Enel scommette sulla Spagna

Fiche da 87,5 milioni per comprare Eaec

Enel vuole esportare in Spagna il modello Open Fiber, la joint venture del gruppo con Cdp promotrice della cablatura del Paese. E per raggiungere questo obiettivo Endesa, controllata spagnola del gruppo, ha presentato un'offerta vincolante per acquisire Empresa de Alumbrado Eléctrico de Ceuta (Eaec) per 87,5 milioni di euro, pari a 13,21 euro per azione. Eaec conta 30mila clienti ed è la principale distributrice di corrente elettrica a Ceuta, dove Endesa già è presente con attività di produzione. L'operazione è quindi in linea con l'obiettivo del gruppo guidato dall'ad Francesco Starace di rafforzare la propria presenza in Spagna e Portogallo nella distribuzione e commercializzazione di energia elettrica. Lo ha annunciato la stessa Enel in una nota societaria in cui specificava che l'offerta è soggetta all'ottenimento delle autorizzazioni necessarie da parte delle autorità regolatorie e al raggiungimento del 50,1% del capitale.

In Spagna Enel sta investendo nell'energia verde e nelle reti per gestire la crisi nella generazione tradizionale di energia. Il nuovo governo spagnolo, guidato da Pedro Sanchez, ha annunciato l'intenzione di rivedere la politica energetica del Paese attraverso un maggior impegno nello sviluppo delle fonti rinnovabili rispetto al governo precedente con probabili incentivi. Nuovi affari in vista, dunque, per Enel che nel Paese ha una capacità installata di oltre 7300 Mw tra idroelettrico, eolico e solare.