Draghi: "Basta tasse, ora crescita"

Nel suo special address al World Economic Forum di Davos, il presidente della Bce ha spiegato che i governi devono puntare alle riforme strutturali che portano alla crescita

Alla fine se n'è accorto anche lui. "Vorrei vedere un taglio dei costi di governo, un calo delle tasse e una gestione degli investimenti per infrastrutture", ha detto il presidente della Bce, Mario Draghi, spiegando che serve una nuova composizione delle manovre di consolidamento che sotto urgenza hanno fatto la cosa più facile: tagliato tasse e ridotto investimenti.

L'ex governatore della Banca d'Italia ha poi classificato il 2012 come "l'anno del rilancio dell'euro". Nel suo special address al World Economic Forum di Davos, Draghi ha infatti ricordato "gli straordinari progressi nel consolidamento fiscale e nelle riforme strutturali" dell'Eurozona nonché il ruolo della Bce che ha "evitato problemi drammatici".

Tuttavia, i risultati e i miglioramenti stentano a notarsi nell'economia reale e per questo, secondo Draghi, "occorre fare di più e i governi devono proseguire "sia il consolidamento fiscale sia le riforme strutturali, che aumentano competitività e creano posti di lavoro e crescita".

Infine, Draghi ha parlato del tema della vigilanza bancaria e ha spiegato che "la supervisione bancaria non è come una torta, nella quale ciascuna fetta controlla la propria parte: i singoli supervisori lavoreranno insieme per un meccanismo unico europeo, è chiaro che se vuoi rompere i legami tra banche e Paesi, c'è bisogno di un supervisore indipendente".

Commenti
Ritratto di gzorzi

gzorzi

Ven, 25/01/2013 - 12:14

Per quello che percepisce di stipendio, è arrivato tardissimo a questa conclusione.

Ritratto di nontelomandoadiretelodico

nontelomandoadi...

Ven, 25/01/2013 - 12:28

ma No!,,,ma davvero?...basta tasse e pensare alla crescita?....minchia che pensata!..favoloso!..ma chi l' avrebbe mai detto!...ma porco giuda siamo stati così bene finora...perchè cambiare..eppoi con basta tasse ...addirittura sono stupefatto.ma non sarà che con la crescita alcuni nostri vecchietti non potranno più andare a rovistare nella spazzatura a cercare il mangiare? - ladri associati unitevi - grillo sarà pure un comico da strapazzo ma spesso dice delle sante verità.

Ritratto di nontelomandoadiretelodico

nontelomandoadi...

Ven, 25/01/2013 - 12:29

ma No!,,,ma davvero?...basta tasse e pensare alla crescita?....minchia che pensata!..favoloso!..ma chi l' avrebbe mai detto!...ma porco giuda siamo stati così bene finora...perchè cambiare..eppoi con basta tasse ...addirittura sono stupefatto.ma non sarà che con la crescita alcuni nostri vecchietti non potranno più andare a rovistare nella spazzatura a cercare il mangiare? - ladri associati unitevi - grillo sarà pure un comico da strapazzo ma spesso dice delle sante verità.

giovauriem

Ven, 25/01/2013 - 12:33

facciamo attenzione draghi e peggiore di monti,innanzitutto da umo del capitale strizza l'occhio a sinistra poi è piu freddo e sen'anima di monti

Lu mazzica

Ven, 25/01/2013 - 12:43

Finalmente ti sei accorto caro Draghi che anche tu le paghi !!Rgds., Lu mazzica

Lu mazzica

Ven, 25/01/2013 - 12:44

Finalmente ti sei accorto caro Draghi che anche tu le paghi !!Rgds., Lu mazzica

Ritratto di mariosirio

mariosirio

Ven, 25/01/2013 - 12:45

le tasse costano meno del signoraggio! nessun dottore ha mai ordinato che la banca debba essere una sola, nessun "indipendente" ha diritto a controllare le aziende altrui. questi che "controllano" sono gli stessi indipendenti che fanno fallire le banche come mps per assorbirle al minor costo possibile.

Ritratto di pisistrato

pisistrato

Ven, 25/01/2013 - 13:01

Certo, peccato che l'Italia da Roma in giù viva di spesa pubblica. Il PDL vuole continuare a finanziarla a debito, il PD con le tasse, Draghi cosa propone ?

rokko

Ven, 25/01/2013 - 13:52

Il titolo è vergognoso, come le prime righe dell'articolo ed i commenti. Sono anni che Draghi dice che il pareggio di bilancio va perseguito attraverso la riduzione della spesa corrente, e non lo ha detto solo quando al governo c'era Monti ma già quando c'era Berlusconi. Pensate a dare le notizie, non le opinioni.

Ritratto di andrea78andrea

andrea78andrea

Ven, 25/01/2013 - 14:06

Mario Draghi a Davos lo dice chiaramente. Tutto è ormai pronto. La crisi della sovranità nazionale ed economica (creata apposta) non ha che un modo, finalmente, per essere risolta. "Se volete recuperare la vostra sovranità, allora cedetela". Chiaro, no? Signori, tutti in piedi: Troika's speaking. Io penso che sia ora di finire di parlare di elezioni di partiti ecc.. ma bisogna cominciare a parlare di come uscire dall'UE e dal €uromafia questi stanno distruggendo la nostra storia la nostra cultura la nostra richezza.

gpl_srl@yahoo.it

Ven, 25/01/2013 - 15:09

quest uomo è stato osannato da Berlusconi: credo che pero il cavaliere abbia preso un abbaglio perche anche lui sapeva della storia dell' Anton Veneto e sempre ancora lui da mesi sapeva che la situazione italiana non corrispondeva alle assurde asserzioni di Monti e della Merkel: forse non poteva fare altrimenti ma per Monti, sapeva benissimo che Monti non è l' uomo adatto ne per l' italia , né per gestire l ' ufficio postale di gorgonzola: quindi se ha qualcosa da dire la dica subito usando parole vere e non con lingua biforcuta: fantozzi ebbe il coraggio di dire : la corazzata potemkin è una cagata pazzesca

gpl_srl@yahoo.it

Ven, 25/01/2013 - 15:13

vi ricordate di fantozzi quando disse < la corazzata potemkim è una cagata pazzesca>11 bene che draghi abbia il copgarrio di dire che l' azione del governo Monti durante questo anno, è stata una cagata pazzesca: direbbe non solo la verità ma confermerebbe solo quello che tutti pensano ance in europa

gpl_srl@yahoo.it

Ven, 25/01/2013 - 15:25

i risultati del governo monti obbligano, chiunque vinca, a promuovere una ulteriore manovra di non piccole dimensioni: mancano 45 b e le nuove tasse non sono sufficienti a risolvere il problema di questo deficit, quindi altro che succhiotti di sangue, peggio , anzi molto peggio e le misure che verranno prese non consentiranno nessun aiuto alla piccola e media industria: al contrario avremo in italia un numero di fallimenti e di chiusure ancora maggiore del 2012 con esuberi e persone senza lavoro al 13%: ma queste sono cose che interessano solo Berlusconi perchè evidentemente Monti se ne frega: lui sogna ancora medaglie provenienti dalla germania , noi dovremmo pensare invece a fargli coniare un Mongolino di piombo ed un biglietto di sola andata per Berlino: biglietto non in prima classe, ma in vagone merci come quelli chela grande germania metteva a disposizione di quei cittadini che tra il 1940 ed il 1945 venivano indirizzati a quei nobili campi di lavoro dove ancora oggi molti tedeschi, per cattiva informazione dei loro gerarchi, vorrebbero inviare noi italiani considerati mangia a ufo: i tedeschi non si rendono conto che la nostra economia, non ostante monti e la signora merkel è ancora le prima in europa e che non ostante Monti e la signora Merkel il debito pubblico esplicito ed implicito italiani sono percentualmente molto migliori di quelli tedeschi: quindi stiano zitti , zitti e poi zitti e si preparino a pagare il conto perché anche in questo caso ci sarà alla fine un conto da pagare

Ritratto di MIKI59

MIKI59

Ven, 25/01/2013 - 16:47

queste notizie date dai vari giornali, a mio parere, sono un'offesa alle persone intelligenti. Ma c'è davvero bisogno che ce lo venga a dire un Draghi, che le tasse sono troppe? Dovrebbero essere in primis i sindacati a ribellarsi, invece silenzio di tomba. A ribellarsi non solo per i lavoratori, ma anche per i pensionati, per i datori di lavoro, che di questo passo chiudono e mandano a spasso tutti. In questa campagna elettorale, come in tutte le altre, si parla di ridurre l'IMU. Ma credete davvero che con quello che si risparmia sull'Imu, siamo diventati tutti ricchi? Ma ci prendiamo per i fondelli tutti quanti? Si deve parlare e promettere a costo di dimettersi una volta insediatosi, di ridurre drasticamente le spese. queste è importante. Parlate su queste cose tangibili.

mares57

Ven, 25/01/2013 - 18:32

Troppo tempo. Lo spread su,lo spread giù.....mah

gpl_srl@yahoo.it

Ven, 25/01/2013 - 18:37

mi stupisce che draghi si sia accorto che l' italia sta affondando nel mare di tassazioni in cui è obbligata a navigare: spieghi lui come le aziende possono vivere !

PieroLupo

Sab, 26/01/2013 - 01:10

Ancora le frottole e stronzate dell'altro massone e marionetta della Bilderberg. Questi massoni abbaiano e sparano solo un sacco di stronzate. Il signorinaggio delle banche non é mai stato menzionato dal ladrone massone Draghi, figuriamoci se sto rimbambito dicesse almeno una volta la veritá! Guardandolo, farebbe propio concorrenza a Pinocchio. Un bugiardo sfegatato della stessa scuola massone di Monti. Prostituzione intellettuale! Vergogna!

gpl_srl@yahoo.it

Sab, 26/01/2013 - 11:26

come si fa a finire con le tasse se la sinistra, con Monti sta predicando ulteriori aumenti della pressione fiscale e pur non dicendolo, evidenziano il fatto che in bilancio mancano approssimativamente 45 miliardi per cui si dovra trovare la copertura senza naturalmente ritoccare col risparmio la spesa pubblica, senza tassare prostitute e viados, e senza toccare gli albo professionali??? con un prossimo governo che per prima cosa pensa solo alla legge elettorale ed alla patrimoniale?? ignominia non andare a votare ed ignominia solo pensare di votare per Monti che ci ha messo nella m.... fino al collo: a questo signore non il 15% ma gia l' uno,5% sarebbe esageratamente troppo

Duka

Sab, 26/01/2013 - 14:15

Il problema unico ed autentico di questo paese sono gli abnormi costi della pubblica amministrazione. Fino a quando questo bubbone non verrà estirpato totalmente l'Italia soffrirà dello stesso problema di oggi. In più è arrivato un "deus" che ha pensato di risanare il tutto non tagliando ma propinando tasse.Tradotto significa aver distrutto l'economia reale senza la quale nessun paese può sopravvivere.

Duka

Dom, 27/01/2013 - 13:55

Basta tasse: Si ma è tardi almeno per noi italiani. L'errore più grave; quello d'aver distrutto l'economia reale, senza la quale nessun paese al mondo può sopravvivere.