Il dollaro pronto al pareggio con l'euro

I mercati aspettano le prime mosse di Trump e della Fed

Rodolfo Parietti

Nessuno azzarda il mese dell'allineamento valutario tra dollaro ed euro, un evento mai più accaduto dal 2002. Ma l'appuntamento con il rapporto di parità tra le due principali monete di riserva a livello mondiale non dovrebbe tardare. I tempi sembrano infatti maturi, dopo la semina fatta dal biglietto verde durante il 2016. Dal sondaggio di dicembre condotto da Assiom Forex in collaborazione con Il Sole 24 Ore Radiocor Plus è emerso che il 45% degli operatori (contro il 39% di novembre) ritiene plausibile un ulteriore indebolimento dell'euro. Il primo fixing del nuovo anno, a 1,0465 dollari contro gli 1,0551 di venerdì scorso, sembra tuttavia indicare che l'aggancio non arriverà nel giro di qualche giorno. E un motivo c'è. Donald Trump non si è ancora insediato alla Casa Bianca. Lo farà il prossimo 20 gennaio, e le settimane successive al cosiddetto Inauguration day, quelle del definitivo distacco dalla politica condotta per otto anni da Barack Obama, saranno cruciali per determinare gli scenari valutari del nuovo anno.

The Donald dovrebbe infatti essere la benzina dell'ulteriore apprezzamento del dollaro. In particolare lo sarà la Trumponomics, se sarà rispettato il programma economico squadernato durante la campagna elettorale. Ovvero, un piano basato su 500-1.000 miliardi di investimenti per ammodernare le infrastrutture e su sgravi fiscali alle imprese. Misure, da finanziare attraverso l'emissione di T-bond con rendimenti particolarmente appetibili, che dovrebbero impattare sull'inflazione, mettendo la Federal Reserve nelle condizioni di rimodulare la politica monetaria. La banca centrale Usa ha già alzato il costo del denaro lo scorso dicembre, è pronta ad altri tre giri di vite nel 2017 e domani renderà note le minute dell'ultimo vertice, da cui potrebbero apparire con più chiarezza le prossime mosse. La prima data utile per un ritocco verso l'alto dei tassi è il 15 marzo, data in cui è prevista non solo la riunione del Fomc ma anche la conferenza stampa della presidente, Janet Yellen. Potrebbe essere l'occasione per riallineare dollaro ed euro dopo quasi 15 anni.

D'altra parte, nei mesi a venire assisteremo a una sempre più marcata divaricazione tra la politica monetaria americana e quella europea. La Bce ha infatti confermato per l'intero anno in corso il piano di acquisto titoli, anche se a partire da aprile gli importi mensili saranno ridotti dagli attuali 80 a 60 miliardi. Un forte irrobustimento del biglietto verde favorirà le aziende esportatrici dell'eurozona, ma rischia anche di avere effetti indesiderati sull'inflazione. Non tanto in Paesi come l'Italia, di fatto ancora in deflazione, ma in quelli, come la Germania, che sentono vicino il traguardo del 2% e per questo premono su Mario Draghi per ritirare le misure di stimolo.

Commenti
Ritratto di centocinque

centocinque

Mar, 03/01/2017 - 19:34

Gli imbecilli che hanno inventato questa valuta di carta igienica sostenevano sin dall'inizio che la parità o al massimo il rapporto 1,10 sarebbe stato il cambio ideale. peccato che la realtà abbia impiegato 15 anni ad accorgersi delle loro castronerie

Ritratto di filatelico

filatelico

Mer, 04/01/2017 - 04:23

Non ho NAI considerato l'Euro una valuta credibile e ho fatto SEMPRE i miei investimenti in ALTRE valute: Dollari USA, Sterline, Franchi Svizzeri e perfino Lire Turche e mi sono SEMPRE trovato BENE lasciando in Euro solo i soldi per le tasse e le spese quotidiane. W la Lira Italiana NO BCE NO KRUKKI NO PRODI