La Fiat di Elkann tra i «sopravvissuti» dopo 25 anni


C'è anche il nome dell'italiano John Elkann, presidente di Exor e Fiat, nell'ultimo report del magazine americano Forbes sulle principali aziende mondiali che, a 25 anni di distanza dalla prima analisi, oltre a restare sul mercato e aver superato i momenti più difficili, si stanno distinguendo per la loro attività. Il report passa al setaccio le varie vicissitudini attraversate dai gruppi «sopravvissuti» dopo un quarto di secolo, mettendo in luce le rispettive strategie vincenti. «Elkann - scrive Forbes - ha avuto il merito di salvaguardare il futuro di Fiat, trasformando il gruppo, in tandem con Sergio Marchionne, da soggetto europeo a una realtà globale». A far compagnia a Elkann, Ingvar Kamprad (Ikea) Ludwig Merckle (Vem Holding), Liliane Bettencourt (L'Oreal) e David Sainsbury.

Commenti

lorenzo60

Sab, 03/05/2014 - 08:42

Con il suo prestigio,Forbes avvalora il fatto che Elkann è uno dei massimi esponenti nel panorama economico mondiale.Questo deve essere messo in risalto per evidenziare lo strumentale uso demagogico che era stato fatto di alcune sue,peraltro giustissime,osservazioni agli studenti e per capire come fosse capzioso il risalto dato ad alcune polemiche in cui e stato coinvolto.