Così la Popolare di Vicenza ha rifilato titoli tossici a 58mila azionisti

Per sostenere gli aumenti di capitale la Popolare di Vicenza ha truccato i dati dei risparmiatori. Ecco come li ha riempiti di titoli rischiosi

Prima è stata la volta di Banca Etruria, CariChieti, CariFerrara e Banca Marche. Adesso scoppia il bubbone della Popolare di Vicenza. In una ispezione, condotta tra il 26 febbraio e il 3 luglio 2015 , la Banca centrale europea si è accorta che l'istituto vicentino ha rifilato a 58mila azionisti, che non erano in linea con la direttiva europea, titoli ad alto rischio. Adesso l'ex presidente Gianni Zonin e l'ex amministratore delegato Samuele Sorato sono indagati per aggiotaggio e ostacolo alle autorità di vigilanza. Ma quanto emerge dalle 103 pagine redatte dalla Bce e riportate oggi da Repubblica è una truffa senza precedenti.

"Gli aumenti di capitale del 2013 e del 2014 - si legge nel documento della Bce - sono stati portati a termine adottando un approccio non in linea con le normative Mifid, poiché la Bpvi non ha stilato il profilo di rischio completo dei clienti attraverso i test prescritti oppure li ha alterati a suo vantaggio". Quello che emerge dal report dell'istituto centrale è agghiacciante. Perché gli azionisti non solo non venivano assistiti correttamente dalla banca, ma venivano addirittura informati con semplici lettere che avrebbero dovuto essere rispedite in filiale dopo essere state firmate. Nella stragrande maggioranza dei casi i risparmiatori contattati non rispondevano, ma l'investimento procedeva ugualmente. Con questi magheggi, fa notare Repubblica, la Popolare di Vicenza riusciva a spingere i risparmiatori a "comprare un titolo che nel giro di un paio di anni è passato da un valore di 62,5 a 0,1 euro".

Dall'ispezione della Bce emerge, infatti, che "i titoli sono sempre stati sovrastimati come dimostra la costante e significativa differenza tra il valore dei titoli della Bpvi e delle altre popolari quotate, utilizzando medesimi modelli di valutazione". Se, per esempio, si considera il rapporto tra il valore di mercato del titolo e il valore di libro, balza subito all'occhio che il coefficiente della Vicenza (1,2) sia quasi il doppio della media di quello delle popolari italiane quotate in Borsa (0,73). "Zonin e i suoi manager hanno finanziato gli acquisti delle azioni e illuso i clienti con la possibilità di rivendere quei titoli alla banca - spiega Walter Galbiati su Repubblica - ma tra gennaio 2013 e dicembre 2014, le richieste di riacquisto sono diventate insostenibili, tanto che la Vicenza si è trovata di fronte 15mila ordini dal valore complessivo di un miliardo di euro: a gennaio 2013 le richieste valevano solo 52,5 milioni di euro e ci volevano 28 giorni per evaderle. Alla fine del 2013 è stato calcolato che servivano 311 giorni".

Anche quando la Popolare di Vicenza riacquistatava i titoli, non lo faceva rispettando l'ordine della priorità temporale. "Tra gennaio 2014 e febbraio 2015 - si legge ancora nel report - almeno 200 ordini sono stati evasi con una priorità che non ha seguito la normale procedura per un controvalore di 21,8 milioni di euro".

Commenti

Duka

Ven, 17/06/2016 - 10:22

SONO LE BANCHE DEI TRUFFATORI AL GOVERNO DELL'ITALIA.

unosolo

Ven, 17/06/2016 - 10:30

qui mica c'era infilato anche il CDA delle 4 banche per caso ? ora che la giustizia riprenda in mano le truffe delle banche e indaghi sui CDA delle banche e se la CONSOB o altri organi istituzionali o meno che dovevano controllare e non lo hanno fatto chieda il risarcimento con sequestri dei beni e tutti gli interessi persi dai risparmiatori , il governo non doveva fare il decreto che salvò le banche e i CDA per interessi parentali come emerso quindi chi ha coperto deve essere indagato ,ha ostacolato il regolare processo della subita truffa , ma visto come hanno occupato i vertici , finisce a tarallucci e vino.

Ritratto di semperfideis

semperfideis

Ven, 17/06/2016 - 10:57

Così fan tutti i pagliacetti rossi di Abbiamo una banca....

Ritratto di Cardanus

Cardanus

Ven, 17/06/2016 - 11:15

E voi date retta a cio' che scrive Repubblica? Si scrivono un mare di cretinate sulla Popolare di Vicenza, ed e' un miracolo che non sia ancora fallita (grazie ad Atlante). Nessuna banca al mondo puo' reggere le vagonate di letame che le vengono rovesciate addosso ormai da un anno e mezzo. Molti di questi 'truffati' sapevano bene i rischi che correvano ma hanno fatto finta di nulla. E ora si lamentano...

Ritratto di marino.birocco

marino.birocco

Ven, 17/06/2016 - 11:28

E bravo Zonin mi rifili le schifezze e io bevo il tuo vin.

routier

Ven, 17/06/2016 - 11:57

"Banca Etruria, CariChieti, CariFerrara e Banca Marche. Adesso scoppia il bubbone della Popolare di Vicenza". Quanti in galera?

Gius1

Ven, 17/06/2016 - 11:59

Come dice renzi, aiutiamo le banche. LADRI di professione . Governo traditore. Popolo fregato in pieno

vince50_19

Ven, 17/06/2016 - 12:20

Tutti in galera, compresi quelli delle altre banche che hanno depredato risparmi della gente, mentre gli "amici opportunamente informati" svuotavano i conti correnti e salvavano i propri denari. Saldare la porta delle galere e buttar via le chiavi con sti maledetti "figlidi" dentro a marcire.

giovauriem

Ven, 17/06/2016 - 12:32

e quale è il problema , con la politica alle spalle le banche possono fare quello che vogliono , devono solo dividere il malloppo tra loro , politica , una certa banca unica , e un certo comitato di affare che fa finta di vigilare .

Walter72

Ven, 17/06/2016 - 12:59

Truffatori banditi è dir poco! come ha commentato qualcuno prima di me andare a casa di questi Signori, presidente, consiglieri, sindaci, confiscare tutto anche ai parenti più stretti e galera a vita! delinquenti a dir poco!

Ritratto di elkid

elkid

Ven, 17/06/2016 - 13:20

-----certo che uno come zonin --proprietario dei vini in italia --coi soldi che gli escono dalle orecchie --faccia anche il direttore per 20 anni di una banca --potendo fare e disfare a suo piacimento è una situazione a dir poco paradossale---ma senza escludere responsabilità che vanno perseguite a tutti i costi a me quello che proprio risulta difficile da capire è come una persona semplice- operaio o similare che decide di investire i propri soldi --si mette a comprare azioni--è una roba da pazzi---perchè da qui parte tutto-inizialmente il correntista ha sottoscritto l'acquisto di azioni ---poi c'è stata l'azione fraudolenta---l'ignoranza non paga mai

maurizio50

Ven, 17/06/2016 - 14:11

Qualcuno svegli dal sonno Mozzarella: sentiamo cosa ha da dire sulle Banche il brav'uomo!!!!!

routier

Ven, 17/06/2016 - 14:33

@ elkid, Quando si ha bisogno di un fido o di un prestito e la banca lo concede solo a condizione che si sottoscrivano i sui titoli (tossici), c'é poco da scegliere.

Ritratto di giangol

giangol

Ven, 17/06/2016 - 14:37

spero siano tutti azionisti rossi

unosolo

Ven, 17/06/2016 - 14:38

il governo ha dimostrato che può aggirare la magistratura e fregarla , la magistratura si è sottomessa al governo amico , non ci sono altre spiegazioni , hanno permesso fuga dei CDA col malloppo e salvato banche con decreto , il governo non rispetta la sentenza della Corte costituzionale e non succede nulla , il cittadino che paga interessi allo Stato su propri investimenti rischiando e lo Stato gli leva il mezzo per difendersi con un decreto . come i pensionati tutti i risparmiatori sono truffati dallo Stato attualmente , mai con decine di governi uno andò contro il popolo. questo si !

unosolo

Ven, 17/06/2016 - 14:42

adesso domandiamoci come mai le grandi città hanno enormi debiti con le banche ? guarda caso come entrano a condurre una città solo i sx dicono subito che esiste un enorme buco e appena insediati cambiano e rivalutano i mutui , come mai ? sarà che hanno la banca ? ladri in prevenzione o sono proprio cosi come il governo ?

Ritratto di hermes29

hermes29

Ven, 17/06/2016 - 14:54

Confrontando le cifre, i banchieri truffano più denari dei boss mafiosi, ed allora perché non finiscono in cella con il 41 bis? Sono soldi sempre diversamente rubati, ed allora perché questa immunità giudiziaria nonostante le normative legislative? Cosa bisogna fare per avere vera giustizia? Altra domanda! Perché le banche che truffano vengono rifinanziate dallo Stato? Se chiudono definitivamente nessuno piange i loro disoccupati correi del fallimento. Un interpretazione legislativa politicamente personalistica ed impropria, fa decadere un Senatore e Cavaliere del Lavoro eliminandolo dalla politica, questi banchieri invece cambiano soltanto il nome della banca truffando ancora. Chiedere un trattamento paritario è umanamente possibile?

nerinaneri

Ven, 17/06/2016 - 14:54

Cardanus: te la sentiresti di esprimere una percentuale di questi consapevoli? 30%? 25%...comunque, a mio parere, pop di vicenza è una banca komunista...

paolo b

Ven, 17/06/2016 - 15:57

immagino che la BCE abbia avvisato banca italia e magari consob dopo l'ispezione terminata il 3 luglio 2015. di questa irregolarità non credo se ne siano accorti l'ultimo giorno!!! comunque credo che organi di controllo come bce banca italia e consob avrebbero dovuto fare immediata denuncia alla magistratura ed alle fiamme gialle. questo non è avvenuto ora un giudice dovrebbe condannare queste istituzioni a rifondere il danno ai risparmiatori, interdire dai pubblici uffici e condannare a pene detentive gli ispettori che non denunciando i fatti si sono resi complici del raggiro, mentre i vertici della banca presidente consiglio di amministrazione dirigenti ecc. ergastolo!!!! forse cambierebbero le cose!!!!!

accanove

Ven, 17/06/2016 - 15:58

...e Zonin.... ora è nullatenente e rifugiato in Brasile.... per poco lo eleggevano anche nel CDA del consorzio di tutela del Prosecco (poi optarono per il figlio vista la caratura del personaggio che si andava delineando con i media )

Ritratto di hermes29

hermes29

Ven, 17/06/2016 - 16:13

Storicamente in Italia non si è mai assistito a fallimenti bancari così spropositati, localmente localizzati e numerosi. Banca Etruria, CariChieti, CariFerrara Banca Marche e Popolare di Vicenza. Sorge il legittimo sospetto che i clienti avevano in partenza garantito, il risarcimento da parte dei sottoboschi filo governativi? E' impossibile che tutte queste banche contemporaneamente durante i governi del PD. vanno in fallimento. Chiamo sul banco degli imputati il Governo come complice indiretto "non poteva non sapere" imponendo la sospensione immediata dei risanamenti. La Corte dei Conti non avvia le pratiche per il risarcimento?

Rossana Rossi

Ven, 17/06/2016 - 16:21

Ha ragione giovauriem.......mentre il 'bell'addormentato del colle' non vede, non parla e non sente ma continua imperterrito a dormire..........

arkkan

Ven, 17/06/2016 - 17:38

Sono tutte balle! Ovvero mezze verità, per cui nello stile di repubblichella si evidenziano solo le mezze di comodo. Quoto quindi Cardanus. Nerinaneri, gliele dico io le percentuali 98%! Quando hanno guadagnato nessuno si lamentava. Poi, come si fa a paragonare il valore di un titolo in borsa con quello si una società non quotata (come BPVI), il cui valore è determinato dal capitale netto? E' una cretinata! Il fondo Atlante è stato organizzato per fare un affarone, prima si sputtana mediaticamente la banca, si sollevano sospetti, si inviano diktat (Bankitalia e BCE), poi si va in "soccorso" ma si compra tutto ad una briciola (10 cent/azione). Scommettiamo che tra alcuni mesi il valore sarà mooolto piu' alto così il Atlante (ed i suoi azionisti) avranno guadagnato (meglio rubato) un sacco di soldi!

Ritratto di hermes29

hermes29

Ven, 17/06/2016 - 19:02

Siccome possono compiere lo stesso reato, perché non arrestarli immediatamente come si faceva con Mani Pulite? Si lasciavano dentro fino che non cantavano, chiamando in causa i COMPAGNI complici. "BANCHE PULITE"

Ritratto di combirio

combirio

Ven, 17/06/2016 - 21:09

Non aspettatevi che la magistratura intervenga, sono tutti in ferie. Ci fosse stato dentro Berlusca avrebbero lavorato Natale e Capodanno e studiato di notte come incastrarlo.

roberto bruni

Sab, 18/06/2016 - 00:22

Benissimo, avanti cosi! Qui ci sono gli estremi per truffa aggravata, false comunicazioni alla clientela, frode in commercio e, dulcis in fundo, associazione per delinquere. Qui, in un paese NORMALE (Zimbabwe per esempio) il presidente, l'amministratore delegato, il Direttore Generale, sarebbero gia' in galera e rischierebbero (in un paese normale, ripeto) almeno 10-15 anni. In America (ma la sono veramente democratici) per fatti simili si rischiamo veramente 30 Anni. Andarsi a vedere crac Enros, Lehman Brothers etc. etc. Stiamo ora a vedere....

Duka

Sab, 18/06/2016 - 06:51

In qualunque altro stato sarebbero tutti dietro le sbarre. Qui li mandano ai Caraibi a spassarsela con i soldi RUBATI alla povera gente.

nerinaneri

Sab, 18/06/2016 - 09:58

arkkan: dichiariamo guerra agli hedge funds e a quella cattivona della speculazione finanziaria globale?...

Ritratto di Cardanus

Cardanus

Dom, 19/06/2016 - 10:58

Zonin non e' scappato da nessuna parte, ogni mattina va nel suo ufficio, alla casa vinicola.

Ritratto di Cardanus

Cardanus

Dom, 19/06/2016 - 11:00

X Nerinaneri Non saprei le percentuali, ma l'ignoranza non ha mai aiutato nessuno. Se non sapevano che compravano potevano investire nel mattone, in BOT o oro zecchino, come ho fatto io...