Etruria, soldi dei truffati torneranno alle banche?

I dem presentano due emendamenti per convogliare i crediti d'imposta generati dalla svalutazione delle sofferenze delle quattro banche dai risparmiatori truffati ai nuovi istituti di credito

Oltre il danno, (l'ennesima) beffa.

I risparmiatori truffati nella vicenda del salvataggio di Banca Marche, Banca Etruria, Cari Ferrara e Cari Chieti potrebbero perdere il denaro del tesoretto accumulato per risarcirli a vantaggio proprio... delle banche. Secondo la ricostruzione pubblicata oggi da Franco Bechis su Libero, si tratta di una cifra non proprio indifferente: 750 milioni di euro.

Una somma che deriva dal decreto di svalutazione adottato da Bankitalia il 22 novembre scorso, con cui le sofferenze dei quattro istituti di credito in crisi sono passate da 4 a 1,5 miliardi (dopo una precedente svalutazione con cui i commissari avevano già ridotto i crediti inesigibili da 8,5 a 4 miliardi). Dalla differenza di 2,5 miliardi sono stati appunto generati quei 750 milioni di euro di crediti d'imposta di cui ora si discute.

Perché, secondo Bechis, il deputato del Pd Marco Causi ha presentato due emendamenti al decreto governativo sulle Banche di credito cooperativo per fare sì che i crediti d'imposta passino "all'ente ponte", con retrodatazione al primo novembre 2015.

Peccato che nei 2,5 miliardi di euro che hanno generato i 750 milioni di crediti d'imposta fossero compresi anche i quasi ottocento milioni (per la precisione 788) di obbligazioni subordinate il cui valore è ora pari a zero. Per cui, in teoria, almeno un terzo di quei crediti d'imposta spetterebbero ai risparmiatori che avevano investito in quelle obbligazioni subordinate.

Come non bastasse, Bechis ricorda che la trattativa per la vendita delle nuove banche è ancora in fieri e i 750 milioni di crediti d'imposta non sono stati inclusi nella stima del loro valore, tramutandosi così in un maxi-regalo per chi le comprerà.

Messo alle strette, Causi ha spiegato quei due emendamenti rispondono a una richiesta di Banca d'Italia, ma ha anche ammesso che forse sarebbe opportuno studiare un modo per consolidare il fondo per risarcire i risparmiatori. Forse...

Commenti

unosolo

Mer, 16/03/2016 - 10:42

forse , chi perde è sempre il risparmiatore con questo governo , con i decreti ha messo al sicuro miliardi e milioni a seconda di chi si parla , o delle Banche o dei CDA responsabili , comunque strano comportamento dalle autorità al sentore della truffa che non hanno bloccato sia i movimenti che il cambio dei CDA e nomi delle Banche , come se abbiano appositamente atteso decreti che mettevano al sicuro i tesori accumulati dai componenti dei CDA , personaggi che hanno ricavato tesori con giochetti da imbonitori , nessuno ha fermato le fughe dei capitali dei stessi componenti neanche dopo il botto , incartamenti liberi e tesori nascosti poi spariti , strano comportamento rispetto ad altri casi che a prevenzione hanno applicato sigilli in anticipo,.governo amico ?

unosolo

Mer, 16/03/2016 - 10:57

certamente tornano alle banche per questo che hanno atteso e attendono la fine di Marzo , hanno stancato i risparmiatori e a fine Marzo le banche riceveranno ossigeno , qualcuno , dico qualcuno dei truffati riceverà pochi euro a campione , come accaduto per i pensionati solo alcuni a campione hanno preso dieci o 30 euro ma gli altri nulla eppure la sentenza della corte costituzionale obbligava al risarcimento e alla adeguazione del furto subito con la legge Fornero , quindi il governo non rispetta le sentenze ma non si saprà mai dove sono andati i soldi che sono usciti e verso chi , la corte non controlla i conti se veritieri o meno , governo amico , se fosse stato di dx ? lo stesso accadrà ai poveri truffati dai CDA delle banche .,

Rossana Rossi

Mer, 16/03/2016 - 10:59

E lo schifo continua.......votate, votate ancora pd, imbe.cilli........

masterter

Mer, 16/03/2016 - 11:05

GLI AMICI DEI GIAGUARI.

Ritratto di bandog

bandog

Mer, 16/03/2016 - 11:18

Ma lo volete capire che i pidioti amano tantissimo la povertà da volervi tutti barboni???Accchhh soooo!

sbrigati

Mer, 16/03/2016 - 11:46

Strano che una proposta del genere arrivi da un rappresentante del partito più democratico che esista al mondo. O forse no?

Libertà75

Mer, 16/03/2016 - 11:48

Gente come sniper resta in silenzio quando si deve parlare dei soldi che hanno fatto sparire ai risparmiatori... L'unica cosa che possono dire è "colpa di Berlusconi"

unosolo

Mer, 16/03/2016 - 14:45

Berlusconi ormai è nella storia , ogni problema viene scaricato sempre e solo su di Lui , peccato ! La sx non ha mai usato il potere per il popolo lavoratore o pensionato anzi li ha sempre usati come sta facendo alla grande questo fastidioso governo , anzi oggi il PCM scarica la colpa della mancata crescita alla UE non alla sua totale incapacità ,.

Blueray

Mer, 16/03/2016 - 15:45

Piuttosto che risarcire i risparmiatori con improbabili fondi non sarebbe più semplice evitare di truffarli? e magari usare i fondi a garanzia della stabilità delle Banche e non dei clienti truffati!

marygio

Gio, 17/03/2016 - 15:07

nessuno può obbligare nessuno a comprare qualcosa. un anziano truffato? se non sa di finanza se ne sta in poltrona davanti alla tv, nessuno regala a nessuno. a me non fanno pena ..anzi. il pto qua è che la banca era in mano a delinquenti di area pd che gestivano fatti loro e non la banca come sempre poi capita con e ai compagni. i truffati adesso piangono ma tranquilli che li rivotano e saranno ripditruffati .....ahhhh