO io penso che deve essere gestito come una qualsiasi società NON STATALIZZATA, e neppure come dice la UE(UN ALTRA COOP), sui prodotti io voglio essere dettagliatamente informato ANCHE DELLA PROVENIENZA

Ritratto di marione1944

marione1944

Gio, 18/12/2014 - 19:07

eloi: pienamente d'accordo ma io non sono mai andato in quei supermercati (non li nomino nemmeno) e ho avuto ( con ragione) un incidente automobilistico proprio con un assicurato di questa compagnia. Dopo un paio di mesi ho chiesto se potevano liquidare il danno e mi sono sentito rispondere che se anche io ero un loro assicurato mi avrebbero liquidato il danno in quel momento, altrimenti dovevo aspettare ancora. Sono stato liquidato dopo altri quattro mesi. Quindi la capisco e condivido in pieno il suo commento; e come dire "la coop sei tu chi può darti di più?", risposta: tutti gli altri!

Ritratto di tppgnn

tppgnn

Gio, 18/12/2014 - 19:21

Nik88nk. QUANDO SI NASCE SERVI. Le cooperative in tutto il mondo tranne in questo demenziale paese svolgono un ruolo sociale ed è per questo che usufruiscono di enormi agevolazioni fiscali. Se speculano in finanza invece che investire con il fine di creare lavoro tradiscono la loro naturale caratteristica e diventano potentati finanziari.

pascoll1

Gio, 18/12/2014 - 19:29

Se la coop e' la stessa della scorfana che le fa la pubblicità, non ci metterò più piede.

beowulfagate

Gio, 18/12/2014 - 20:54

Certo che guadagnano in questo modo,che cosa credevamo ? Che guadagnassero con-il-commercio-equo-e-solidale- o costruendo pozzi a Gaza ? Guadagnano con le regole del più classico capitalismo,come tutte le aziende (quelle che ci riescono) fanno da che mondo è mondo e sempre faranno.Il disprezzo per il capitale va bene per soddisfare le diarree cerebrali dei loro schiavi.Mi viene da ridere quando li sento grugnire contro le multinazionali,una delle più grandi è la loro.E già che ci siamo,come credete vengano investiti i soldi della CGIL ? Arrivederci.

Ritratto di RaddrizzoLeBanane

RaddrizzoLeBanane

Gio, 18/12/2014 - 21:02

Pronto? ?...Si? Che abbiamo una banca?

Ritratto di bracco

bracco

Gio, 18/12/2014 - 21:36

La coop dei tu ?....andassero a fan cxxo questi mafiosi, la coop sono loro branco di farabutti.

Ritratto di bracco

bracco

Gio, 18/12/2014 - 21:47

Un nome un emblema sonono le coop, "Falce e carrello". Le mani sulla spesa degli italiani è il libro denuncia, pubblicato da Marsilio Editori nel mese di settembre 2007, scritto da Bernardo Caprotti, patron di Supermarkets Italiani (Esselunga). I ricavi dalla vendita del libro sono devoluti in beneficenza. Nel libro l'autore racconta la storia della propria azienda e dei contrasti con le cosiddette Coop rosse, ahaahaha, criticando il sistema di agevolazioni fiscali e denunciando appoggi politici alle cooperative da parte di amministrazioni locali o istituzioni di centrosinistra. Caprotti documenta le scorrettezze messe in atto dalle cooperative che gestiscono i supermercati Coop (in particolare le coop emiliano-romagnole) al fine di impedire l'espansione di un concorrente "scomodo". ehehehe ma guarda un po'....

Ritratto di Jaspar44

Jaspar44

Gio, 18/12/2014 - 22:03

Volevo commentare ma vedendo la Littizzetto m'è passata la voglia. Let's change photo... please! That's awful! Sembra dire: " La Coop sei tu ... ma i soldi sono miei!"

Ritratto di Euterpe

Euterpe

Gio, 18/12/2014 - 23:05

@beowulgate- Il suo è un commento chiaro e veritiero. Complimenti.

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Ven, 19/12/2014 - 00:28

Oggi non esistono più le condizioni economiche che avevano giustificato la formazione delle cooperative nell'800. L'economia del paese non è più quella del XIX secolo. ALLORA COME MAI PERSISTONO QUESTE STRUTTURE OTTOCENTESCHE CHE NON SI DIFFERENZIANO DA UNA QUALSIASI CATENA DI SUPERMERCATI PRIVATI? VENGONO MANTENUTE IN VITA PERCHÉ SERVONO A FINANZIARE IL PD?

mariod6

Ven, 19/12/2014 - 07:45

Vi siete dimenticati le cooperative di facchinaggio/logistica. Non si trova un bilancio neanche a pagarlo e dopo 23 mesi spariscono e ricompaiono con un altro nome. Un mio professore diceva: "Il Capitalismo è lo sfruttamento dell'uomo sull'uomo, il comunismo è il contrario"

andreper

Ven, 19/12/2014 - 08:33

@ Ivan Franzese. Perchè non scrive un bell'articolo sul fatto che il governo renzi (minuscolo) ha praticamente tolto al MISE (Min. Sviluppo Economico) tutti i fondi destinati ai controlli (revisioni) sulle cooperative non associate. Le coop hanno versato circa 20 milioni di euro per contributo revisioni e renzi darà al MISE solo 1 milione, di fatto abolendo i controlli. Non trova che sia una questione interessante scoprire perchè lo Stato non controlla? (Se ha già scritto in merito e non ho letto l'articolo mi scuso )

cgf

Ven, 19/12/2014 - 11:21

Ni88xx gli utili delle coop servono sopratutto a pagare stipendi a compagni (trombati e non) messi in posti dove non vi sarebbe bisogno se non per versarne una parte (obbligatoria) al Partito. Provi a chiedere alle MIGLIAIA di precari che lavorano nelle COOPERATIVE inoltre....vogliamo parlare di sponsorizzazioni? Provi lei come CRI o AVIS a chiedere 100 euro, è NO, ma se il Partito chiede i cinque/sei zeri ci sono. Ovvio tutto in bilancio, ma se lo facesse Esselunga o il gruppo PAM....sarebbe finanziamento illecito

Ritratto di filatelico

filatelico

Mar, 23/12/2014 - 08:31

Basta racchia idiota degna comare del pretino Fazio. All'inferno te e la TUA COOP!!!