Dall'Agcom doppio richiamo a Tim

Nel mirino del Garante l'uso illecito di informazioni sugli utenti

Avviato il procedimento sanzionatorio contro Tim. Lo ha annunciato l'Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni (Agcom) in un comunicato stampa diffuso ieri pomeriggio. A giudizio dell'Agcom, la società guidata da Amos Genish (in foto) ha utilizzato a fini commerciali informazioni riguardanti malfunzionamenti e guasti relativi a clienti di altri operatori. In pratica in occasione di disservizi sulla linea di altri operatore, i clienti ricevevano proposte di passaggio a Tim da parte di «agenzie o società titolate a proporre offerte commerciali di Tim».

Una simile pratica, spiega il comunicato, «confligge con l'art. 41, comma 3 del Codice delle comunicazioni elettroniche e con l'art. 64 della delibera n. 623/15/Cons che impongono a Tim di garantire che i dati acquisiti nella gestione degli ordini wholesale e il personale dedito a tali attività non siano coinvolti nell'attività commerciale».

L'Agcom ha poi rilevato che la società di telecomunicazioni «non si è attivata per individuare delle contromisure e ha ordinato all'operatore di adottare misure organizzative specifiche finalizzate a prevenire tale attività illecita».

In ultimo, l'Autorità ha diffidato Tim al rispetto del divieto di utilizzo, per fini commerciali, dei dati acquisiti per la gestione della portabilità del numero nell'ambito del passaggio di un cliente ad altri operatori. «In particolare, l'Agcom ha accertato il comportamento illecito della società nell'attuare strategie di marketing selettive, utilizzando le informazioni ad essa fornite per la portabilità del numero» ha concluso l'Autorità. CM