Fornero: "La Fiat fermi i licenziamenti a Pomigliano". Passera: "Non mi è piaciuta la mossa di Marchionne"

Bufera sulla Fiat dopo la decisione di mettere in mobilità 19 operai per fare posto ai lavoratori Fiom reintegrati per sentenza. Passera: "Non mi è piaciuta la mossa della Fiat"

Tutti addosso a Sergio Marchionne: ministri, politici, sindacati e pure imprenditori. La decisione dell'ad Fiat di mettere in mobilità diciannove operai di Pomigliano, in seguito alla sentenza della corte di Appello di Roma che ha imposto all'azienda di assumere altrettanti lavoratori della Fiom, ha scatenato un putiferio. In mattinata si era già fatto sentire il ministro dello Sviluppo Ecocomico Corrado Passera che ha criticato la mossa del Lingotto. In serata arriva l'affondo di Elsa Fornero. Landini chiede e Roma risponde. "Noi abbiamo chiesto al Governo che il Presidente del consiglio chieda di ritirare i licenziamenti e se ci fosse bisogno fare un contratto di solidarietà", ha dichiarato nel primo pomeriggio il segretario della Fiom. E, infatti, poco dopo arrivano le parole del governo: "Il ministro del Lavoro Elsa Fornero constata, con rammarico e preoccupazione: la novità della fattispecie che fa evolvere le relazioni industriali nel senso dello scontro e dell’indurimento della contrapposizione - spiega il ministro in una nota ufficiale -; la mancanza di volontà di dialogo di entrambe le parti; l’assenza di una posizione comune da parte sindacale. In questa situazione, il ministro del Lavoro si adopererà per quanto di sua competenza per fermare l’avvitamento in una spirale nella quale tutti, dai singoli all’intero Paese, sono perdenti".

Un duro atto di accusa a cui fa seguito la richiesta di "soprassedere all’avvio della procedura di messa in mobilità del personale, in attesa della verifica di una possibilità di dialogo che non riguardi soltanto il fatto specifico, ma l’insieme delle relazioni sindacali in azienda".

La scelta di Marchionne ha ricevuto critiche dal mondo politico, ma anche da parte di alcuni imprenditori. Proprio oggi è arrivato un durissimo attacco da parte di Diego Della Valle che in una nota ha chiesto al Presidente della Repubblica e al premier Mario Monti di "intervenire e richiamare Marchionne e gli Agnelli al rispetto e al senso di responsabilita".

Commenti

Anselmo Masala

Gio, 01/11/2012 - 20:32

e a me nn e' piaciuto la sentenza con la quale si reintegra chi boicotta un'azienda come la mettiamo????? Facile decidere con la tasca degli altri eh????

Ritratto di marforio

marforio

Gio, 01/11/2012 - 20:34

La Fiat deve prendere decisioni senza avere piu legami e lacci dal passato.Se questa e la starda decisa , la segua senza farsi intimorire da inutili idioti , che bene o male sono solo li per farsi i propri porci comodi.Come Marchionne , cosi la pensano quelli che lo crocifiggono.AL diavolo tutti .

Rosario46

Gio, 01/11/2012 - 20:35

Se quello che ha fatto Marchionne non è illegale, perchè la sx blatera tanto? Non sono loro che parlano sempre di legalità? Saluti

Anselmo Masala

Gio, 01/11/2012 - 20:36

diego della vale.. senti chi parla.... Se lui ha il senso della responsabilita' riporti la manodopera in Italia e faccia lavorare gli Italiani.. dopo e soltanto dopo puo' aprire quel pertugio che si ritrova tra' il naso ed il mento

bite

Gio, 01/11/2012 - 20:40

Questo Marchionne anziche guidare il piu' grande gruppo italiano ma invece fa le cose per ripicca, a questo punto e' meglio che vada a dirigere il mercato della frutta e verdura.E anche troppo per quella sua mentalita'.

minimo

Gio, 01/11/2012 - 20:42

Paaserotta si arrabbia? Come quando fu ad delle poste licenziò a suo piacimento e ora si scandalizza. Che f...di emme.

WSINGSING

Gio, 01/11/2012 - 20:47

Mettiamoci in testa un cosa: Marchionne ragiona come un autentico menager aziendale e prende tutte le decisioni che possano essere di interesse per l'azienda. Che poi queste decisioni possano essere moralmente giuste o sbagliate è un altro discorso. Come fare? La soluzione sta solo nella trattativa.......

Ritratto di alasnairgi

alasnairgi

Gio, 01/11/2012 - 20:49

Continuate,continuate a dare addosso a Marchionne!! Così di riflesso i possibili clienti Fiat smetteranno di comprare macchine del marchio!! Risultato?? La Fiat se ne andrà dall'Italia. Qualsiasi imprenditore,ancora di più la Fiat, ha il diritto di gestire le SUE aziende come gli pare più economico per lui. O in Italia esiste ancora una economia di tipo sovietico???

Ritratto di _alb_

_alb_

Gio, 01/11/2012 - 20:58

Marchionne, per quanto sia un dirigente totalmente incapace che pensa solo alla finanza e non ai prodotti (e questo avrà conseguenze disastrose sul lungo termine), ha fatto solo che bene a mettere 19 dipendenti in mobilità in risposta al diktat della magistratura. Simili imposizioni sono semplicemente inaccettabili in un paese dove ci dovrebbe essere libertà d'impresa.

Ritratto di paola29yes

paola29yes

Gio, 01/11/2012 - 20:58

Qua ciocchiamo per davvero! Il governo che va a sindacare in una ditta privata. Di quale protezione ha bisogno della valle per mettere il becco in una faccenda che non lo riguarda? Altro che soviet! Le ditte diventino di Stato dopo aver pagato l'imprenditore il valore dell'attività, poi assumano chi vogliono, senza far pagare al popolo il loro fallimento. Una gallina incinta è più intelligente di chi ci sgoverna.

Fabrizio Di Gleria

Gio, 01/11/2012 - 21:00

Marchionne ha ragione, la FIAT non un stipendificio statale, è un azienda privata che deve fare profitti per i suoi soci. Sarebbe opportuno che le scelte di un azienda privata vengano rispettate

Ritratto di mariosirio

mariosirio

Gio, 01/11/2012 - 21:01

della valle si riferisce certamente ai gol della juve ma stia tranquillo, siamo abituati a vederli spadroneggiare, è inutile che si mascherino con l'etichetta, un blasone, o una stelletta. sono e restano predoni e per tali li si considera.

giosafat

Gio, 01/11/2012 - 21:01

Marchionne/Fiat aveva con abbondante anticipo preavvertito che queste sarebbero state le conseguenze derivanti dall'applicazione del diktat della Fiom/Magistratura. Di che vanno allora cianciando tutti questi straimbiancati sepolcri? Si sono forse spaventati della bollentissima e avvelenatissima patata rispedita nel loro campo?

Ritratto di centocinque

centocinque

Gio, 01/11/2012 - 21:03

Un raglio d'asino non è mai saliyo incielo (Passera, Fornero e Della Valle si ritrovano benissimo in questa perla di saggezza popolare)

Daniele Sanson

Gio, 01/11/2012 - 21:06

È finita , in Italia tutto vá al contrario .... é finita.

Fabrizio Di Gleria

Gio, 01/11/2012 - 21:07

Marchionne ha ragione, la FIAT non un stipendificio statale, è un azienda privata che deve fare profitti per i suoi soci. Sarebbe opportuno che le scelte di un azienda privata venissero rispettate, ma cosa vogliamo la FIAT del passato, con lo STATO che ripianava i suoi debiti per far lavorare la gente ?. O vogliamo un azienda Internazionale che si fa rispettare dai suoi Competitor ? Questa azienda deve combattere con degli squali come la WV, la TOYOTA, ecc., quindi non ha tempo da dedicare a questi parassiti e sindacati vari. Marchionne è uno che parla poco a fa i suoi fatti, vedi in America, FIAT è un azienda rispettata, perchè rispetta i suoi impegni.

blackbird

Gio, 01/11/2012 - 21:13

Mi obblighi ad assumere i tuoi 19? Ne licenzio altri 19! Semplice e matematico. Di cosa si lamente Fornero? Metta a posto gli esodati, dopo potrà parlare. Forse non si sono accorti che la pacchia è finita, e le sentenze hanno anche ricadute spiacevoli, per qualcuno.

guido.blarzino

Gio, 01/11/2012 - 21:14

Ha ragione Marchionne. Tutti vogliono interferire negli affari degli altri con i soldi degli altri: sindacati, Magistratura, politici. Tutti ladri patentati che mangiano s sbafo degli Italiani che lavorano. Prendete i soldi che avete rubato e dimostrate cosa siete capaci di fare. Siamo nel mondo globale ed i conti non perdonano, come sempre più di sempre.

cgf

Gio, 01/11/2012 - 21:14

ki paga i nuovi 19 assunti? da quando si decide x legge quanti dipendenti debbono esserci in un'azienda? qui a schifio finisce, sta a vedere che a Pomigliano presto rimangono tutti, chi investe miliardi di euro a queste condizioni? Governo di dilettanti allo sbaraglio!

Ritratto di unLuca

unLuca

Gio, 01/11/2012 - 21:19

Se ci fossero le Olimpiadi dell'antipatia, Marchionne vincerebbe la medaglia d'oro.

Ritratto di elio2

elio2

Gio, 01/11/2012 - 21:40

Invece a me piace moltissimo. Ce ne fossero di A.D. come lui, il problema non è lui, il problema sono i sindacati della Fiom, super politicizzati che devono sistemare con l'aiuto di qualche pm militante in servizio permanente effettivo, degli amici a parassitare in Fiat. Quando mai si sono visti dei giudici che obbligano un'impresa ad assumere chi vogliono loro? E' allucinante che questo possa succedere e poi si lamentano che le industrie chiudono e vanno all'estero.

teocos

Gio, 01/11/2012 - 21:55

Bello fare impresa in Italia! Tutti sanno come comportarsi purchè l'azienda non sia la propria!

luiss_sm

Gio, 01/11/2012 - 21:59

Poi non piangano quando la FIAT lascerà definitivamente l'ITALIA. Stanno facendo di tutto per mandarla via. Come si può fare impresa in un paese in cui i giudici reintegrano i sabotatori e impongono assunzioni? La FIAT si è semplicemente difesa da quella imposizione e sicuramente ci saranno altri operai che dovranno essere sacrificati fino ad arrivare ai 145 imposti dal giudice. Del resto un'impresa non è un ente di beneficenza. Non sono più i tempi delle aziende i cui soci intascavano gli utili e scaricavano le perdite allo stato. (per fortuna!!!!)

roberto zanella

Gio, 01/11/2012 - 22:05

Che intervenga la Fornero è da ridere,segue Passera che continua a aprlare,proporre,ma praticamente gira a vuoto da quando è ministro. Io dico bravo Marchionne. Propongo a Fornero e Passera:mandiamo Landini e i suoi della FIOM alla Chrysler e chiamiamo in FIAT i sindacalisti americani. Poi pure i Giudici americani.

vitripas

Gio, 01/11/2012 - 22:19

Marchionne lascerà l'Italia entro un anno, sta delocalizzando laproduzione e gli investimenti, quanto prima vi saranno 3.000 disocuppati in più e DellaValle che si fa costruire le scarpe in cina e se le fa pagare ai prezzi europei sarà felice e contento. Contro l'gnoranza (Fiom e Magistratura) vi è rimedio, ma contro la stupidità Della Valle) purtroppo no.

claudio faleri

Gio, 01/11/2012 - 22:31

la fiat non è la mamma, cosa che i sindacati hanno fatto penzare ai dipendenti, le aziende fanno quello che vogliono, perchè non sono aziende di stato come piaceva alla sinistra che dopola guerra invece di penzare a tutto il tessuto lavorativo italiano, contadini e artigiani, ha penzato ai c.......i suoi per avere privilegi e voti, in primis i sindacati che manovrano ingenti somme di denaro , non sono sindacati ma holding internazionali con tanti parassiti sulle sedie pagati da chi lavora...purtroppo l'italia è basata su una percentuale di parassiti che muovono le pedine della scacchiera

claudio faleri

Gio, 01/11/2012 - 22:33

al passera non è piaciuta la mossa della fiat...e cosa vuol fare, mette in carcere marchionne, ringrazzi la santa vergine se la fiat è ancora in italia a marchionne della fiat italiana non gli frega un c......o e ha ragione

peroperi

Gio, 01/11/2012 - 22:40

L'Italia è uno strano paese dove è consentito il licenziamento di tutti coloro che non fanno parte di un gruppo rappresentato e difeso dai sindacati. Ci sono decine di migliaia di èpiccole partite iva che hanno dovuto scegliere mestieri diversi dall'impiegato statale o dal lavoratore presso grandi aziende che se vengono licenziati o muoiono di fame non gliene frega niente a nessuno. Si devono cercare in silenzio un altro lavoro. Questi 19 operai invece vengono difesi a spada tratta da politici e sindacati. Non possono anche loro cercarsi un altro lavoro come gli altri o emigrare come facevano i nostri nonni? non possono prendersi specializzazioni ricercate da altre industrie?

masbalde

Gio, 01/11/2012 - 22:48

Che strano paese l'Italia: Della Valle produce scarpe di lusso tod's e hogan- prezzo medio in negozio oltre 200 Euro- non certo per il ceto operaio, sfruttando molte fabbrichette al sud che lavorano in nero o gestite da cinesi (vedi report di 2 anni fa)o addirittura importate dalla cina e poi grazie ai tanti cavilli della legge mette legalmente l'etichetta made in Italy etc etc. Questo Signor della valle osa criticare Marchionne che con gli utili fatti in america mantiene aperte la fabbriche italiane che altrimenti lavorando in perdita andrebbero chiuse??? Ma perchè non la compra lui la Lancia e ci fa vedere se sa fare anche automobili oltre alle scarpe, invece di restaurare il colosseo per farsi pubblicità nel mondo col nome dell'Italia?????

Ritratto di michageo

michageo

Gio, 01/11/2012 - 22:51

Dato che il governo attuale non è stato legittimato attraverso regolari elezioni, ma, è nato da un colpo di stato ancorchè incruento, come logica conseguenza, tale oligarchia ritiene di essere autorizzata ad intervenire su tutte le decisioni del singolo cittadino: la libera imprenditorialità è morta.....come nelle peggiori dittature, non a caso, comuniste.Manca solo il cambio di etichetta da Repubblica Italiana a repubblica democratica popolare italiana.La FIOM e CGIL che con il Cav era stata ricondotta, seppur riottosa, nell'ambito normale del sindacalismo,ora, braccio "armato" della sinistra straborda e vede già la vittoria del proletariato , con la complice partecipazione di novelli Marat, Danton e Robespierre di certi ambienti industriali elitari pronti a soffiare sul fuoco per ritagliarsi future agevolazioni dal mondo sindacale estremista.......strane accoppiate.Sig.Passera torni alla "sua" banca ed allenti i cordoni della borsa, Sig.ra Fornero torni sui libri.....e lasciate che chi sa lavorare lavori con serenità. Comunque per la FIOM è un bell' autogoal che mi auguro serva a far aprire gli occhi su quelli che vorrebbero giungere al governo con l'ennesimo inganno

beppazzo

Gio, 01/11/2012 - 22:56

Marchionne stà mettendo in palla la cosidetta società civile italiana , togati, sindacati, politici ecc ecc, lui guarda al mercato americano, dove vigono altre regole. La sua provocazione forse è tesa allo sganciamento definitiva dell'attività produttiva della Fiat dall'italia addossandone la responsabilità al sistema italia non più gestibile, in un mercato mondiale dove il vittimismo e piagnisteo istituzionalizzato non è lontanamente concepibile.

giovanni PERINCIOLO

Gio, 01/11/2012 - 23:13

Già, tutti contro Marchionne. Lui é il provocatore non landini oppure il signor giudice. Visto che Monti é il grande estimatore della Germania mandi il suo ministro e tutti gli altri a passare qualche mese alla VW oppure alla Mercedes o BMW ad imparare cosa significa sindacalismo e ancor più come i sindacalisti tedeschi sanno fare e come gli interessi dei lavoratori, non quelli del partito. Ma quello che a mè fa più schifo di tutti é della valle e mi fermo qui.

@ollel63

Gio, 01/11/2012 - 23:33

e il diego della valletta che c. c'entra?!

@ollel63

Gio, 01/11/2012 - 23:37

ora in Italia vuol comandare pure il diego della valletta? Siamo non più alla frutta, siamo proprio alla cacc

Ritratto di fabiobonari

fabiobonari

Gio, 01/11/2012 - 23:43

Vogliono proprio vedere se riescono a dare a Marchionne una buona scusa per chiudere la Fiat in Italia.

acolombi

Gio, 01/11/2012 - 23:45

solidarietà a Marchionne ed alla FIAT...........cosa vogliamo, che se ne vadano dall'Italia? a loro converrebbe e ne sono sempre più tentati, a noi lascerebbero solo miseria, parassiti di sindacalisti da mantenere e quelle sanguisughe che ci stanno governando e mandando a fondo. E poi, da che mondo e mondo un giudice dice ad una azienda chi devono assumere? roba da soviet

Lino1234

Gio, 01/11/2012 - 23:53

Marchionne e Berlusconi,gli italiani non vi meritano. So cosa significa avere alle propprie dipendenze dei violenti che odiano il lavoro. Ora che la giustizia italiana ha dato ragione ai violenti in fabbrica non mancherà tempo che costoro si sentiranno in diritto di passare alle bombe in fabbrica. Non vi rimane che darvi a gambe levate con le vostre attività: altrimenti, se vi va bene, finirete falliti o in un gulag. Non fidatevi, scappate prima che vi possa capitare il peggio. Siete persone di grande valore ed in qualsiasi parte del mondo vi recherete potrete essere utili e fare del bene dando lavoro a centinaia di migliaia di esseri umani, che vi ringrazieranno. Saluti. Lino

Ritratto di martello carlo

martello carlo

Ven, 02/11/2012 - 00:16

Perfino lo SCARPARO che sta comprando il CORSERA è contro Marchionne. E tte credo, dal momento che vorrebbe far andare a piedi anzichè in macchina tutti gli italiani. E ci riuscirà, naturalmente con l'aiuto della FIOM e della MAGISTRATURA che ora pretende di fare gli organici coi soldi degli altri. Naturalmente noi, dai marciapiedi, continueremo a vederli sfrecciare sulle loro scintillanti auto blu con chauffeur. Quanta pazienza Sergio.

Cosi_la_penso

Ven, 02/11/2012 - 00:44

Questo comportamento è sintetizzato nel sostantivo : Rappresaglia che possiamo anche definire come : "brutale vendetta nei confronti di terzi perche non si riesce a colpire i presunti rei di un fatto " Complimenti a tutti quelli che si schierano con il "puffo" marchionne.

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Ven, 02/11/2012 - 01:00

Marchionne è il capo. Lui dirige la Fiat. Che cavolo vogliono questi sindacati e questi politicastri che lo criticano? Mettersi loro al suo posto e prendere decisioni che affosserebbero l'azienda? SOLO IN ITALIA SUCCEDE CHE UN INDUSTRIALE SUBISCA LE CRITICHE DI SINDACALISTI MAGISTRATI E POLITICI INCOMPETENTI.

Ritratto di Jerry 52

Jerry 52

Ven, 02/11/2012 - 01:04

Il ministro del Lavoro Elsa Fornero "constata la mancanza di volontà di dialogo di entrambe le parti"...Ma con chi ha dialogato quando ha tagliato le pensioni e 190000 ESODATI non sanno che pesci pigliare Mentre il paladino Della Valle dovrebbe spiegare il perchè le sue scarpe da oltre 200€ le fà nei paesi dell'est e non in Italia

papik40

Ven, 02/11/2012 - 01:14

Tutti i governi in una maniera o nell'altra hanno sempre aiutato la Fiat a nazionalizzare le perdite e, principalmente, a far pagare agli italiani gli errori degli Agnelli. Ciò non ha mai stimolato questa "specie" di industriali (ma non sono i soli) ad essere sempre più arroganti e fregarsene di far bene il loro mestiere che, indubbiamente, sanno fare visto i risultati americani! Quindi è inutile che ci sia la corsa a sbraitare contro Marchionne che è un mero esecutore della proprietà! E' parimenti indubbio che l'auto sta subendo una crisi mondiale, specie in Europa, e mi spiace esser fuori dal coro questa volta. Voi tutti dovete sbraitare contro chi ha obbligato Fiat a reintegrare i 19 Fiom! E' una sentenza sbagliata che non tiene conto della realtà industriale di questa società nel contesto economico attuale che, ovviamente, non può sostenere un onere ulteriore di circa € 10 milioni annui per questa forzata reintegrazione. Bastava che la sentenza prevedesse che la Fiat, quando si creava la necessità, doveva assumere operai Fiom e magari non solo 19 ma 38!

waaw33

Ven, 02/11/2012 - 01:44

Non sa fare auto e tratta gli operai come spazzatura. Non credo i veri imprenfitori vivano aggredendo e mentendo ai loro operai. Solo vuole nascondere il fatto che le Lancia Chrisler hanno vendoto 500 auto in un anno. Ridicolo...

Ivano66

Ven, 02/11/2012 - 01:54

Il modello Fiat è un sistema di ricatto (investimenti in cambio di repressione del movimento dei lavoratori) tipico delle grandi multinazionali. Questo modello in realtà lastrica la strada del sottosviluppo e della povertà, con investimenti utili solo alle casse del capitale, distrugge lo stato sociale, la contrattazione nazionale, i diritti dei lavoratori. Ma c'è davvero ancora qualcuno che crede che il Progetto Italia della Fiat esista davvero?! . L'alternativa seria su cui discutere è solo la conversione ambientale del sistema produttivo e dei nostri consumi a partire dagli stabilimenti in crisi e dalle fabbriche di prodotti obsoleti o nocivi, tra i quali l'automobile occupa il secondo posto, dopo gli armamenti. Chi parla oggi ancora di crescita o è in malafede o, come tutti quelli che si compiacciono della fine dello stato sociale (alcuni addirittura incitano Marchionne ad andarsene, invece di ricordargli le sue responsabilità!), deve ancora comprendere il disastro a cui andiamo incontro.

egenna

Ven, 02/11/2012 - 02:20

Fatto bene,grande Marchionne. Cordiali saluti

Ritratto di limick

limick

Ven, 02/11/2012 - 05:12

Meglio avere un morto in casa che un sindacalista o la fornero alla porta... Marchionne sara' impopolare ma ha tutta la mia stima per la lotta che sta conducendo contro la vetusta mentalita' parassita dei sindacati e assistenzialista dello stato.

Ritratto di scappato

scappato

Ven, 02/11/2012 - 06:00

..." e pure Diego Della Valle. Cosa aspettate a dargli il posto di Napolitano? sarebbe la continuazione ideale.

VermeSantoro

Ven, 02/11/2012 - 07:14

La Fornero è l'ultimo essere umano che dovrebbe occuparsi di pensioni e di lavoro, mi chiedo per quanto altro tempo dovremmo sorbire la sua presenza.

Ritratto di marcel lò

marcel lò

Ven, 02/11/2012 - 07:31

che la regola rimanga la stessa: per 19 reintegrati, 190 licenziati.

gicchio38

Ven, 02/11/2012 - 07:32

CARO "PASSEROTTO". TI CONOSCO BENISSIMO PERCHE' TI HO AVUTO PER CIRCA 4 ANNI COME "SALVAPOSTE" E SO QUELLO CHE HAI COMBINATO. ORA NELLE POSTE VI E' UN MERCANTEGGIAMENTO "ALTRO CHE VOTO DI SCAMBIO". TUTTI I MEZZI "PAPAVERI" SI CREDONO "DIO IN TERRA". NON MI ESPONGO DI PIU' PERCHE' SO CHE SIETE ANCHE VENDICATIVI QUANDO VI TOCCANO L'ONORE. A BUON INTENDITORE................ E NON CORTEGGIARE QUELLA FACCIA DI LECCACULO DI diego della valle "DI LACRIME" CHE ORA SI ERGE A SALVATORE DEI LAVORATORI COMUNISTI.

Pitagoric

Ven, 02/11/2012 - 07:48

Chissà per quale motivo in Italia devono sempre succedere cose molto strane in tema di lavoro. Marchionne non fa altro che gestire un'azienda in modo pragmatico ed efficace; dunque, una mossa di questo tipo è stata valutata sicuramente attentamente e sulla base di ragioni valide. Non si possono inventare posti di lavoro solo perchè se ne ha bisogno. Le condizioni di assunzione controproducenti del mercato italiano mettono in difficoltà tutti, soprattutto aziende che operano in settori difficili quali quello dell'auto.

Ivano66

Ven, 02/11/2012 - 07:54

Il modello Fiat è un sistema di ricatto (investimenti in cambio di repressione del movimento dei lavoratori) tipico delle grandi multinazionali. Questo modello in realtà lastrica la strada del sottosviluppo e della povertà, con investimenti utili solo alle casse del capitale, distrugge lo stato sociale, la contrattazione nazionale, i diritti dei lavoratori. Ma c'è davvero ancora qualcuno che crede che il Progetto Italia della Fiat esista davvero?! . L'alternativa seria su cui discutere è solo la conversione ambientale del sistema produttivo e dei nostri consumi a partire dagli stabilimenti in crisi e dalle fabbriche di prodotti obsoleti o nocivi, tra i quali l'automobile occupa il secondo posto, dopo gli armamenti. Chi parla oggi ancora di crescita o è in malafede o, come tutti quelli che si compiacciono della fine dello stato sociale (alcuni addirittura incitano Marchionne ad andarsene, invece di ricordargli le sue responsabilità!), deve ancora comprendere il disastro a cui andiamo incontro.

wolfma

Ven, 02/11/2012 - 07:55

Bravo Marchionne,sei l'unico a tenere testa alla Camusso & Soci. La magistratura non può imporre le assunzioni di determinati lavoratori (si fa per dire..!!!) . E Della Valle cosa c'entra in questa faccenda? Come si permette di interferire e commentare le decisioni di un'altra azienda? Marchionne lo vorrei come Presidente del Consiglio, sistemerebbe l'Italia e le sinistre.

Ritratto di dbell56

dbell56

Ven, 02/11/2012 - 07:57

Mi chiedo, ma questi che vanno contro Marchionne per partito preso, si rendono conto di come si gestisca una industria multinazioneale nel settore auto? Della Valle dovrebbe solo vergognarsi. Si dice imprenditore ma poi invece di astenersi dal dare giudizi su ciò che non conosce, fa il bolscevico chiamando in causa il governo ed il presidente della repubblica. Ma perchè, vuole che la FIAT sia nazionalizzata? Il settore auto è in profondissima crisi. Ce ne sono state tante di crisi ma mai come questa. quindi, questi soloni trinariciuti vorrebbero che in un mercato in crisi come quello dell'auto, in piena stagflazione anzi in fortissima recessione, la FIAT stravolga i suoi piani produttivi per fare un favore a Landini-Fiom, quelli cioè che neanche hanno sottoscritto il nuovo contratto di lavoro metalmeccanici? Se io sono costretto da una sentenza a dover assumere del personale obtorto collo, sperando che ovviamente la qualità della produzione rimanga la stessa, che faccio per far posto a questi, licenzio gli altri. Tutto secondo l'economia di mercato. Perchè che che se ne dica, il lavoro rimane pur sempre un fattore della produzione di carattere rigido. In realtà ciò che manca è l'empatia. Per parafrasare Ricucci, anche in questo caso, è facile e comodo fare il fro**o con il c*lo altrui!

Ritratto di italiota

italiota

Ven, 02/11/2012 - 07:59

invece di mettere sul lastrico 19 famiglie basterebbe ridurre di 1 decimo i benefit di questa faccia da Marchionne e con quei soldi mantenere il posto di lavoro degli operai

Ritratto di abraxasso

abraxasso

Ven, 02/11/2012 - 08:01

Marchionne dovrebbe regalare a tutti i dipendenti FIAT la tessera della FIOM...

disalvod

Ven, 02/11/2012 - 08:03

MA IO MI CHIEDO:TUTTI QUESTI PROBLEMI DEL LAVORO E DELL'OCCUPAZIONE SI VERIFICANO SOLO IN ITALIA O ANCHE NEGLI ALTRI PAESI EUROPEI O MEGLIO ANCHE IN TUTTI GLI ALTRI PAESI MONDIALI?QUALI SONO I DIRITTI ED I DOVERI DI CHI INVESTE E QUALI QUELLI DEL LAVORATORE?

Ritratto di abraxasso

abraxasso

Ven, 02/11/2012 - 08:06

Ma toh! Non era Marchionne il cocco dei salotti intelligenti di sinistra?

gian carlo galli

Ven, 02/11/2012 - 08:13

tutti contro tutti ! l'Italia destinata verso un irreversibile declino perche' oggi essere di sinistra e' diventata una moda. un Viva' allora per certi sindacati che vogliono affossare il paese, per certa magistratura che si fa pubblicita', per certi professori che loro si sanno da che parte stare ......Un grande e vero'Viva' per il paese che non vota piu' perche' e' schifata dalla politica e dalle istutuzioni ! Un 'Viva' anche per Marchionne che sta imparando a giocare a boccette !!

st.it

Ven, 02/11/2012 - 08:27

Tutti chi? Ancora una volta,a prescindere dalla sentenza politica dei giudici ha ragione marchionne:se una azienda in cassa integrazioneviene obbligata a assumere un tot di operai,per far posto a questi altri devono uscire,dov'è l'anomalia? Anomalo è l'intervento degli alti papaveri del governo:La corea mi sembrava un po' più lontana.

Ritratto di r.peddis

r.peddis

Ven, 02/11/2012 - 08:30

tutti non è vero.....io sono a favore ...

Ritratto di Limapapa02

Limapapa02

Ven, 02/11/2012 - 08:41

Pur essendo conterraneo di Della Valle, devo ammettere che ora incomincia a farla fuori dal vaso: ma chi si crede di essere per sollecitare Napolitano e Monti a richiamare Marchionne al senso di responsabilità? Anche lui si sente così perfetto da poter dare lezioni ad altri? Per quanto riguarda la Fornero, questa sua ennesima uscita la mette definitivamente nell'angolo delle inutilità: perchè non chiede anche alla sua collega ministro della Giustizia di intervenire nei confronti di quei giudici che hanno sancito il rientro dei 19 sindacalisti? "L'indurimento della contrapposizione", ma chi paga in ogni caso? Visto che non si vuol capire che il barile è alla fine bucato e che di soldi non ce ne sono più, bisogna forzare la mano, per farsi capire! A volte ci si accorge degli eventi, solamente pestandoci il naso...

antiom

Ven, 02/11/2012 - 08:43

Nel corso del tempo si è sviluppato, in Italia, una pletora di sindacati piccoli e grandi, ricchissimi e no: tutti con un partito politico di riferimento, anche in conflitto fra loro, che non ha motivo di continuare ad esistere Prima perché non siamo più all’inizio del 900, limite in cui al sindacato qualcosa di socialmente utile va doverosamente riconosciuto; secondo perché lo stesso ha perduto la sua funzione primaria, quella di difendere il lavoratore singolo e i lavoratori di tutte le aziende; per assumere quella politica e, ancor più quella speculativa commerciale e di becera contrapposizione solo con l’unico grande gruppo industriale presente in Italia, la Fiat! Purtroppo in Italia mancano uomini e “donne” con le palle che hanno coraggio e competenza per assumere posizioni coerenti e impopolari nella vicenda Fiat, condannata da un giudice che non capisce un accidenti di capannoni, fabbriche e operai e protervia dei sindacalisti anni 70: ad assumere 145 operai iscritti al sindacato estremo Cgil che si rifiutarono ad aderire all’accordo “di fabbrica Italia;. ma si esprimono su cose importanti di cui non hanno nessuna esperienza diretta in modo umorale e ipocrita, senza nemmeno sapere ciò che possono sortire le loro infelici posizioni, Lasciando perdere le recondite motivazioni per cui Della Valle assume posizioni di giullare: c’è da rimanere scandalizzati che chi copre ruoli istituzionali come Passerà e Fornero facciano tifo da stadio a mettersi contro l’unico vero amministratore che la Fiat abbia mai avuto; dando, altresì, ragione alla FIOM nonostante se in disaccordo con Cisl e UIL, e all’uomo che emesso la sentenza che condanna la Fiat. Senza minimamente capire, immaginare, che questo sostegno significherebbe, si il trionfo della FIOM e ritorno agli ani 70 di cui prima, che solo i grandi uomini sono capaci di sradicare, ma anche il rischio di trasferimento all’estero di tutto il comparto fiat, anche se più costoso delle assunzione in sovrannumero di 145 esagitati. Infine già in precedenza ho scritto che una cosa sono 3/5 operai da assumere per decreto, altra sono 145, che, purtroppo, con molta malinconia Marchionne si sta attenendo, sacrificando chi non ha nessuna colpa: giacché per quella che è la programmazione dei turni di lavoro non può tenere gli uni e glia altri. E’ molto triste constatare che chi comanda una fabbrica privata sono giudici da quattro soldi, la protervia del sindacato e politici per niente illuminati. Quello che sortirà da questa triste vicenda, tipicamente italiana, di cui tutte le industrie del settore ne approfitteranno, sarà che il truculento Landini entrerà in politica come è usuale per sindacalisti e magistrati, e la Fiat delocalizzerà. Scordatevi che gli Agnelli possano fare meno di Marchionne! Non è possibile!

Ritratto di tantoquanto

tantoquanto

Ven, 02/11/2012 - 08:45

Fra quei tutti insoddisfatti io non ci sono. Io sono soddisfattissimo per quello che ha fatto Marchionne. Dimostra di essere un imprenditore con i cojoni. La Fiom adesso se la sbrighi coi suoi amici magistrati che vogliono comandare nelle case altrui. Lui ha esuberanza di personale e quindi è giusto assumere 19 imposti dai PM e deve mettere in mobilità altri 19. Adesso scoppierà la guerra tra gli operai in mobilità e quei mangiapreti della Fiom. Ne vedremo delle belle.

ilfratellodiitan

Ven, 02/11/2012 - 08:54

ha fatto bene.

Ritratto di martello carlo

martello carlo

Ven, 02/11/2012 - 09:02

Perfino lo SCARPARO che sta comprando il CORSERA è contro Marchionne. E tte credo, dal momento che vorrebbe far andare a piedi anzichè in macchina tutti gli italiani. E ci riuscirà, naturalmente con l'aiuto della FIOM e della MAGISTRATURA che ora pretende di fare gli organici coi soldi degli altri. Naturalmente noi, dai marciapiedi, continueremo a vederli sfrecciare sulle loro scintillanti auto blu con chauffeur. Quanta pazienza Sergio.

Willy Mz

Ven, 02/11/2012 - 09:13

ma adesso siamo proprio in mano solo ai sindacati? ritengo che ognuno nella sua ditta, per grossa o piccola che sia, debba fare i suoi interessi. poi che tutti si mettano in mezzo....

Mario-64

Ven, 02/11/2012 - 09:15

Il piu' comico rimane Della Valle...ma che vuole costui ,entrare in politica? Parla a nome di chi? E' una corsa a mettere i bastoni fra le ruote alla FIAT ,attenzione ,giochino pericoloso... Finche' pantalone ci metteva i soldi ok ,ma se si pretende che l'azienda faccia da sola bisogna lasciarla stare.

gzn663

Ven, 02/11/2012 - 09:17

Adesso vediamo come ne escono Bonanni ed Angeletti da questa situazione?Faranno causa alla fiat per ingiusto licenziamento dei loro iscritti,o saranno ancora a fianco del fenomeno italo canadese?

brunicione

Ven, 02/11/2012 - 09:21

Cari Politici,avete già dimistrato ampiamente di non capire niente, dopo aver rovinato il paese dovreste avere almeno il coraggio di stare zitti. Fornero, Passera e compagnia cantanti, non rovinate anche la Fiat, state zitti e lasciatela lavorare, non continuate a fare disastri a spese dei contribuenti

Ritratto di wilfredoc47

wilfredoc47

Ven, 02/11/2012 - 09:24

Due più due fa quattro e Marchionne ci sta provando. Era forse meglio quando con l'Avvocato faceva otto (anche nove, a volte)? Le dichiarazioni vellutate tese ad accaparrarsi simpatie rese dai signori tecnici ministri o le sortite tipo "signora maestra, il mio compagno è cattivo, fallo smettere" del primo della classe mr DDV fanno sorridere. Saluti

Ritratto di martello carlo

martello carlo

Ven, 02/11/2012 - 09:29

Perfino lo SCARPARO che sta comprando il CORSERA è contro Marchionne. E tte credo, dal momento che vorrebbe far andare a piedi anzichè in macchina tutti gli italiani. E ci riuscirà, naturalmente con l'aiuto della FIOM e della MAGISTRATURA che ora pretende di fare gli organici coi soldi degli altri. Naturalmente noi, dai marciapiedi, continueremo a vederli sfrecciare sulle loro scintillanti auto blu con chauffeur. Quanta pazienza Sergio.

Ritratto di alasnairgi

alasnairgi

Ven, 02/11/2012 - 09:38

Continuate,continuate a dare addosso a Marchionne!! Così,i possibili clienti Fiat acquisteranno ancora meno macchine del marchio. Risultato? La Fiat se ne andrà dall'Italia verso lidi più favorevoli.E'impensabile che un imprenditore non possa gestire le SUE aziende nel modo più economico per lui. O in Italia vige ancora un'economia di tipo sovietico???

plaunad

Ven, 02/11/2012 - 09:47

Scusate tanto, ma se una fabbrica é fatta per, diaciamo, 100 operai e forzatamente ne vengono immessi altri 19 mi pare ovvio che altrettanti ne debbano uscire. La matematica non é un' opinione, credo.

onofri

Ven, 02/11/2012 - 09:47

ai simpatizzanti del maglioncino, persone odiose e spregievoli, auguro prestissimo di trovarsi con i prestiti e i fidi bloccati da una banca che gli dirà di averlo fatto per vendetta. idioti. del resto è colpa vostra se l'italia fa schifo. ma perchè non riusciamo a barattarvi con qualche extracomunitario ?

Ritratto di Marving

Marving

Ven, 02/11/2012 - 09:48

Egr. Dr. Marchionne chi la critica non ha potere, rappresenta solo se stesso, non se ne curi e prosegua la sua politica industriale, la Sig.ra Thatcher non si preoccupó degli sbraiti sindacali e l'Inghilterra divenne solida e florida. Chissá che non si riesca a smontare questa macchina infernale costrutia intorno a sindacati comunisti e magistratura comunista.

onofri

Ven, 02/11/2012 - 09:52

waaw33 : quello che i fan del maglioncino non hanno capito (e non sorprende vista la loro abissale ignoranza totale) e che al maglioncino interessa solo ed esclusivamente il proprio stipendio. marchionne è il più grosso fallimento della grande industria. punto. per quanto riguarda i fan del maglioncino svizzero solo solo dei poveracci. sono pronti a vendere i figli pur di far qualche soldino in più. o tagliare le gomme alle auto dei disabili se serve. parassiti che non valgono la saliva di uno sputo.

onofri

Ven, 02/11/2012 - 09:59

mi vergogno di leggere commenti idioti su uno sporco ricatto e una guerra fra poveri. spero succederà presto a ciascuno di voi. fate semplicemente schifo. non siete persone, siete cani.

michele lascaro

Ven, 02/11/2012 - 10:04

A Passera la decisione di Marchionne non è piaciuta. ma chi ortaggio è lui, che si permette di dare giudizi su un'azienda privata? E perché non spiega, a noi poveri ignoranti, quella faccenda di denaro che, se non sbaglio, la banca in cui lavorava ecc. ecc.?

dbeilis

Ven, 02/11/2012 - 10:32

Specialmente in questo tempo di crisi , ma non solo , serve una ricetta molto semplice : ringraziamo Marchionne che non molla l'Italia andando a cantare in un altro cortile ( come si diceva una volta ) e contemporaneamente prendiamo a sberle sonore politici vari , sindacati e pure l'infame della valle . Poi ovvviamente ci tiriamo su le maniche e ci diamo da fare lavorando , lnvece di andare al bar !!

astice2009

Ven, 02/11/2012 - 10:32

chi difende Marchionne non si rende conto che in un qualsiasi regime comunista sarebbe licenziato soltanto perche' scrive su questo Giornale. Pensateci bene : la discriminazione vale sia a destra che a sinistra. Voi sareste contenti se vi licenziassero solo perche' di destra?

m.m.f

Ven, 02/11/2012 - 10:36

.........io senza nessun indugio senza nessun rimpensamento fossi marchionne e c,la azienda la chiudo entro fine anno traslocco negli stati uniti e con l'europa fine dei discorsi ma sarà così. qui in europa chiudono o falliscono tutti: saab,ope,ford,ect ect uno deve stare in europa per far fallire l'azienda???

Manuela1

Ven, 02/11/2012 - 10:47

Come sono stati scelti i 19 che vanno in mobilità? Con i bussolotti?

Massimo Bocci

Ven, 02/11/2012 - 10:50

Marchionne,... le sta bene ma cosa pensava di essere in America?? In un paese di civile democrazia?? Qui siamo nel regime TRUFFA!!! COMUNISTA CATTO47, instaurato dai compagni di Stalin. i quali eredi ora si millantano TRUFFATORI democratici (dal morir dal ridere), ringrazi solo che è cascato il MURO "del sol dell'avvenire", sostituito con L'IRREVERSIBILE EURO, e i Bolscevichi nostrani ora si limitano solo a RUBARE (in EURO), sennò uno con le sue idee,liberali,sarebbe già a fare le vacanze in qualche gulag,comunque occhio la giustizia (ROSSA) la tiene in un fascicolo sempre aperto per chi vuol minare anche questo di sol dell'avvenire, COMUNISTA, non vorrà mica far lavorare i sindacalisti, quelli figurati,.....compagni avanti popolo,..comunque una cosa se le giocata, non potrà mai far parte di un GOVERNO GOLPISTA (come l'attuale) le manca la qualifica principale di COLLABORAZIONISTA DI REGIME!!!!

emi46

Ven, 02/11/2012 - 10:51

non ha fatto bene, ha fatto benissimo e mi auguro che altri comincino ad avere il coraggio di iniziare a fare la stessa cosa e cancellare dall'italia gente come quelli della fiom

Manuela1

Ven, 02/11/2012 - 10:51

_alb_ : lei (unitamente a tutti quelli che la pensano nello stesso modo) avrebbe assolutamente ragione se non fosse che la Fiat con tutti i soldi statali che gli sono stati dati è equiparabile ad una azienda statale.

Ritratto di EMILIO1239

EMILIO1239

Ven, 02/11/2012 - 10:51

No astice2009, sono stati licenziati perchè scansafatiche, con la scusa sindacale, perchè da anni queste cose vanno avanti. Anni passati ero un dirigente di una delle grandi fabbriche del nord, sa quante bustarelle abbiamo versato a questi signori per lavorare un poco in santa pace, per non perdere il mercato? Ora i sindacati che faccino il loro lavoro come l'industriale fa il suo. FOrza Marchionne!!!!!!

onofri

Ven, 02/11/2012 - 11:01

Manuela1 : clap, clap, clap. ottimo intervento che la qualifica come la vincitrice del premio idiota del giorno !!! il problema non è come sono stati scelti i 19, ma come sono stati DISCRIMINATI tutti gli altri. Si chiamano leggi, regole, norme, civilità: concetti e idee che a voialtri parassiti sfuggono vero ? le auguro qualcuno non la faccia entrare in un bar indicando il cartello per gli animali, quello che dice "qui noi non possiamo entrare".

onofri

Ven, 02/11/2012 - 11:06

Manuela1 : temo di aver male interpretato il suo commento delle 10:47. forse l'ho proprio capito al contrario. e forse le ho risposto in modo "brutale". pensavo fosse uno di quegli idioti che scrivono su questo forum.

onofri

Ven, 02/11/2012 - 11:09

EMILIO1239: se lei ha veramente versato delle bustarelle allora è ancora peggiore di chi le ha chieste, oltre che sommamente molto più icapace. pessimo dirigente.

Ritratto di scorpion12

scorpion12

Ven, 02/11/2012 - 11:16

@emilio1239 ma lo sanno tutti perchè sono stati licenziati quelli della FIOM. Ma se te la prendi con 19 persone che non c'entrano niente sei solo penoso e ti autoinfliggi un danno di immagine incalcolabile. E poi diciamocela tutta, uno che agisce cosi non mi sembra tanto capace sinceramente di stare in quella posizione e vantarsi pure.

marvit

Ven, 02/11/2012 - 11:18

onofri.BRAVO!!!Finalmente uno con gli attribbuti,cacchio!!Ora andiamo oltre.A tutti gli operai fiom ,della Fiat,salario fisso mensile pari ad euro 10.000(diecimila):per legge.....e "PILU PER TUTTI", compreso della valle

Ritratto di scorpion12

scorpion12

Ven, 02/11/2012 - 11:18

e aggiungo. Troppo comodo, ORA, ergersi ad azienda integerrima che genera profitto dopo che lo stato ha versato per anni. Anche sottoforma di incentivi. Certo quelli della FIOM vanno stangati se nullafacenti ma di certo non c'entrano nulla quei 19 che vai a prendere a caso.

Ritratto di scorpion12

scorpion12

Ven, 02/11/2012 - 11:25

@Pitagoric se Marchionne gestisse la FIAT come una realtà davvero di stampo imprenditoriale allora non sarebbe nella situazione elefantiaca che conosciamo. Basti l'esempio della serbia dove sono andati a ciucciarsi, al solito, gli incentivi statali, senza produrre un bel niente. Anche li con una bella scusa, finiti gli incentivi, manderanno tutti a casa nel silenzio generale. Un'azienda sana non fa cosi. Un'azienda sana produce e vende e lo fa con severità per cui se non entri nel meccanismo vai a casa, altri giochetti non ne fa. Un'azienda seria.

Manuela1

Ven, 02/11/2012 - 11:28

onofri: No problem. Saluti.

peroperi

Ven, 02/11/2012 - 11:33

Ofelè fa 'l tò mesté! dicevano a Milano. E Marchionne fa il suo mentre i politicanti non fanno il loro. La politica dovrebbe consentire alle aziende di essere competitive dimensionandosi a seconda delle necessità per garantire produzione, lavoro e guadagni da reinvestire. I Politici dovrebbero legiferare affinche il posto di lavoro perduto da qualsivoglia parte venga rimpiazzato laddove ce n'è necessità ed il lavoratore, aiutato dalla liquidazione, abbia il tempo di trovarne uno nuovo senza troppe difficoltà. Anzi! Il lavoratore licenziato dovrebbe aver diritto, a sue spese, a corsi di aggiornamento che gli diano la possibilità di essere appetibile presso altre aziende arricchendo il suo bagaglio di esperienza e specializzazione. magari anche all'estero. La politica dovrebbe fare questo invece di insegnare a Marchionne come far funzionare una fabbrica che a quanto pare ottiene successi mondiali contrariamente ai nostri politici che si fanno prendere in giro ed ad esempio negativo dai futuri presidenti Usa.

fcf

Ven, 02/11/2012 - 11:37

Quando in Italia si smetterà di sventolare bandiere rosse con falce e martello, simboli della peggiore dittatura che sia mai vista, si potrà tornare a ragionare da Paese civile. Quando FIOM-CGIL ci permetteranno di mettere la mani nei loro bilanci e nella gestione del personale che schiavizzano e quando anche loro pagheranno IMU e tasse come tutti, potranno pretendere di essere ascoltati.

buri

Ven, 02/11/2012 - 11:37

Visto che i magistrati si ritengono in diritto di interferire nella gestione di un azienda privata che, è bene ricordare, non ha commesso alcun azione illegale, so è limitata a non assumere che si rifiutava di accettare il contratto di lavoro proposto dall'azienda, ka fiat dovrebbe consegnare, agli stessi magistrati , le chiavi dello stabilimento, invitandolo a gestire ko stabilimento, sarei curioso di vedere quanti giorni metterebbero oer giungere alla chiusura per fallimento. In quanto ai ministri che stiano zitti, per favore, finora non hanno fatto chr combinare disastri economici, grazie alla sudditanza versi la Gernania.

onofri

Ven, 02/11/2012 - 11:37

marvit: più pilo per tutti e 10.000 euro di stipendio sono le promesse del suo padrone. e certo che voglio andare oltre. voglio che le regole siano rispettate, che la dignità sia salvaguardata e che i deficienti non abbiano alcun peso nelle decisioni importanti. meglio ancora se non gli fosse permesso scrivere solo slogan.

onofri

Ven, 02/11/2012 - 11:38

Manuela1 : grazie...scusi.

Ritratto di marforio

marforio

Ven, 02/11/2012 - 11:44

A tutti i sapientoni, che pretendono di vivere come i nostri politici.Cioe senza fare un cappio e ricevere stipendi.Crocifiggendo Marchionne , e altri pochi personaggi, perche il resto gia e´attaccato al carro.Provate una volta a giocare a monopoli, dopo vi si aprira il cervello.La pappina della mammma a volte finisce e tocca rimboccarsi le maniche.Orsu provateci.ANNATE A LAVORA!

onofri

Ven, 02/11/2012 - 11:53

peroperi: ci mettiamo anche un pò di regole e leggi ? magari qualcuna che eviti lo schiavismo ? che premi la flessibilità pagandola tre volte di più ? poi aggiungiamo che una persona normale dovrebbe essere abbastanza intelligente da capire che un cesso di auto costruita in polonia NON dovrebbe essere venduta come se fosse costruita in Italia. P.S. il maglioncino di successi internazionali ne sta raccogliendo punto zero, a parte ovviamente dove può ricattare la controparte che comunque ogni tanto lo fotte, visto che dopo aver accettato i soldi pubblici serbi questi gli hanno appena detto che non gli e li daranno. lui adesso vuole trasferire la produzione in uno di quei paesi che finiscono con STAN (confermato e dichiarato pubblicamente pochi giorni fa). negli states, per chi non lo sapesse, marchionne è una grossa spina nel fianco per obama: nonostante tutto quello che sta facendo per coprirlo da quelle parti sanno benissimo che i risultati ottenuti sono del tutto inferiori a quelli ottenuti dagli altri protagonisti e per di più una buona fetta di soldini americani che gli sono stati regalati li ha usati per investire in cina. per fortuna il maglioncino può sempre contare su un paio di pirla che gli comprano il pandino o quell'altro cesso di 500.

Daniele Sanson

Ven, 02/11/2012 - 11:59

Sono schifato da Della Valle,non sò che progetti abbia ma certamente vuole entare o tirare le fila della politica.A Marchionne và il merito di tentare di raddrizzare i rapporti tra imprenditori e lavoratori rovinato in questi ultimi anni da una parte dei sindacati tantè che alcuni di essi,capendo che il vento stà cambiando,hanno firmato per Pomigliano nuovi contratti.Landini e Fiom si sono astenati con il solo scopo di arrivate alla rottura attuale,a loro non interessa del lavoratore ma cercano solo di fare politica e distruggere il più possibile ogni tipo di rapporto.Cosa sarà dell'Italia del lavoro del futuro? Qualcuno pensa che verranno aziende estere a produrre quì se non sono neppure in grado di assumere o licenziare in accordo sì con i sindacati ma non comandati o obbligati ? danisan

cavallo54

Ven, 02/11/2012 - 12:00

al di là della simpatia o meno per Marchionne, non si può permettere a nessuna si poter comandare a casa altrui: è come se ci obbligassero tutti, per legge, a fare sesso con Rosy Bindi ....

cavallo54

Ven, 02/11/2012 - 12:03

al di là della simpatia o meno per Marchionne, non si può permettere a nessuna si poter comandare a casa altrui: è come se ci obbligassero tutti, per legge, a fare sesso con Rosy Bindi ....

Rossana Rossi

Ven, 02/11/2012 - 12:08

Ma la Fiat la dirige Marchionne o la CIGL con a seguito i beneamati tecnici? Fossi in lui chiuderei tutto e me ne andrei altrove altro che reintegro......

Ritratto di pasquale.esposito

pasquale.esposito

Ven, 02/11/2012 - 12:14

#disalvod. Lei, si domanda a ragione se nelle Fabbriche di Auto Europee i lavoratori possono fare quello che fanno in Italia? io che sono da 44 anni alla ford di Colonia, le posso dire che chi in germania fá atti di sabotaggio viene cacciato a calci nel Kulo é licenziato in tronco, é in piu deve risarcire i danni causati. Io, ho detto ai miei colleghi Tedeschi quello che questo Giudice ha fatto é loro hanno strabuzzato gli occhi é mi hanno detto che questo non era possibile, qui i giudici intervengono solo quando si deve stabilire chi ha ragione i Sindacati oppure i datori di lavoro, ma mai per reintegrare chi fá atti di sabotaggio, anzi quando io ho incominciato a lavorare alla Ford prima mi hanno dato il conttatto di lavoro é poi mi hanno chiesto se volevo far parte della IGMetall. I, vari onofri, ivano66 é altri ancora che criticano Marchionne, qui in Germania sarebbero presi a calci nel Kulo fino alla Frontiera Italiana!, gente ignorante che non ha mai visto una Fabbrica dall,interno é come si deve condurre, si permetono di dire cazzate colossali che sono lontane dalla realtá, che venghino qui a fare atti di sabotaggio é poi vedranno che cosa raccoglieranno!. Questa, é la metalitá che rovina il nostro Paese, il menefreghismo italiano che parla a vanvera é che non conclude mai niente! IO! LO DICO É LO RIPETO CAMUSSO E LANDINI; QUI IN GERMANIA NON SAREBBERO NEPPURE ADATTI A PULIRE I CESSI DELLA STAZIONE DI COLONIA! IN OGNI FABBRICA CHE SI RISPETTI CI SONO DIRITTI É DOVERI; SOLO IN ITALIA CI SONO CRETINI CHE CREDONO CHE ANDANDO A LAVORARE FANNO UN FAVORE AL DATORE DI LAVORO!. LAVORARE ALL;ITALIANA É AVERE LO STIPENDIO TEDESCO É IL SOGNO DI GENTE COME ONOFRI; IVANO66 É MOLTI CRETINI DI SINISTRA; MA SE UN DIRETTORE DI FABBRICA TEDESCO VEDE QUELLO CHE SI PERMETTONO DI FARE I LAVORATORI ITALIANI CON IL PERMESSO DEI GIUDICI É SINDACATI, LUI ESCE PAZZO!. distinti saluti. Pasquale.

alemtre

Ven, 02/11/2012 - 12:21

non sono certo un fan della fiat ma questa volta non posso non essere d'accordo con loro. i ministri fornero e passera insieme ai magistrati che hanno obbligato ad assumere gli iscritti fiom potrebbero comprarsi la fiat e gestirla come credono. troppo comodo pretendere di gestirla come vogliono loro con i soldi altui. povera italia in mano a queste persone.

onofri

Ven, 02/11/2012 - 12:22

Daniele Sanson : vuole iniziare a pensare prima di dare la stura ai suoi deliri predellini ? è chiedere troppo ? rapporti sindacali raddrizzati ? ecco cosa è stato chiesto ai lavoratori: o firmate le mie condizioni di merda o vi chiudo tutti gli stabilimenti ? le pare una scelta ? e a momenti in piemonte le prendeva pure, per inciso. ancora circa gli investimenti esteri in italia: ma qualcuno l'ha informata che l'Italia E' in mani estere ? che più della metà delle nostre imprese non sono più italiane grazie a imprenditori idioti e incapaci ? tutta la motor valley é in mano ad imprenditori stranieri !!! nella regione più sindacalizzata d'italia che poi è anche quella che sta resistendo meglio alla crisi non già a livello nazionale, ma internazionale. ma è chiedere troppo cercare di informarsmi prima di dire stronzate e dimostrare di parlare d'aria ?

marianco

Ven, 02/11/2012 - 12:23

Certo che a leggere i commenti di certi culi flaccidi che non hanno mai varcato i cancelli di una fabbrica, c'è da scompisciarsi per le cazzate che sparano !!! Meno male che oramai state scomparendo piano piano piano .........

onofri

Ven, 02/11/2012 - 12:25

pasquale.esposito : ford colonia ??? ma se ieri l'altro era la opel di non ricordo più dove... non riesce proprio ad evitare di raccontare balle eh ? lo sanno tutti che lei è un poveraccio di 15 anni che caccia balle...la smetta su.

CONDOR

Ven, 02/11/2012 - 12:29

Ha fatto bene. Chi li paga quelli in esubero? la Fiom? Se non si vendono macchine che bisogna fare? tenere ugualmente gli operai a pulire i capannoni e macchinari? E finitela di dire che è la fiat di marchionne che non fa modelli buoni ed è tutta colpa sua se le cose vanno male. In tutta europa tutte le case stanno licenziando e chiudendo stabilimenti perchè la crisi di vendite è generale! Marchionne è arrivato che la Fiat aveva praticamente i libri in tribunale per bancarotta. Ora macina utili grazie agli investimenti fatti guardando oltre i confini nazionali e globalizzando l'azienda! E qui o si capisce che è finita la pacchia o resteremo senza più un'impresa, fuggiranno o chiuderanno tutte e saremo ridotti alla miseria. E lo devono capire i politici, i sindacalisti e tutti i lavoratori. Ma non si può mica far decidere alla magistratura o alla ministra fornero(quella che ha mollato 200.000 persone senza pensione e stipendio) quanti dipendenti devo o posso impiegare nella mia azienda! oohh!per carità, giusta la sentenza se c'è stata discriminazione ma nella mia azienda decido io quanti lavoratori mi servono! e se mi costringono a riassumerne 19 per sentenza è ovvio che altri 19 finiranno per strada!

Ritratto di wilegio

wilegio

Ven, 02/11/2012 - 12:34

A lui non è piaciuta la mossa di Marchionne? E a me non è piaciuta quella dei giudici rossi. E allora? Qualche giudice si è mai preoccupato di imporre alle coop rosse di assumere chi NON ha la tessera della cgil e del "partito"? Non mi risulta, eppure è così che funziona da sempre qui in Romagna... e non solo qui. Parlo per esperienza personale, e non per sentito dire.

Ritratto di dbell56

dbell56

Ven, 02/11/2012 - 12:34

onofri sei solo un poveraccio sinistrato che non sapendo come passare il suo inutile tempo, va girovagando nei siti destrorsi (visto che in quelli sinistronzi non c'è democrazia!) a sparare miserabili puxxanate dicendo di promesse che il Berlusca avrebbe fatto in qualche remoto intervento. Ti sfido a trovare una siffatta promessa di 10.000 euro di stipendio per tutti che costui avrebbe fatto. Tu e quelli come te, guastatori foraggiati della democrazia, campate con queste miserie. Un buon consiglio, fatti assumere da quel cesellatore di zolle da nome Antonio e cognome Di Pietro perchè a Montenero di Bisaccia (CB) ne ha di terra in proprietà da farti zappare!!

ARKA43

Ven, 02/11/2012 - 12:42

X onofri! pensavo che lei fosse una MUMMIA boscevika dei primi del novecento che risvegliatosi nel 2012 rimane spiazzato dal mondo oramai globalizzato, che la guerra del proletariato era già un ricordo. sono quelli come lei, (purtroppo) assieme a certa magistratura e certi inutili e dannosi sindacati che fanno scappare gli industriali italiani, e non parlo di quel parvenù di diego della valle che si e arricchito sfruttando la manodopera cinese, indiana e dall'est europa, io per quelli come lei fossi in Marchionne chiuderei tutti gli stabilimenti Fiat e lascerei a casa tutti, cosi una volta x tutte i sindacati capiscono finalmente che con gli operai non hanno nulla da fare.

marvit

Ven, 02/11/2012 - 12:43

onofri. Mi aiuti,ho obliato:chi sarebbe il mio padrone!?!?Comunque, se i deficienti "non devono avere nessun peso nelle decisioni importanti" e non devono aver il "permesso" di srivere,la domanda è:perchè vuole AUTODISTRUGGERSI???

cgf

Ven, 02/11/2012 - 12:44

Della Valle ha rotto, chi comprà più le sue scarpe?

Ritratto di martello carlo

martello carlo

Ven, 02/11/2012 - 12:50

ONOFRI: come intelletto sei a livello della FORNERO, se poi hai la pettinatura alla PAGGETTO come il DELLA VALLE, formereste una coppia FORMIDABILE. E poi dicono che i comunisti non esistono.

agosvac

Ven, 02/11/2012 - 13:12

Forse il ministro del lavoro dovrebbe capire che lei è ministro, appunto, del lavoro non una sindacalista della fiom/cgil!!!! Dovrebbe anche capire che una cosa è essere ministro una cosa completamente diversa è essere amministratore delegato di un'azienda globale come è la Fiat. Lei cerchi di fare il ministro che Marchionne l'amministratore delegato lo sa fare più che bene visto che raccoglie consensi per il suo operato in tutto il mondo! Piuttosto invece di prendersela con Marchionne perchè non si aggiorna col ministro della Giustizia per verificare se la sentenza che obbliga la Fiat ad assumere i sindacalisti della fiom/cgil non abbia caratteri di irregolarità dato che va contro gli altri sindacati che invece hanno firmato un valido contratto di lavoro con Fiat????? Non può essere nè un ministro nè un magistrato a decidere chi la Fiat deve assumere e chi no.Un'azienda deve decidere da sola quale sia il bene dell'azienda e sarebbe bene che ci si ricordasse che se l'azienda dovesse andare in difficoltà a causa di queste decisioni di una magistratura che di gestione aziendale non capisce un bel niente a perderci sarebbero TUTTI gli operai!!! Questo è quello che Marchionne si sforza di fare capire!!!

Cosi_la_penso

Ven, 02/11/2012 - 13:29

Che i sindacati tutti ,siamo una frana e corrotti quanto lo sono i politici , siamo pienamente d'accordo, che marchionne sia un manger,ho i miei dubbi. per quanto riguarda tutti questi estimatori e difensori delle idee di marchionne .mi piacerebbe saper quanti di questi hanno auto fiat !! secondo me nessuno perche la fiat e' da anni che produce auto di pessima qualita , ed e' questo poi il motivo per cui la fiat si trova in queste condizioni : bassa qualita pressi alti = fuori dal mercato !

antiom

Ven, 02/11/2012 - 14:10

Onofri, lei da troppe occasioni a che uno possa continuare ad ignorala, come faccio io già da molto tempo; per cui le dico, con educazione, che è destino di qualsiasi forum la presenza di un conclamato deficiente, lei lo è, appunto, di questo, del Giornale.

Ritratto di pasquale.esposito

pasquale.esposito

Ven, 02/11/2012 - 14:14

#onofri. Poveretto, tu non sai neppure che differenza c,é fra la Ford e L,Opel, come vuoi dialogare se rimani sempre un povero ignorante che non capisce una minkia? tu il quaraquaqua lo puoi fare solo in Italia Appena, passata la Frontiera tu ti cachi sotto dalla paura, qui in Germania la gente come te la mettono in riga a lavorare sodo e non a fare il cretino come tu sei abituato a fare in Italia!. Poveretto; tu parli di cose che non potrai mai capire essendo solo un povero lobotomizzato di sinistra, io la gente come te la conosco molte bene ed a Napoli la chiamiamo i granchi felloni, tutta bocca e nessun risultato! ti immischi in cose che non capisci é ti credi di essere esperto; e invece fai sempre la figura del cretino!.

Ritratto di limick

limick

Ven, 02/11/2012 - 15:06

onofri Ven, 02/11/2012 - 09:59 Quelli che hanno portato l'italia in queste condizioni hanno ragionato esattamente come lei, assistenzialismo e parassitismo a gogo! Si autorottami senza fare troppo rumore...

giovanni PERINCIOLO

Ven, 02/11/2012 - 15:27

Per informazione segnalo che la Peugeot sta per licenziare circa cinquemila operai e chiudere uno stabilimento. La Renault non sta meglio e solo il fatto che é una industria parastatale le permette di tenere duro, per il momento, e non mi risulta che amministratore sia un certo Marchionne. La crsisi dell'auto allora esiste oppure non la vedono solo landini e camusso con magistrato annesso??? Da ultimo segnalo che alla VW o alla Mercedes chi licenzia i dipendenti per qualsivoglia motivo sono i delegqati sindacali interni. Vichiedete come sia possibile? semplice in Germania il sindacato fa da sempre e continua a fare l'interesse dei lavoratori non del partito e i sempre gli stessi sindacati considerano che le "schiene dritte" non solo sono il peggior parassita che rovina le fabbriche ma vanno individuati ed eliminati con la massima sollecitudine. Tutte balle vero landini e camusso??

marianco

Ven, 02/11/2012 - 15:37

Complimenti al signor censore che pubblica lo sproloquio di un povero demente come pasquale esposito che a mezzogiorno invece di lavorare posta messaggi. Meno male che ormai di gente come questa ne e rimasta sempre meno, e non ci resta che aspettare il 22 dicembre per il resto !!!!

Ritratto di pasquale.esposito

pasquale.esposito

Ven, 02/11/2012 - 15:42

#condor, Egregio, signore anche io sono della sua opinione, Marchionne ha ereditato una MultiNazionale che era clinicamente morta,io che lavoro da 44 anni alla Ford di Colonia so cosa vuol dire portare un, impresa di queste dimensioni avanti, alla Fiat i sabotaggi ci sono sempre stati, io mi ricordo di gente che era orgogliosa di questo, bulloni "dimenticati" nelle portiere, pezzi non "montati" bene,carrozzerie non "saldate" come si deve tutto questo ha contribuito all, image catastrofica della Fiat é di chi era la colpa?!. DEI, SINDACATI COME LA CGIL-FIOM CHE AIZZAVANO I LAVORATORI CONTRO IL DATORE DI LAVORO; COSE CHE FACEVANO RIZZARE I CAPELLI IN TESTA SOLO A SENTIRLE É ADESSO SI LAMENTANO SE MARCHIONNE NE HA PIENE LE PALLE DI QUESTO SISTEMA CHE PREMIA CHI SPUTA NEL PIATTO IN CUI MANGIA?!. Lei; leggerá su questo Blog che ci sono ancora persone che approvano questi atti di sabotaggi contro la Fiat, gente che é talmente stupida e ignorante da non capire che non tu puoi danneggiare che ti dá mangiare,ma voler ragionare con questi cretini é inutile, questa gente non lo capira mai che si danno da soli le martellate sulle dita!. Gentili saluti, Pasquale.

Ritratto di pasquale.esposito

pasquale.esposito

Ven, 02/11/2012 - 15:47

#marianco. Se, tu vieni in Germania ti faccio vedere io chi é demente!, pezzo di un cretino tu é chi ti ha fatto! se io sono demente con 44 anni di lavoro sulle spalle, tu cosa sei? UN POVERETTO MORTO DI FAME CHE NON HA NESSUN ARGOMENTO AL DI FUORI DEGLI INSULTI?!Non, scrivo altro perche tu sei troppo rozzo é ignorate per me!.

Ritratto di elio2

elio2

Ven, 02/11/2012 - 15:53

Caro pasquale.esposito, stavo per rispondere a quell'acefalo di onofri che parla solo di diritti, ma non sa che ci sono anche i doveri, Cosa vuole quando uno usa quel poco di cervello che gli rimane, esclusivamente per portare in giro il pensiero degli altri non può rendersi conto di quanto ridicole siano le sue affermazioni, se la Fiat chiude voglio vedere cosa gli dicono di raccontare i suoi ammuffiti sodali della Fiom agli operai, quelli che lavorano chiaramente, mica ai parassiti.

giovanni PERINCIOLO

Ven, 02/11/2012 - 15:59

Pasquale Esposito. Ti segnalo che hai dimenticato un altro sabotaggio. Le carrozzerie che dopo essere passate al lavaggio acido non passavano o non restavano sufficientemente a lungo nel lavaggio finale e la pittura veniva data su lamiere sporche di acido. Risultato? la 124 Fiat comprata con sudore dopo pochi mesi aveva buchi passanti perché la carrozzeria era letteralmente "mangiata" dalla ruggine. E quel reparto era ed é tutt'ora il fiore all'occhiello di landini.

Ivano66

Ven, 02/11/2012 - 22:24

pasquale.esposito: ford di colonia?!? Ma tempo non aveva detto la Opel di Brema?!? E domani? Sarà la Mercedes di Dusseldorf o Topomacchina di Paperopoli?!?

Ivano66

Ven, 02/11/2012 - 22:26

pasquale.esposito: e basta! Non c'è stato alcun sabotaggio! Dove se lo è inventato? Dove diavolo l'ha letto? Su "Caccia e Pesca"? Capito? NON C'E' STATO ALCUN SABOTAGGIO, non racconti balle, non è vero! E' chiaro?