EURISPESTonfo degli investimenti esteri nel Bel Paese (-72%)

Nel 2012 gli investimenti in Italia sono crollati da 34 a 9,6 miliardi, segnando un tonfo del 71,8%. A fare i calcoli è l'Eurispes, che segnala invece a livello mondiale un calo limitato al 18% a 1.350 miliardi di dollari. La media del 2008-2012 degli investimenti diretti esteri in Italia rappresenta solo 0,6% del pil. Alla Penisola manca una cultura in grado di attirare le multinazionali, che si stanno allontanando per colpa di complesse regole, dell'eccessiva burocrazia e del fisco sempre più pesante. L'Italia è anche al 73° posto nella classifica per facilità di fare impresa, dietro i principali partner europei e addirittura dopo la Romania. Ora,sfruttando la scia del ritorno in massa dei fondi internazionali nelle banche quotate in Piazza Affari, resta da giocare la carta delle privatizzazioni.

Commenti

SteveCanelli

Lun, 12/05/2014 - 11:29

Cosa vuoi commentare. Siamo un Paese in decadenza e la nostra classe politica si preoccupa solo dei suoi loschi traffici e della legge elettorale. Chi se ne frega, abbassate le tasse, farabutti incapaci.