La disoccupazione si arresta, ma i giovani senza un lavoro sono sempre più più

A giugno la disoccupazione fa un piccolo passo indietro. Ma preoccupano i giovani senza lavoro: tra gli under 25 ci sono 642mila ragazzi alla ricerca di un lavoro

Il mercato del lavoro tira un sospiro di sollievo. A giugno la disoccupazione si è fermata al 12,1%, con un piccolo passo indietro sul mese di maggio. Un calo di 0,1 punti percentuali, anche se resta in aumento su base annua, con un rialzo di 1,2 punti. Secondo l'analisi pubblicata dall’Istat, con il mese di giugno la disoccupazione ha varcato la soglia del 12% per la terza volta consecutiva. A preoccupare, però, è ancora una volta il tasso di disoccupazione giovanile (15-24anni) che a giugno è salito al 39,1% crescendo di 0,8 punti percentuali sul mese maggio e di 4,6 punti rispetto alll'anno scorso. "Tra gli under 25 - hanno fatto sapere gli analisti dell'istituto di statistica - ci sono 642mila ragazzi alla ricerca di un lavoro".

A giugno gli occupati sono diminuiti dello 0,1% rispetto a maggio (lavorano 21mila persone in meno) e dell’1,8% su base annua (414mila occupati in meno). Secondo il report dell’Istat, infatti il tasso di occupazione al 55,8% tocca il minimo dal terzo trimestre del 2000.

Commenti

linoalo1

Mer, 31/07/2013 - 11:36

E quelli che non sono più giovani,che hanno famiglia e che non hanno più lavoro,non preoccupano??Lino.

Ritratto di PELOBICI

PELOBICI

Mer, 31/07/2013 - 12:28

Tra poche ore, se berlusconi sarà considerato colpevole, la disoccupazione giovanile sarà solo un ricordo, ci sarà lavoro per tutti

Ritratto di Dragon_Lord

Dragon_Lord

Mer, 31/07/2013 - 12:36

chi assume con tutte queste tasse, studi di settore e redditometri ? conviene ad un'azienda delocalizzare all'estero. Emigrate potete fare i maggiordomi agli Emiri in Arabia Saudita pagano fino a 1.500 euro al mese con vitto e alloggio ma dovete conoscere l'inglese e rispettare l'Islam.

Ritratto di Reinhard

Reinhard

Mer, 31/07/2013 - 12:40

Si arresta, ma bisogna vedere il perché. In Lettonia (stato modello per il "successo" delle politiche UE), la disoccupazione è calata perché i giovani sono emigrati (quindi lo stato s'è impoverito).

idleproc

Mer, 31/07/2013 - 13:04

La hanno applicata la correzione stagionale? Occupati come? Part-time, full-time... ? Le statistiche sono riferite a chi cerca lavoro o comprendono anche chi ha smesso di cercarlo? In sostanza sono statistiche alla Obama o sono veritiere? Sono per sostenere il governo della svendita continuata?

Ritratto di arcistufa

arcistufa

Mer, 31/07/2013 - 13:48

certo che si arresta.......andremo tutti a fare i sindacalisti e i dipendenti statali

agosvac

Mer, 31/07/2013 - 13:49

Si fa sempre un gran parlare della disoccupazione giovanile e poi sui giornali si legge che in Italia c'è un gran numero di posti di lavoro che non sono richiesti probabilmente perchè i giovani, certi giovani, non li ritengono appropriati alle loro qualità. Ma ci si dimentica sempre di quelle persone di mezza età che il posto di lavoro l'hanno perso e non riescono a trovarne un altro. Forse il Governo dovrebbe prestare più attenzione a questa seconda categoria anche perchè molti giovani si fanno mantenere dai genitori, spesso piuttosto abbienti, ma gli altri? a che santo potrebbero votarsi??? E c'è un'altra categoria in Italia che è molto disaggiata: i pensionati che giorno dopo giorno vedono la propria pensione che non basta più a farli campare con un minimo di serenità dopo decenni di lavoro. Certo ai giovani bisogna pensare perchè sono il futuro, ma bisogna pensare anche al presente.

thecaliffo

Mer, 31/07/2013 - 14:29

aaaah....per questo la scorsa settimana il super governo ha bocciato l'emendamento di quegli stolti di m5s ... che prevedeva l'eliminazione dell'irap per le aziende che assumevano 5 disoccupati ... i disoccupati non ci sono più!!! Viva il Governo del fare!

G_Gavelli

Mer, 31/07/2013 - 15:31

Si tratta comunque di un buon segnale. Se il coacervo cala, pur nella crescita della componente giovanile, vuol dire che le imprese stanno assumendo/riassumendo collaboratori a costo più elevato (esperti) invece che giovani inesperti. Ci sono le colmmesse,

m.m.f

Mer, 31/07/2013 - 15:38

....Qui per i giovani non vi è futuro alcuno. E' bene che si facciano parte diligente senza trovare troppe scuse e migrino all'estero. Vicino o lontano qualunque posto è meglio di questo paese!

Ritratto di Markos

Markos

Mer, 31/07/2013 - 16:28

Ma di quali giovani si parla ? dei 5 milioni di Italiani o dei 15 milioni di clandestini ? NB. cifra in aumento costante.. o di tutti e due... a tutta questa gente il lavoro chi dovrebbe darglielo , almeno i clandestini si danno da fare ...adottano un semaforo e chiedono la elemosina.

Ritratto di Markos

Markos

Mer, 31/07/2013 - 16:36

thecaliffo i soldi che lo stato incassa DALL'IRAP servono a pagare stipendi e pensioni della marea di statali che i tuoi compagni hanno infilato senza capo ne coda nel sistema pubblico , se finanzi le aziende vanno a casa un po di statali ... tu che dici di tuo ? lasciamo perdere le menate di Grillo e Rodota' Rodota' Rodota'....

Tany

Mer, 31/07/2013 - 16:43

Non capisco perchè si continui a parlare di disoccupazione di giovani tra 15 e 24 anni: a quell'età la maggior parte dei ragazzi è ancora a scuola! Il problema - che forse nessuno ha coraggio di scrivere per evitare la rivoluzione civile - è che qui in Italia NESSUNO trova lavoro. Fatevi un giro nei siti cerco-offro lavoro: o sei troppo giovane e non hai esperienza o hai esperienza e sei troppo vecchio, o sei troppo colto (le università dovrebbero chiuderle) o troppo ignorante, o sei donna e soprattutto madre (orrore!), sai inglese francesce tedesco e spagnolo e servono russo e cinese (meglio se sei madrelingua). La gente è disperata e chi lavora fa un lavoro inadeguato (laureati con master che fanno i bidelli o i guardiasala o lavorano nei call center) e ringrazia Dio per quello che ha trovato ... Cosa devo dire ai miei figli? "Studia per trovare lavoro?" (E tu mamma, cosa hai fatto con i tuoi master post lauream?) No. "Scappa da questo paese di m ...

macchiapam

Mer, 31/07/2013 - 17:06

L'altissimo tasso di disoccupazione giovanile è la logica e necessaria conseguenza dell'accesso all'istruzione superiore assicurato (giustamente)a tutti i livelli sociali. E' ovvia infatti la riluttanza di un diplomato ad accettare un lavoro di tipo "operaio", o che comunque non implichi l'utilizzo delle nozioni che il suo diploma fa presumere.

Manuela1

Mer, 31/07/2013 - 17:34

L'azienda per cui lavoro nel solo mese di luglio ha assunto 3 apprendisti magazzinieri, quello che è durato di più ha lavorato tre giorni e mezzo. Il lavoro è troppo pesante...... Si vede che hanno chi li sfama.

oliba

Mer, 31/07/2013 - 17:37

..è in po l'uovo e la gallina, se non diamo soldi da spendere come possiamo comperare? se non possiamo comperare a che serve produrre ? se il 50 % lo devoliamomo in tasse col resto come possiamo campare? per i giovani riprestiniamo il militare cosi impareranno a servire lo stato e in piccolissima parte il problema dei giovani.

Tany

Mer, 31/07/2013 - 17:52

... per non parlare di tutti gli occupati che dovrebbero ringraziare Dio, Allah, Geova e Buddha tutti insieme, ma sono disperati. Disperati perchè fanno gli spazzini o i bidelli e hanno la laurea e pure il master costato fior di euro. O lavorano nei call center e sono costretti a rompere le scatole alla gente perchè se non vendono non mangiano. O quelli che risultano occupati e sono pagati a fine progetto (dopo sei mesi). O quelli che fanno innumerevoli stage con "finalità di assunzione" e non ricevono neanche i buoni pasto (ovviamente poi non li assumono). O quelli che inviano curricula, materiali da visionare e non ricevono manco una lettera con un educato no grazie.

swiller

Mer, 31/07/2013 - 18:00

A volte mi domando dove vadano a pigliare i dati, secondo me da somari come sono cavano bruschetta.

flip

Mer, 31/07/2013 - 18:57

a parte il fatto che a quindici anni un ragazzo ha finito, si e no, la terza media ed è più somaro di prima e poi é "cocco de mamma" Se ha voglia di studiare frequenterà il liceo o altro. E' considerato disoccupato? Per quei somari dell'Istat, uno può essere considerato disoccupato dopo che ha finito gli studi e comunque è praticamente impossibile che ci sia posto di lavoro solo per diplomati e laureati.

thecaliffo

Mer, 31/07/2013 - 20:11

#Markos....ma l'abolizione dell' Irap non era parte integrante del programma elettorale del PDL ? Me ne frego tranquillamente delle menate di grillo e dei trogloditi dei vostri amici del PD...penso solo a quanto incoerenti siano i vostri rappresentanti ed a quanto fessi siamo noi nel continuare a sostenerli..

moriaty

Gio, 01/08/2013 - 07:41

Fintantoche' si tengono al lavoro vecchi rimbambiti (come lo scrivente) con piu' di 40 anni di lavoro alle spalle e oltre i 6o di eta', per cui vecchio..., i giovani saranno sempre disoccupati.

chiara 2

Gio, 01/08/2013 - 07:51

E dove sarebbe la novità? Si spendono MILIARDI per finti profughi solo perchè si spera in un futuro bacino di votanti e poi ci si lamenta se mancano le risorse per i nostri ragazzi. MA MI RACCOMANDO VOI SINISTRATI, CONTINUATE A VOTARE PER I VOSTRI FALSI RAPPRESENTANTI CHE TRA POCO NE VEDRETE DELLE BELLE. O è colpa di Berlusconi? ahahahah

unosolo

Gio, 01/08/2013 - 18:37

proprio ieri ho saputo di una giovane signora , quarantenne , appena rientrata al lavoro dopo il parto è stata licenziata , questo avviene in tutta la nazione meno che nei ministeri , ora quella coppia si trova un mutuo e uno stipendio in meno oltre alla famiglia aumentata di un bimbo , questa è la situazione di centinaia di mamme che vengono licenziate e nessuno ferma questa ecatombe .