Crollano i titoli bancari: Piazza Affari in caduta libera

Raffica di sospensioni nel settore bancario: a Milano la Borsa chiude al 2,65%. Ancora giù il petrolio

Il settore bancario va ko in Borsa per il timore del bail in e di nuovi rafforzamenti patrimoniali necessari per far fronte alle potenziali perdite legate alle sofferenze e tira giù Piazza Affari che chiude 2,65% a 18.686 punti. Pesano inoltre le incertezze che arrivano dal Portogallo, dove la Banca centrale ha confiscato arbitrariamente 2 miliardi di bond senior a Novo Banco.

Seduta drammatica per Mps. Il titolo della banca senese, dopo essere stato più volte congelato dagli scambi, ha chiuso con un tonfo del 14,75% a 0,765 euro. Aggiornati i minimi storici a 0,748 euro. I numeri sono impietosi: negli ultimi sei mesi è andata in fumo la maxi ricapitalizzazione da 3 miliardi di euro portata a termine la scorsa estate. Da inizio 2016, in sole undici sedute, il titolo Mps ha perso oltre 30 punti percentuali. Forti vendite anche sugli altri titoli del comparto bancario: Banco Popolare ha ceduto il 6,72% a 10,40 euro, Popolare dell'Emilia Romagna l'8,73% a 5,645 euro, Intesa SanPaolo il 4,99% a 2,662 euro, Ubi Banca il 7,28% a 4,914 euro, Unicredit il 5,36% a 4,162 euro. In decisa controtendenza STM che ha chiuso la seduta con un progresso dell'1,71% a 5,335 euro.

Sul petrolio si è fatto sentire l'effetto Iran. L'oro nero, già fortemente penalizzato nelle scorse settimane, ha pagato i timori legati alla produzione di greggio che potrebbe ulteriormente aumentare dopo l'accordo siglato nel weekend appena trascorso con l'eliminazione delle sanzioni da parte dei Paesi occidentali sull'Iran. Il Wti ha aggiornato questa mattina i minimi pluriennali a 28,36 dollari al barile. Domani grande attesa per il Pil cinese del quarto trimestre e dell'intero 2015. Nel settore oil la peggiore è stata Saipem che ha terminato gli scambi con una flessione del 5,13% a 6,8 euro. Eni ha invece contenuto le perdite mostrando un ribasso dell'1,11% a 12,41 euro.

Chiusure in calo per le principali Borse europee: a Londra l'Ftse 100 scende a 5.781,71 punti a -0,39%, a Francoforte il Dax 30 scende a 9.538,02 punti a -0,08%, Eurostoxx 50 a 2.939,58 punti a -0,44%, a Parigi il Cac 40 cala a 4.193,75 punti a -0,39%.

Commenti
Ritratto di computerinside

computerinside

Lun, 18/01/2016 - 12:09

il prezzo del petrolio è sceso di circa il 70% rispetto a pochi anni fa quando sfiora i due euro a litro alla pompa...come mai il prezzo al distributore è sceso solo dle 20 % max! la matematica non è un opinione ... Cosa succederà se il prezo del petrolio arriverà di nuovo a 100 dollari il barile ? Alla pompa costerà 10 euro al litro? governanti ladri paghiamo ancore le accise per le guerre coloniali di fine ottocento!!!!!!!!!!!

polonio210

Lun, 18/01/2016 - 12:12

Il sistema bancario italiano sta crollando e verrà seguito a ruota dallo Stato.Ritirate tutto il contante dai conti correnti,vendete tutti i titoli in vostro possesso(meglio perdere qualcosa oggi che tutto domani),restituite le carte di credito e il bancomat,cambiate il 70% degli euro in valute estere:dollari USA,sterline inglesi,dollari canadesi e australiani.Non date VOLONTARIAMENTE soldi allo stato:non comperate gratta e vinci o biglietti di lotterie varie.Pagate sempre in contanti(il limite è stato alzato a 3000 euro).

Libertà75

Lun, 18/01/2016 - 12:15

la verità è sempre semi celata... in realtà il sistema bancario italiano non si è ancora spurgato delle insofferenze... le motivazioni sono molteplici, non solo per speculazione interna come in Banca Etruria o per pigrizia in altri istituti, c'è anche un aspetto di speranza di recupero del valore (come molte banche che hanno in pancia immobili svalutati). A questa lentenza si somma l'ondata di crisi che deriverà dagli USA se entro 6 mesi non ci sarà un rialzo del petrolio.

Ritratto di perSilvio46

perSilvio46

Lun, 18/01/2016 - 12:20

La borsa ha emesso il suo verdetto: non ci sarà nessuna ripresa ma una crisi peggiore del 2008, le banche falliranno a raffica e, con il "bail in" che Renzi ha sottoscritto per idiozia, ignoranza o malafede, i nostri risparmi andranno (anzi, sono già andati) in fumo. La crisi da finanziaria diventerà economica in pochi giorni, ci saranno fallimenti a catena di industrie piccole e grandi, avremo una disoccupazione mai vista. Ci possiamo salvare? Probabilmente no, i guasti fatti da Renzi sono troppi e neppure grandi economisti come Brunetta, Bagnai, Borghi Aquilini forse ci riuscirebbero. Ma vale la pena di tentare: Renzi si dimetta e si formi un governo di salute pubblica a guida CDU.

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Lun, 18/01/2016 - 12:21

Quante volte ho commentato sul "sistema bancario" italiota!!!!Dell'"aggiornamento" all'EFFETTIVO valore di Mercato di tutte le immobilizzazioni in garanzia,NESSUNO NE PARLA,perchè sarebbe un tonfo!!Altro che le "sofferenze"!!!!.....Siamo all'inizio!!! il "bail in" ha scoperchiato,solo parzialmente il "Vaso di Pandora",delle banche,e tutto il mondo FASULLO,del "gioco di borsa"!!!

Ritratto di ohm

ohm

Lun, 18/01/2016 - 12:30

Ma due settimane fa due signori corrispondenti ai nomi di renzi e Padoan avevano garantito distrae tranquilli che noi abbiamo banche solide che noi siamo un Paese forte che noi stiamo vedendo la ripresa che noi non possiamo fallire chenoi che noi ....e guarda un po' oggi cosa sta succedendo ...e noi dobbiamo fidarci di certi personaggi un po' pagliacci!

HappyFuture

Lun, 18/01/2016 - 12:34

La "ripresaaaaaaa"........... a scendereeeeeee! Matteo, non ci provare più a parlare di ripresa, i soldi NON si riprendono più............ sono tutti persi con te............

abocca55

Lun, 18/01/2016 - 12:36

Stanno mandando la borsa a picco perché l'Italia ha detto NO! a regalare miliardi alla turchia. Gli ordini di vendita in massa arrivano dall'estero, per ritorsione. Junker pedina della merkel. E gli italiani o italioti, anzi, le opposizioni che fanno? applaudono, per vedere al tappero Renzi. Questa è una vergogna!!!!

Adolph

Lun, 18/01/2016 - 12:39

@computerinside invece di delirare fai funzionare il cervello : ti sei risposto da solo. La benzina , che costa un terzo del prezzo alla pompa , è diminuita propozionalmente ; il resto accise e tasse varie sono rimaste invariate.

abocca55

Lun, 18/01/2016 - 12:44

persilvio@ e polonio@ State facendo il gioco della merkel la quale pone questa opzione: o date i soldi alla turchia, o sarà guerra tra l'europa e l'Italia. Le opposizioni sono dalla parte della merkel. Le nostre Banche sono tra le più sane d'Europa, ma arrivano, improvvisamente, e ad apertura delle contrattazioni di un lunedì, ordini di vendita a valanga. Saggio sarebbe acquistare a prezzi così stracciati. Chi ci va di mezzo in questa guerra sono quelli che hanno avuto paura al posto del cervello. La Borsa Italiana è la più sottostimata, e vi sono ampi margini di guadagno. Fra poco, con la pubblicazione dei bilanci e la comunicazione dei dividendi, saprete se ho avuto ragione.

freud1970

Lun, 18/01/2016 - 12:46

DAI, ITALIANI, MANO AL PORTAFOGLIO, DOBBIAMO SALVARE LA BANCHE, ASPETTATEVI UN PRELIEVO FORZATO SUI CONTI CORRENTI....

abocca55

Lun, 18/01/2016 - 12:46

La bilancia commerciale Italiana ha avuto un plus di oltre 6 miliardi nello scorso novembre. Il Paese viaggia veloce, e questo dà fastidio ai gufi.

Alessandro660

Lun, 18/01/2016 - 12:47

Una (ennesima) precisazione sulla storia dei prezzi dei carburanti. Il prezzo del greggio incide solo sulla componente indutriale del costo alla pompa. Nel luglio 2014, il Brent europeo quotava circa 50 cts di euro il litro e la benzina verde veleggiava attorno ad 1,77 euro/litro; oggi le quotazioni del petrolio europeo sono attorno ai 20 cts/litro (-30 cts e il prezzo finale alla pompa e attorno ad 1,42 euro/litro (- 35 cts). Per il gasolio il crollo è stato anche maggiore: 1,64 euro a luglio 2014, 1,22 euro oggi (-42 cts litro). I conti, più o meno, tornano.

ghorio

Lun, 18/01/2016 - 12:52

Che gli analisti delle borse siano in contraddizione perenne è assodato. Solo che bisognerebbe organizzare dibattiti e dare spazio ai lettori, cosa che non avviene.Le borse dipendono dai "giochi" degli speculatori, ovvero coloro che hanno i soldi e speculano sull'andamento borsistico. Una cosa è certa: se il petrolio costa sempre di meno è cosa buona e giusta, anche se in Italia il carburante è soggetto ad accise varie e gli effetti non si vedono, anche se di mezzo ci sono i guadagni elevati dei petrolieri.

HappyFuture

Lun, 18/01/2016 - 12:57

@ohm Quello che è successo con banca Etruria e le sorelle ha messo la parola "FINE" ANCHE al sistema bancario Italiano. Il fatto è che per le borse mondiali NON vale un fico secco! Quindi quello che succede all'economia Italiana NON interessa a Merkel, Juncker, alla borsa di New York, Tokio, o Londra.... A prendersela in quel posto siamo solo NOIIIIIIIIIII! mi sono spiegato?

Ritratto di bingo bongo

bingo bongo

Lun, 18/01/2016 - 12:59

Il carburante alla pompa arriva con aggravio di accise e tasse di almeno l'80% sul totale pagato.Sul settore bancario hanno voluto fare il salvataggio sulla pelle dei piccoli -medi investitori,la fiducia di questi è venuta meno e questo grazie al "salvataggio" della famiglia Boschi e compari.

obiettivo75

Lun, 18/01/2016 - 13:13

@abocca55: LEi scrive: "Stanno mandando la borsa a picco perché l'Italia ha detto NO! a regalare miliardi alla turchia. Gli ordini di vendita in massa arrivano dall'estero, per ritorsione" Le opposizioni sono una vergogna perchè a ciò applaudono. Scusi, ma nell'estate/autunno 2011 cosa accadde ? non è la stessa cosa ? ma allora le opposizioni furono dichiarate "responsabili".

obiettivo75

Lun, 18/01/2016 - 13:19

@abocca55: io invece credo modestamente che i problemi delle banche ci siano e siano reali, magari non così forti come ci vuol far credere la speculazione, ma quando hai in pancia migliaia di immobili svalutati, sui quali non riprenderai nulla, quando un 10/15% di crediti al consumo non vengono rimborsati,quando gli affitti non vengono riscossi dai tuoi clienti piccoli proprietari di alloggi (e quindi non entra liquido), è anche normale che qualche problemino ci sia. Per il resto spero chelei abbia ragione.

Ritratto di mbferno

mbferno

Lun, 18/01/2016 - 13:31

Effetto collaterale,e non previsto dai nostri economisti e politici soloni, del bail-in.Anche se molte banche oggi sono solide,domani potrebbero non esserlo piu:non è da escludere un effetto domino causato dalle banche sinistrate (in tutti i sensi).Però mi chiedo:se i timori della ricapitalizzazione causano vendite delle azioni bancarie significa che gli investitori non desiderano rischiare in quel settore,quindi CHI saranno quelli che ricapitalizzeranno le banche?Forse nessuno o pochi? E in che modo?

abocca55

Lun, 18/01/2016 - 13:48

Obiettivo75@ E' vero che dopo anni di crisi le sofferenze bancarie siano state storicamente, in eccesso, ma non inferiori a quelle della maggior parte delle banche europee. Ma, anche a seguito degli interventi della BCE, le banche hanno elargito crediti, impiegando danaro a costo quasi zero, con una remunerazione di quasi l'8%, cosa che ha reso possibile il "risanamento" Ad oggi le posizioni finaziarie degli istituti di credito è ampiamente rassicurante, a dispetto della merkel e dei suoi pupi come junker.

Libero1

Lun, 18/01/2016 - 13:55

Tira brutta aria in giro.Sembra essere ritornati nel caos bancario iniziato nel 2010 nel sistema bancario americano che poi fu l'inizio della piu' lunga recessione in europa e altri paesi. Qusta volta e' la Cina a iniziare le danze nel sistema bancario.

rossono

Lun, 18/01/2016 - 13:56

abocca55? Forse abbocca al 100% un nome una garanzia..

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Lun, 18/01/2016 - 14:06

abocca55:.....ma quali dividendi??!!....Lo 0,1-0,2% sul capitale investito,lo chiama un "dividendo"...."borsa sotostimata"??....Quello che conta,in una SOCIETA' SANA,che una Azienda,valga per quello che rende!....Quando una Azienda rende uno 0,1-0,2%,del capitale di rischio,è una Azienda che non vale UN CAVOLO!

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Lun, 18/01/2016 - 14:07

@obiettivo75:....concordo!

Ritratto di bingo bongo

bingo bongo

Lun, 18/01/2016 - 14:11

abocca55 sino a quando si "insegue" il mercato e di riforme sulla tassazione complessiva che prediliga i consumi al materasso,con regole che non spennino gli sprovveduti che vanno all'abbocco delle banche,saremo ancora a questo punto:con renzi-no col suo giro di partita,che cela un'aumento d'imposte dietro un piccolo taglio secondario,e tanti "abocca55" che appunto aboccaNO55.

Ritratto di aresfin

aresfin

Lun, 18/01/2016 - 14:20

@abocca55: hai commesso un errore di scrittura, il tuo nk-name vero è "abbocca". Povero credulone pidiota.

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Lun, 18/01/2016 - 14:29

@mbferno:.....certo,chi è quel pazzo che "ricapitalizza" una banca,avendo la possibilità e la capacità di analizzare il suo bilancio,valutarne le componenti,le prospettive di "reddito" del suo "capitale di rischio",con regole "statutarie" obsolete,che non consentono ai piccoli investitori,un EFFETTIVO CONTROLLO,sulle decisioni dei vari CDA,in termine di strategie,investimenti,regole,emolumenti(folli),garanzie,VISIONE DI NUOVE OPPORTUNITA',che non siano le solite trite e ritrite,SUPER POLITICIZZATE!!!.....In italia,abbiamo una montagna di brevetti,nel cassetto,che aspettano di essere considerati,valutati per il loro potenziale.....ZERO!!Li si lascia marcire!La "ricerca" è messa peggio di cenerentola....Dove ci potrebbero essere prospettive di VERO PROFITTO(NON LO 0,1%),LE BANCHE si defilano!!!E' tutto un SISTEMA asfittico,fasullo,per dare ossigeno a grossi cadaveri politicizzati,senza il minimo di fantasia....

Ritratto di bandog

bandog

Lun, 18/01/2016 - 14:40

Tenere i soldi sotto il mattone,no???

Libertà75

Lun, 18/01/2016 - 15:04

@abocca55 ore 12.44 gentilissimo compagno la ringrazio per il suo contributo con il quale ha ammesso che il PD ha lavorato contro il Paese nel 2011 per cacciare Berlusconi. Peccato che ciò sia costato quasi 1 milione di disoccupati e l'indice che è balzato dall'8 al 13%. Purtroppo, come lei afferma, il PD è contro al lavoro e a favore della disoccupazione. Del resto lo vediamo tutt'oggi, nessuna novità in campo economico tale da abbassare il tasso di disoccupazione perché in realtà voi siete favorevoli alla povertà (non a caso avete espropriato gli obbligazionisti di banca etruria).

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Lun, 18/01/2016 - 15:10

avete in mente il meccanismo di un contatore meccanico? Avanza l'astina e avanza il numero, indietreggia l'astina e il numeratore è bloccato da una gancetto, poi avanza l'astina e avanza di un altro numero e così via. Così funziona il petrolio. Aumenta il petrolio e tutti a chiedere l'aumento dei prezzi per i costi alti del carburante, diminuisce il petrolio e poco o nulla si muove, i supermercati continuano ad avere i prezzi di prima, aumenta di nuovo il petrolio e di nuovo ad aumentare i prezzi al supermercato per via dei costi di trasporto. Ma una domanda, ma non era già aumentato prima e nessuno ha abbassato i prezzi con il petrolio al minimo?

abocca55

Lun, 18/01/2016 - 15:37

Forse io sono uno che abbocca, o forse abboccate voi alla trappola, al ricatto che arriva da junker e dalla merkel,, e cioè la loro manovra di far saltare le banche e l'economia, e solo perché Renzi non ha voluto regalare i vostri soldi alla turchia. Il vostro pessimismo è un prezioso alleato a questi furfanti.

abocca55

Lun, 18/01/2016 - 15:47

Avete dimenticato che Berlusconi fu fregato allo stesso modo dalla coppia merkel sarcosy, che asfaltarono l'econimia italiana con manovre subdole che ben sapete. La storia si ripete. Credete che salvini al posto di renzi possa fare di meglio? E dico salvini e non Berlusconi, perché mai salvini acconsentirebbe a non essere lui la subrette. Ma se credete di salvare il Paese con il pessimismo, fate pure, avete il libero arbitrio. Paura e pessimismo sono l'arma dell'isis. che nella storia ha sempre funzionato.

abocca55

Lun, 18/01/2016 - 15:53

E inoltre ricordate che merkel ci sta ciucciando il percorso del gasdotto russo. La rabbia di renzi è più che giustificata.

Ritratto di computerinside

computerinside

Lun, 18/01/2016 - 16:18

inoltre egregio Adolph impara a leggere e a non offendere io non deliro visto che fior fiore di economisti hanno detto e scritto ciò che ho scritto io ...inoltre è certo tu non sai leggere .non ho scritto che le accise sono aumentate ma che continuiamo a pagarle da più di cento anni ...rileggiti il mio breve commento! chiedo scusa per gli errori di battitura invece dovuti alla mancanza di occhiali.ciao

Ritratto di ForYou78

ForYou78

Lun, 18/01/2016 - 16:23

Banca Monte dei Paschi di Siena 0,7665 -14,64% 95,57M alle 16:09:27 del 18 gennaio 2016 --------------------------------------------------------------------- "FATE PRESTO" a RITARE TUTTO I SOLDI DAI VOSTRI CONTI CORRENTI - Il Sole 24 ORE

antipifferaio

Lun, 18/01/2016 - 16:32

LA BORSETTA DI MAMMA' VA A PICCO? BENE...sta arrivando il giorno che il sistema bancario imlpode...forse è per questo che L'INCAPACE parla di licenziamenti. Voglio vedere poi chi lo vota più...ah si quelli delle segreterie del pd...gli intoccabili... LICENZIARE è DI SINISTRA, ASSUMERE è DI DESTRA...MEDITATE GENTE...MEDITATE!

polonio210

Lun, 18/01/2016 - 16:59

Caro abbocca55,auspico che la tua sicurezza,sulla tenuta delle banche italiane e dell'economia del nostro paese,non sia identica alla sicurezza con la quale,i maggiori analisti statunitensi e non solo loro,garantivano il profilo BUY(acquistare)ai loro clienti,il 14 Settembre 2008,in merito ai titoli Leheman Brothers.Sappiamo tutti,poi,cosa è capitato.

Ritratto di El Presidente

El Presidente

Lun, 18/01/2016 - 17:17

Cosa centra il bail in con l'andamento dei titoli qualche illustre economista lo spiegherà visto che dal punto di vista del mercato offre una garanzia in più sulla solvibilità della banca.

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Lun, 18/01/2016 - 18:09

bandog, il mattone è da tirarvelo in testa

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Lun, 18/01/2016 - 18:10

bandog, il mattone è da tirarvelo in testa,komunisti falce e martello.

HappyFuture

Lun, 18/01/2016 - 18:36

Proprio di "energie alternative" NON ne vogliano proprio parlare. Sono le energie alternative che fanno rifiutare al mercato il petrolio. Alternative e gas-metano. Ma di "cambiare" modo di sviluppo in Europa e meno che meno in Italia non se ne parla proprio. Le regole per mandare "avanti" il progresso dell'uomo sono ben piantate: petrolio e guerra, nei secoli dei secoli, AMEN! L'Europa aspetta di poter gridare: Armageddom, Armageddom.... finalmente, Armageddom. Questo capiscono gli Europei.... la guerra!

Anonimo (non verificato)

alfa553

Lun, 18/01/2016 - 19:42

Sono le pazzie di questo governo che fa crollare la borsa, l'Italia non incide su petrolio e sulla cina.......quindi non usare queste scuse....

Ritratto di wilegio

wilegio

Lun, 18/01/2016 - 19:47

Grande trovata quella del negro della casa bianca! Adesso che ha fatto la pace coi suoi amichetti iraniani, loro hanno la bomba atomica e l'economia mondiale rischia il tracollo.

Ritratto di abraxasso

abraxasso

Lun, 18/01/2016 - 21:05

La faccenda ha dell'incredibile. Sembra che tutto accada per chissà quale arcano mistero e di fronte a questo mistero l'uomo si sente impotente e nudo, come un Adamo qualsiasi...ma allora Dio esiste davvero!

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Lun, 18/01/2016 - 22:57

qui hanno capito cosa capiterà all'Europa. Si esporterà la guerra dall'Iraq degli anni 90, fino all'Europa ai giorni d'oggi. E perchè tutta questa invasione, che senso ha, ditemelo! Se non, per continuare la distruzione dei popoli, tutti, non solo quelli arabi. Siamo burattini o marionette. Non si costruisce più, l'edilizia è ferma, mo' ve lo danno loro se non c'è più niente da costruire.

Ritratto di Italia Nostra

Italia Nostra

Mar, 19/01/2016 - 09:22

abocca55 - Polonio e Piersilvio non hanno tutti i torti. solo non sono d'accordo su Renzi. Lui è una pedina (illegale, di sinistra, ci sta tutto quello che volete). Quanto al gioco della Merkel voglio far presente che la Deutsche Bank ha investimenti e derivati per 12 (dodici!!) volte il PIL dell Germania. Secondo voi si salavano loro...? Credo che chi mise il dito sulla piaga fu proprio Tremonti. Il problema finanziario è partito altrove, col preciso intento di mandare in bancarotta il sistema Europa. Allora, da una parte crisi finanziaria (e presto disastro economico) dall'altra ricambio sociale ed etnocidio degli Europei.

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Mar, 19/01/2016 - 16:56

ORA ORE 14.55 IN QUESTO MOMENTO TUTTE LE BORSE EUROPEE SUPERANO IL 1% TRANNE LA ITALIA CHE è +0,30%