Il diktat dell'Europa all'Italia: ci chiede tagli da 12 miliardi di euro

La trattativa serrata tra Roma e Bruxelles. Ma Moscovici chiede sforzi enormi: "Il deficit italiano va ridotto ancora"

L'Eurogruppo ha riconosciuto la "non conformità particolarmente grave" della manovra italiana rispetto alle indicazioni dell'Ue. Ma ad oggi il dialogo tra Roma e Bruxelles resta aperto. Lo ha detto ieri Conte, lo ha ribadito Salvini e pure Moscovici stamattina ha "preso atto" dei "recenti annunci del governo di voler ridurre il deficit, è un primo passo nella giusta direzione". Insomma: la trattativa va avanti, anche se la Commissione si aspetta "ulteriori dettagli" per valutare "la dimensione di questo passo" verso la riduzione del deficit. Il problema, infatti, sono i conti: Bruxelles chiede un taglio lacrime e sangue da dodici miliardi di euro. Mica bruscolini.

"Quello che è chiaro - dice Moscovici - è che noi abbiamo bisogno di passi molto concreti e credibili. È ovvio che noi lavoriamo nel quadro delle regole: io sono a favore di una flessibilità che sia dentro le regole. Questo significa che le regole devono essere rispettate. Questo è un messaggio chiaro che vogliamo inviare". E il "messaggio" porta un peso econonomico non indifferente: l'Ue potrebbe anche fare qualche passo verso Roma, ma la manovra andrà tagliata. E di molto. Molto più di quanto, ad oggi, Salvini e Di Maio sembrano pronti a raccimolare. Ieri nei corridoi di Palazzo Chigi si parlava della ricerca di qualcosa come 4 miliardi di euro da tagliare alle risorse per ora stanziate per Quota 100 e reddito di cittadinanza. Eppure potrebbero non bastare.

La Commissione vorrebbe far calare quel magico numero ben sotto la soglia del 2%. Conte sostiene di "non lavorare per questo obiettivo" e annuncia "ulteriori passaggi con le istituzioni Ue". Ma le pressioni da Bruxelles ci sono eccome. Secondo quanto scrive La Stampa, il taglio delle spese desiderato dalla Commissione ammonta a oltre 12 miliardi di euro. Quasi il triplo di quelli "messi in conto" da Salvini e Di Maio. "La Commissione - spiega il quotidiano torinese - insiste infatti sul deficit strutturale, calcolato al netto del ciclo economico e delle misure una tantum, unico parametro di riferimento per verificare il rispetto delle regole". Per abbattere il deficit strutturale si potrebbe spostare alcune delle risorse alla voce "investimenti" anziché spese per welafare (quota 100 e reddito minimo), ma la cifra resta comunque molto alta.

I conti sono presto fatti. L'Ue aveva chiesto all'Italia una riduzione del deficit strutturale dello 0,6%. Ad oggi la manovra prevede invece un aumento dello 0,8%, creando così un "delta" dell'1,4%. Cosa significa? Che in soldoni ballano 25 miliardi di euro. Certo, le trattative sono fatte appositamente, dunque Bruxelles non chiederà tutto il malloppo. Ma qualcosa sì. Invece di una riduzione dello 0,6%, la Commissione sarebbe pronta a accetare un taglio dello 0,1%. Da differenza rispetto a quanto previsto dal ddl Bilancio è dunque di "solo" lo 0,9%, ovvero 16,2 miliardi. Se si conta poi lo "sconto" dello 0,2% assicurato dall'Ue per coprire le spese del dissesto idrogeologico, il calcolo della differenza tra richieste di Bruxelles e conti di Roma scende allo 0,7% che significano appunto 12,6 miliardi di euro. Ovvero quelli che, come detto prima, l'Europa sta chiedendo all'Italia di trovare per evitare la procedura di infrazione.

Il problema è che se l'Italia accettasse di tagliare così tanto il deficit strutturale, quello nominale (ovvero il famoso numerino su cui tanto si sta discutendo) arriverebbe all'1,7%. Ben lontano dal 2,4% scritto da Di Maio e soci nella manovra. La soluzione, come detto, potrebbe essere quella di spostare una parte delle risorise al capitolo investimenti, facendo così risalire il calcolo del deficit nominale al 2% o giù di lì. "Se recuperiamo delle somme", ha detto stamattina Conte all'Avvenire, una riduzione del deficit "ragionevolmente ci potrà essere. Ma in questo momento non fornisco nessun numero. Sarebbe scorretto e controproducente in pieno negoziato anticipare ai giornali i numeri".

Commenti

Gio56

Mar, 04/12/2018 - 10:35

Sempre meno di quello che l'Italia versa all'europa. Non diamogli niente per un paio d'anni e siamo a posto. e poi questa continuamente questa storia delle regole,le faccia rispettare a quelli che le hanno firmate,non ci sono più?si riscrivono con quelli che ci sono.

contravento

Mar, 04/12/2018 - 10:50

Abbascio a la marina se venne 'u pesce a 45 sordi, currite signorine, se no nfitesce Quant'è bello lu primmo ammore Lu secondo è cchiù bello ancor

Ritratto di Contenextus

Contenextus

Mar, 04/12/2018 - 10:50

Fanno ridere, se non fosse che , alla fine, i soldi li rubano a noi. I debiti li hanno fatti loro, le caste di potere e bancarie. Ma a pagare, in nome di nazionalismo e patriottismo delinquenziali, saremo noi sudditi.

schiacciarayban

Mar, 04/12/2018 - 11:07

Non è difficile, basta togliere il reddito di cittadinanza e le inutili revisioni della Fornero. Saremmo tutti più sereni, l'Europa approva e l'Italia evita di morire, una win win situation. E avremmo ancora soldi che ci avanzano per la riduzione del cuneo fiscale e riduzione vera delle tasse, ciò che veramente serve.

Ritratto di adl

adl

Mar, 04/12/2018 - 11:07

Gli 80 Euro diventeranno 40 ce lo chiede OTAN UEropa, ed i 16 mld alla Nato diventeranno 10. Ritiriamo tutti i soldati che fanno esercitazioni per la guerra alla Russia e rispettiamo finalmente anche l'art. 11 della costituzione dell'Italia che ripudierebbe le guerre, ma con OTAN UE non lo fa.

luigirossi

Mar, 04/12/2018 - 11:12

SE Berlusconi riuscisse a mandare al potere il Centrodestra accetterebbe questa proposta?Se si lo dica,se no aiuti il governo.

gpl_srl@yahoo.it

Mar, 04/12/2018 - 11:17

con quella bocca da succhiotti, questo rappresentante francese puo dire cio che vuole: si inizi una onorevole iexit!

jaguar

Mar, 04/12/2018 - 11:51

Cominciamo a tagliare i miliardi che ogni anno versiamo all'Europa.

Zizzigo

Mar, 04/12/2018 - 12:00

Ma a Bruxelles credono che siamo proprio tutti scemi?

VittorioMar

Mar, 04/12/2018 - 12:03

...questo ha "PAURA" di ritornare in FRANCIA..dopo la UE....altrimenti deve indossare una "GIACCHETTA GIALLA" per non farsi RICONOSCERE..e RINCORRERE....E' A RISCHIO LINCIAGGIO !!

Ritratto di libertà o cara

libertà o cara

Mar, 04/12/2018 - 12:15

Crucco gallico fallo sapere al tuo padrone

agosvac

Mar, 04/12/2018 - 12:17

Modificare questa manovra credo sarebbe giusto, ma non nel senso voluto dai burocrati dell'UE che difficilmente riescono a capire qualcosa se non va bene per Germania e Francia. Questo Governo avrebbe dovuto andare ben oltre il 2,4 ma avrebbe dovuto spingere di più verso gli investimenti ed il taglio effettivo" delle tasse. Per quanto riguarda il taglio delle spese inutili, basterebbe ritirarsi dalla Nato, dall'ONU e dalla UE, per risparmiare un sacco di soldi che servirebbero di più agli italiani!

Ritratto di Marcello.508

Marcello.508

Mar, 04/12/2018 - 12:23

Con Renzi russava, ora si è svegliato, il pierre socialista! Non aggiungo altro altrimenti scadrei nella volgarità con questo "signore" e non è mio modo di fare.

Ritratto di stenos

stenos

Mar, 04/12/2018 - 12:58

Tagliare le spese per le missioni militari all’esteroto, ridurre quelle per i parassiti africani, quelli all’editoria, e quelli alla ue e siamo a bolla.

Ritratto di onollov35

onollov35

Mar, 04/12/2018 - 14:00

Lasciamo l'Europa dei Burocrati.Viviamo meglio da soli.

Trinky

Mar, 04/12/2018 - 14:57

Non foraggiando più l'UE e l'ONU siamo a posto col bilancio.........

Ritratto di ateius

ateius

Mar, 04/12/2018 - 15:02

è il Pizzo che ci chiedono per aver rotto il patto pro immigrati con i porti chiusi. Salvini che ci vogliamo fare...? pagare o non pagare il pizzo...?

Ritratto di Menono Incariola

Menono Incariola

Mar, 04/12/2018 - 15:52

Come volevasi dimostrare... iniziate a cedere un'unghia e faranno fuoco e fiamme finche` non si prenderanno tutto il braccio. Quando l'arbitro sta per fischiare la fine, e` meglio fare melina.

Ritratto di wilegio

wilegio

Mar, 04/12/2018 - 16:34

Certo! E che altro? Dobbiamo anche raddoppiare le cifre che diamo ogni anno alla ue per pagarvi i vostri immeritati stipendi, e magari anche alla nato e all'onu? Cosa volete ancora da noi?

Ritratto di babbone

babbone

Mar, 04/12/2018 - 18:10

Fate saltare il banco, fregatevene di chi riscalda le poltrone.

lappola

Mar, 04/12/2018 - 18:39

Quel francese dei miei stivali vorrebbe metterci in ginocchio prima di passare ad esaminare la sua francia che è partita già oltre il nostro 2,4 e ora con la storia delle accise su carburanti finirà sul 4. Mandiamolo al diavolo e non rispondiamo nemmeno più.

zen39

Mar, 04/12/2018 - 19:40

A prescindere dalla correzione che andrebbe fatta indipendentemente dall'UE, anche se in misura inferiore alla richiesta, è evidente che, guardando anche cosa sta succedendo in Francia, lo scopo dell'UE è quello di vanificare le promesse dei governanti per sputt..... i populisti di fronte al popolo, in vista delle lezioni europee. Gira tutto intorno a quell'evento. Ora non sarebbe difficile per i populisti gettare tutta la responsabiltà sull'UE per le mancate attuazioni. "Cari Italiani volevamo darvi tutto ma l'UE ce l'ha impedito, quei brutti cattivi !" Ma l'UE vuole andare oltre, le correzioni non gli basteranno mai. Vuole manovrare tanto da portarci alla soglia della Troika per dare una lezione a tutti i populisti d'Europa. Quindi l'Italia sta diventando la cavia non solo dell'Europa ma del mondo. E' questo che non dobbiamo mai permettere. Alla cocciuttagine dobbiamo mostrare razionalità e determinazione è questo che temono di più non le sortite da bimbi capricciosi.

stefi84

Mar, 04/12/2018 - 20:12

Tagliamo quota 100 o rimandiamola alle calende greche e rientriamo nei parametri, s epoi vogliamo fare di più c'è il reddito di cittadinanza da modificare, fermo restando che la povertà va combattuta nell'interesse di tutti.

gpl_srl@yahoo.it

Mer, 05/12/2018 - 10:40

che l'italia di svegli e cominci a pensare ad un referendum su una onorevole uscita da questa unione europea che di fatto esiste solo a livello economico e solo a favore di germania e francia: gli inglesi se ne sono gia andati, ora ci dada anche l'italia dato che i vantaggi son solo per germania e francia che senza l'italia, han solo da perdere!

gpl_srl@yahoo.it

Mer, 05/12/2018 - 10:42

sara il caso che l' europa sisvegli e chieda finalmente sacrifici ai veri malati di questa economia assurda e comprensiva solo nei riguardi di Francia e germania che di fatto sono i veri malati economici di questa europa.