Etruria, procura apre fascicolo per bancarotta fraudolenta

Accertamenti sul ruolo dell'ex presidente, Lorenzo Rosi, e dei suoi vice, Alfredo Berni e Pierluigi Boschi

L'indagine è partita. La Procura di Arezzo ha aperto il fascicolo per bancarotta fraudolenta dando incarico alla Guardia di Finanza di svolgere accertamenti sull’operato dell’ex presidente di Banca Etruria, Lorenzo Rosi, e dei suoi due vice: il vicario Alfredo Berni e Pierluigi Boschi, padre del ministro per le Riforme Maria Elena.

Le prime verifiche cercano di fare piena liuce sull’attività del comitato ristretto che disse no all’offerta di Banca popolare di Vicenza. Tra le altre operazioni "sospette" anche alcuni finanziamenti senza garanzia e generose consulenze per un ammontare di oltre 17 milioni di euro. Il tribunale di Arezzo nel dichiarare lo stato di insolvenza ha fatto riferimento ad una "gestione disastrosa" da parte dei vertici della banca in carica tra il 2013 e il 2015.

Fabi: Bankitalia e Consob arrivano sempre in ritardo

"In pochissimi lo sanno e nessuno lo ha mai scritto o detto, ma Banca Etruria si era promessa in sposa a tutti gli istituti bancari del Paese, ma tutti hanno preferito restare single: forse hanno avuto paura dei massoni?". Questa la domanda che si è posto il segretario generale della Fabi, Lando Sileoni, parlando del salvataggio dell’istituto aretino insieme alle altre 3 banche attraverso il fondo interbancario. Più in generale, sullo scandalo di questi istituti, Sileoni ha detto: "Bankitalia e Consob arrivano sempre quando il tempo è scaduto e in Italia manca sempre la certezza della pene. La tempestività degli interventi è un elemento imprescindibile nella prevenzione" degli scandali. "È mancata la determinazione delle istituzioni, questo è un sistema sempre pronto a facili compromessi, dove tutti i poteri non sono accentrati verso l’alto. In sintesi poca prevenzione, ritardi ingiustificati e autorità sonnolente".

Annunci
Commenti

unosolo

Ven, 12/02/2016 - 12:59

come mai tanto tempo , partite indagini in ritardo , nessun sospetto sui spostamenti del CDA , del cambio di nome delle banche , insomma questi spostamenti che nascondono il raggiro , i capitali privati di dirigenti liberi nessun sospetto di fughe , cioè ci sono stati troppi silenzi amici e non solo , dubbi , movimenti del governo e chi controllava non c'era . oggi che è stato celato tutto si procede ? che figura facciamo verso le altre Nazioni con un comportamento ritardato forse appositamente. speriamo di sapere e arrivare ad una seria soluzione che garantisca a dare fiducia verso la banche tutte.

giovauriem

Ven, 12/02/2016 - 14:04

questa bancarotta oltre a essere fraudolenta è anche flatulenza ,per che c'è un puzzo insopportabile di nuova sinistra renziana .

Libero1

Ven, 12/02/2016 - 14:26

Brutte notizie per "la bella addormentata nei boschi". Sembra che il suo padre lupo sia finito con le zampe nella tagliola.Non sara' una sorpresa per chi e' stato derubato quando dopo il danno arrivera' anche la beffa della magistratura rossa che fara' finire il caso a tarallucci e vino.

pagano2010

Ven, 12/02/2016 - 14:44

@unosolo + giovauriem... prevenuti, in mala fede e soprattutto la notizia è falsa. vedrete che mr so tutto RAUL PONTALTI vi farà l'esegesi della foglia di fico e la colpa è di tutti i vecchietti che sino comprati delle subordinate, falsificando il loro profilo di rischio Mifidi1, solo per guadagnare qualche basis point in più rispetto ai BTP.

Ritratto di aresfin

aresfin

Ven, 12/02/2016 - 15:24

Il babbo boschi al gabbio. Ah ah ah ah e il babbo renzuccio... anche. Ah ah ah ah

vince50_19

Ven, 12/02/2016 - 15:58

E' la chiusura di questo fascicolo che interessa: se sfocia in un rinvio a giudizio degli inquisiti o meno. Si spera prima delle prossime elezioni politiche.

Rossana Rossi

Ven, 12/02/2016 - 16:06

Tranquilli, è tutto a targa pd e i ricchi ladroni rossi saranno graziati dal soccorso rosso sempre a targa pd. E chi ha perso soldi e risparmi? Si arrangi, nel credo delle capre rosse la parola 'onestà' non esiste e la 'loro'democrazia è fatta di oligarchie privilegiate e ladrone e di poveracci che credendoci l'hanno preso in quel posto.......con i comunisti ha sempre funzionato così.......

Boxster65

Ven, 12/02/2016 - 16:11

Adesso vediamo in quanti giorni Magistratura Demokratika archivierà il caso.

Ritratto di massacrato

massacrato

Ven, 12/02/2016 - 16:30

Già... IPOTESI. Se si fosse trattato di Mediolanum.... MAGARI i controlli sarebbero partiti prima ancor che i fatti si verificassero, per prevenire un eventuale pericolo di intenzionalità etc. etc. etc.

scimmietta

Ven, 12/02/2016 - 17:04

... non si deve disturbare il manovratore... pardon, el conducator.

scimmietta

Ven, 12/02/2016 - 17:06

X giovauriem: diamine siamo in terra rossa, non serve sottilizzare, puzza di sinistra komunista e basta!

scimmietta

Ven, 12/02/2016 - 17:10

Rossana Rossi: "la 'loro'democrazia è fatta di..." mai sentito parlare di "centralismo democratico"?

Giunone

Ven, 12/02/2016 - 17:10

Se i kompagni amici degli amici sono quelli che devono avviare, spulciare e condannare questa cricca... l'effetto sabbia sembra il più credibile destino di questo caso. Ormai il modus operandi del soccorso rosso si racconta da solo.

scimmietta

Ven, 12/02/2016 - 17:16

bancarotta, banche in "rosso" ... che volete, siamo in toscana che no?, volete che le bamche siano in "nero"? banche .. fasciste? ... no, proprio no, anatema!

Ritratto di tatankayotanka

tatankayotanka

Ven, 12/02/2016 - 17:18

Brutta bestia l'invidia! E già, perchè la boschi era gelosa del fatto che il babbino di renzi fosse indagato per bancarotta fraudolenta e il suo no, e quindi ha messo il padre in condizioni simili, così da potersi vantare col pdc abusivo di Rignano di essere quantomeno alla pari. Certo che, visto da fuori, è magnifico avere il premier col babbo indagato per bancarotta fraudolenta e il suo braccio destro (anzi no, non esageriamo: la sua clavicola sinistra) sempre col papà indagato - si spera presto - sempre per bancarotta fraudolenta. Speriamo che la magistratura non insabbi tutto, e che scattino le manette così forte che il rumore metallico si senta bene in ogni angolo di questo disastrato paese...

flip

Ven, 12/02/2016 - 17:23

queste quattro banchette le hanno colte con le mani nel sacco. ma non fidatevi delle altre. sempre banche sono.

unosolo

Ven, 12/02/2016 - 17:47

x pagano 2010 , non per i risparmiatori carissimo ma dagli interventi effettuati dal PCM che si lodava di aver cacciato il CDA e per il decreto salva papà e il cambio di nome alle quattro banche , quello è il raggiro che in coordinato è stato portato a termine e nessuno ha sospetti su affari privati , le fughe dei capitali il giorno prima ? carissimo di pagine scritte ne sono uscite ma evidentemente si gioca a riabilitare tutti senza fargli pagare danni se danni hanno causato.

MEFEL68

Ven, 12/02/2016 - 18:33

Hai capito!!! Possibile che papà non ne abbia mai parlato in famiglia? O lo faceva solamente quando la "Bella Addormentata nei Boschi" era andata a dormire?

Ritratto di wilegio

wilegio

Sab, 13/02/2016 - 00:59

Secondo voi, si arriverà mai a una condanna? Ma suvvia, non siamo ridicoli! Verranno santificati e diventeranno presto eroi nazionali.

seccatissimo

Sab, 13/02/2016 - 03:18

Già 3-4 anni fa un mio conoscente amico, analista svizzero, mi fece presente che le nostre banche erano, praticamente tutte, messe molto male e mi spiegò anche perché ciò fosse molto evidente. Da noi, nei commenti sulla situazione economica delle nostre banche da parte dei vari analisti, economisti anche di cosiddetta fama, non ricordo ci fosse stato mai qualcuno che avesse messo in evidenza la disastrosa situazione reale delle nostre banche, anche le più rinomate. A questo punto mi chiedo, ma i nostri analisti, economisti sono dei grandissimi incapaci ed ignoranti o sono dei grandissimi figli di brava donna che, lubrificati a dovere dalle banche hanno sempre tradito i loro clienti risparmiatori ed il pubblico italiano ?

Iacobellig

Sab, 13/02/2016 - 07:29

ANCHE SE LE RESPONSABILITÀ PENALI SONO PERSONALI, L'ITALIA NON PUÒ ESSERE RAPPRESENTATA DA UNA IL CUI GENITORE È COINVOLTO NELLO SCHIFO DELL'ETRURIA E SICURAMENTE SARÀ INDAGATO E RINVIATO A GIUDIZIO, NE VA L'IMMAGINE DEL PAESE! PERTANTO LA BOSCHI VADA VIA SUBITO, PERALTRO NON È STATA NEPPURE SCELTA, MA SOLO UN NOMINA DIRETTA TUTTA IN FAMIGLIA!

umberto nordio

Sab, 13/02/2016 - 08:08

Questo succede quando si è di"sinistra" ma non troppo.La magistratura non perdona!