Fca presenta la Nuova Giulia: "Non è fatta per la città"

Marchionne ed Elkann a Palazzo Chigi: "Con quest'auto previsto un calo della cassa integrazione"

Sono arrivati a Palazzo Chigi a bordo in una "Nuova Giulia", color rosso tristato, Sergio Marchionne e John Elkann. Ad e presidente di Fca hanno presentato così la nuova arrivata nel Lingotto a Matteo Renzi e Sergio Mattarella (guarda le foto).

"In città si guida malissimo perchè la Giulia vorrebbe fare di più", ha scherzato Marchionne, "Ma ora la portiamo in autostrada e vediamo". "Se do retta ad Altavilla (il responsabile dell’area euromediterranea Fca, ndr) che mi dice che ora devo dire di comprare la nuova Giulia faccio l’upgrade da venditore di pentole a venditore d’auto", ha ironizzato anche Matteo Renzi prima di salire a bordo dell'auto (guarda il video).

Festa e battute a parte, il rilancio di un'auto storica del marchio Alfa Romeo rappresenta un segnale importante per l'azienda e anche per l'Italia. "Relativamente allo sviluppo e alla produzione delle nuove Alfa Romeo, oltre alle circa 700 nuove assunzioni già effettuate, si verificherà infatti una importante riduzione della cassa integrazione nei vari poli produttivi", assicura la Fca, sottolineando che la produzione avverrà nello stabilimento di Cassino, mentre per la nuova generazione di propulsori sono impegnati gli stabilimenti di Termoli (Campobasso) e Pratola Serra (Avellino).

"Siamo felici di dare il benvenuto alle donne e agli uomini di Cassino, che presentano quest’auto con grande orgoglio", ha spiegato il premier italiano, "Cassino c’è con orgoglio, competenza e tenacia, in prospettiva con l’Alfa a Cassino si passerà da 4.300 posti di lavoro a 7.700 entro il 2018". Inoltre i vertici di Fca hanno garantito che a Melfi "si lavora al massimo su 20 turni", mentre in Piemonte si producono le nuove Maserati e lo stabilimento di Modena "continuerà a lavorare senza alcuna perdita di posti di lavoro".

Intanto proprio oggi sono state consegnate a Roma le prime due Alfa Romeo Nuova Giulia con la livrea dei carabinieri. Le due nuove vetture, concesse in comodato d’uso gratuito, saranno utilizzate a Roma e Milano per speciali interventi quali il trasporto di organi e sangue, oltre che per i servizi di scorta in occasione di cerimonie istituzionali. Alla cerimonia ufficiale, insieme alla Nuova Giulia Quadrifoglio, sono esposti diversi modelli della gamma Fca - Alfa Romeo Giulietta, Jeep Renegade - che verranno consegnati (800 unità) nel corso del 2016 e saranno configurati secondo le necessità dell’Arma per il controllo del territorio, oltre a un esemplare storico dell’Alfa Romeo Giulia Super degli anni Settanta.

Commenti

ziobeppe1951

Gio, 05/05/2016 - 13:50

Se non è fatta x la città a cosa serve?Non è che passiamo la vita in autostrada

agosvac

Gio, 05/05/2016 - 14:32

Egregio ziobeppe1951, era una battuta! Ormai , con la gestione elettronica del motore e della carburazione, anche una Ferrari è auto da città, ma, ovviamente, si esprime meglio su strade libere!!!

Lucky52

Gio, 05/05/2016 - 14:58

Il buffone fiorentino zerbino di Marchionne parla di 3000 nuovi posti di lavoro a Cassino per fare l'Alfa....ma quante migliaia di lavoratori sono rimasti in strada all'Alfa di Arese nel frattempo? 21.000 da quando il sig. Prodi anzichè vendere l'Alfa alla Ford la regalò agli Agnelli.

polonio210

Gio, 05/05/2016 - 15:21

Qualcuno mi può spiegare perché una azienda privata presenta un suo prodotto al Presidente del Consiglio?Serve l'autorizzazione presidenziale per produrre e commercializzare un prodotto qualunque?Come mai non mi risulta che una azienda che produca,ad esempio,carta igenica presenti i suoi nuovi rotoli al Presidente del Consiglio ma la FCA con le sue macchine lo fà.Una automobile una sedia o uno spazzolino da denti sono solo dei prodotti:cosa centra la figura presidenziale con loro?Obama tiene a battesimo ogni prodotto statunitense?E la Regina d'Inghilterra si presta a fare da testimonial,ad esempio,per una nuova birra?

sbrigati

Gio, 05/05/2016 - 16:02

@ziobeppe, guarda che non tutti abitano a milano o roma.

Ritratto di siredicorinto

siredicorinto

Gio, 05/05/2016 - 17:12

Invece di prendervela con ziobeppe perché non ve la prendete con Marchione? In autostrada? Forse Marchione non sa che ci sono dei limiti di velocità e che si é controllati da matti. Ma già, lui é al di sopra di queste terrene cose.

Ritratto di gammasan

gammasan

Gio, 05/05/2016 - 17:44

Battezzare una vettura con il nome di una vecchia gloria secondo me denuncia mancanza di fantasia e timore del nuovo. (Quando poi la vecchia "gloria" si chiama "500" mi sa tanto di vanto per aver avuto le toppe sui calzoni per la miseria che si pativa...)

ubibui

Gio, 05/05/2016 - 18:13

Buonasera, uan brutta copia della Bmw serie 5! Stesso taglio dei fanali sia anteriori che posteriori, per non parlare del volante multifunzione e della rotella di controllo del navigatore. La FCA fà auto brutte da sempre per non parlare della poca affidabilità. La tipo secondo voi è una macchina! E fatta in Turchia e si vede!

pc1966

Gio, 05/05/2016 - 18:43

una pagliacciata degna del miglior DUCE ai tempi delle visite di Hitler. hanno propio buon tempo sti accattoni, siamo messi male ragazzi

hellas

Ven, 06/05/2016 - 00:06

Anche a me Renzi sta francamente sulle palle e lo reputo un buffone, ma non è un motivo per denigrare un nuovo prodotto che segna probabilmente il rilancio dell'Alfa Romeo. Dire che questa vettura è' brutta è una boiata, questa Giulia e veramente bella, altro che brutta copia delle bmw serie 5.... Criticare il nome per mancanza di fantasia ,poi è ridicolo : bmw e Mercedes vanno avanti da 30 anni con serie 3, serie 5, classe c, classe E....quanto all'affidabilità , aspettiamo, io ho un'Alfa 159 e ho percorso molta strada, mai un problema, mentre alcuni miei amici e clienti con Bmw serie 3 hanno avuto di tutto, problemi alla turbina, al cambio automatico....adesso , Renzi è insopportabile, però un minimo di lucidità nei giudizi, e un minimo di orgoglio per un marchio nobile come Alfa Romeo mi sembrerebbe il minimo.

vince50_19

Ven, 06/05/2016 - 08:26

E vorrei vedere: in città è meglio circolare o con mezzi pubblici o, se uno se lo può permettere, con auto elettriche. Con una "quadrifoglio", per chi ne è capace, ci si potrebbe sbizzarrire in folli tirate solo su alcune autostrade tedesche dove non esistono limiti. In casa nostra, traffico a parte, basta guardare le cartine degli autovelox, tutor etc. per .. evitare stupidate. Questo per qualche testa calda. D'altro canto, se non si offrono alti livelli di servizio, sicurezza e non si usano pavimentazioni stradali in calcestruzzo che rispondono perfettamente a questa esigenza grazie al ciclo di vita più lungo rispetto a quelle in bitume, riducendo così l’uso di materie prime e l’emissione di agenti inquinanti, se non fanno questo è consigliabile starsene com4unque buoni in casa nostra.

cgf

Sab, 07/05/2016 - 16:20

@Lucky52 non va bene divulgare notizie false, non è assolutamente vero che Prodi non volle vendere a Ford ma regalò l'Alfa ad Agnelli, infatti ci fu un atto di vendita in piena regola. A quanto ammontò la vendita? 100 (cento) lire, proprio così una moneta da 100 lire.

Ritratto di alejob

alejob

Dom, 03/07/2016 - 12:00

Con quest'Auto saremo tutti ricchi e vivremo in PARADISO. Se quest'Auto non è fatta per la città, potrà almeno correre per la CAMPAGNA, i contadini "MILIONARI" la potranno acquistare e farla correre tra i SOLCHI, chissà che non riesca poi a partorire qualcosa di UTILE, per i Cittadini che abitano in CITTA'. Mai fare i conti prima dell'Oste Marchionne, hai visto cosa è accaduto ai grandi campioni (CALCIFERI).