Il Fisco a caccia degli 80 euro Rischio cartelle di Equitalia

La restituzione del bonus da 80 euro potrebbe avere risvolti spiacevoli. L'allarme dei commercialisti: "Attenzione alle cartelle Equitalia"

Un'altra beffa sul bonus Irpef degli 80 euro di Renzi. Circa 1,4 milioni di italiani dovranno restituire il bonus che secondo i calcoli del Fisco sarebbe stato percepito per errore. Ma la restituzione del bonus potrebbe avere risvolti curiosi o per meglio dire spiacevoli per i contribuenti: la faccenda potrebbe passare nelle mani dell'Agenzia delle Entrate e dunque potrebbero partire una serie di cartelle esattoriali con tanto di arretrati da restituire.

Rischio cartelle per il bonus da 80 euro

A lanciare l'allarme è Renzo Radicioni, segretario della commissione diritto tributario dell’ordine dei commercialisti di Milano che in un'intervista a Quifinanza.it spiega cosa può accadere: "L’Agenzia delle Entrate va a verificare i redditi complessivi del singolo dipendente nell’arco dell’anno. E ti dice: il tuo bonus non doveva essere di questa cifra o non ti spettava. In questo caso, l’obbligo della dichiarazione è del contribuente, quindi la comunicazione arriva non al sostituto d’imposta, ma direttamente a lui". Il bonus per il momento può essere restituito con una trattenuta in busta paga o con un versamento unico con il pagamento col modulo F24. "Il non aver previsto la rateizzazione per la restituzione – spiega sempre Radicioni – potrebbe rappresentare una grave ingiustizia fiscale soprattutto per quanto riguarda gli incapienti, ovvero coloro che guadagnano meno di 8mila euro l’anno ed hanno il reddito talmente basso che le detrazioni fiscali per lavoro dipendente superano le tasse da versare".

Commenti

ilbelga

Gio, 09/06/2016 - 10:32

come diceva TOTO': e io (pantalone) pago. ma io sarò anche ignorante ma non si poteva calare le tasse di un punto per tutti. renzie, che figura di M---A.

Ritratto di combirio

combirio

Gio, 09/06/2016 - 10:37

Ma sempre a prendere tutto sul serio! Era tutto uno scherzo! Sempre ad offendersi per così poco. La vera e seria rettifica sarà fatta il prossimo Primo Aprile.

blackbird

Gio, 09/06/2016 - 10:37

Lo hanno spiegato in mille modi che il lavoratore deve comunicare al datore di lavoro TUTTI i propri redditi. Adesso questi "furbetti" sarebbero tartassati? Paghino anche le multe per mendace dichiarazione, invece!

Fjr

Gio, 09/06/2016 - 10:51

Loro sbagliano e chi paga sono sempre quelli, nelle aziende private chi sbaglia va a casa, nelle aziende private.......loro invece sono ancora qui' a magnare

Ritratto di mamma goose

mamma goose

Gio, 09/06/2016 - 10:51

@ ilbelga: sì, sarebbe stato più semplice ma così rischiava di non avere il 40% alle europee! Elargizione del sovrano ai sudditi. E comunque che agli incapienti non spettino gli 80 euro è da fuori di testa.

roseg

Gio, 09/06/2016 - 11:14

Tutto veramente da ridere, stiamo proprio raschiando il fondo del barile...anzi ormai ci siamo mangiati anche quello. Evviva frottolo evviva frottolandia.

Ernestinho

Gio, 09/06/2016 - 11:53

Io gli €. 80 li avrei dati prima a quelli che guadagnavano meno di €. 8.000 e poi agli altri!

Ritratto di Antipupazzo

Antipupazzo

Gio, 09/06/2016 - 12:00

Siamo la solita nazione di pulcinelle (al plurale). Se fossimo una nazione seria, lo stato dovrebbe spiegare chiaramente chi ha diritto e chi no a questi benedetti(maledetti) 80 euro mensili. Se gli "incapienti" con un reddito inferiore agli 8.000 euro annui non ne hanno diritto, allora quei "MALEDETTI" 80 euro non vanno a nessuno, sono serviti solo per ottenere i voti per l'europa. (quand'è che faremo un referendum per uscirne, sarà sempre troppo tardi) siamo i soliti co...oni.

agosvac

Gio, 09/06/2016 - 12:37

Anche qui c'è qualcosa che non funziona: che io sappia questi 80 euro non sono stati richiesti da chi ne aveva diritto ma dati dal Governo agli aventi diritto. Come può, questo Governo barzelletta, ora dire " abbiamo sbagliato" quindi devi restituire la somma con gli interessi????? Se errore c'è stato è stato un errore del Governo non dei cittadini. Pertanto Ok restituire le somme ma di certo non con cartelle esattoriali comprensive d'interessi, le trattengano mensilmente così come mensilmente le avevano elargite con gravi leggerezze!!! E' estremamente grave che un cittadino debba soffrire per un errore del proprio Governo.

pg66

Gio, 09/06/2016 - 12:52

Scusate ma anche la faziosità ha un limite: "calare un punto per tutti" vuol dire far pagare meno tasse anche a Buffon e Totti; "loro sbagliano", ma loro chi? chi ha dichiarato che avrebbe guadagnato X e invece poi ha guadagnato Y deve restituire gli 80 euro, giusto così. "lo stato dovrebbe spiegare chiaramente chi ha diritto", era chiarissimo, il problema è che qualcuno nel corso dell'anno per redditi maggiori del previsto ha superato la soglia, quindi deve restituire, giusto così.

luigi.muzzi

Gio, 09/06/2016 - 13:07

oltre un milione di persone che sapranni cosa votare al referendum !

pg66

Gio, 09/06/2016 - 13:22

Ce ne sono altre centinaia di migliaia che invece, avendo guadagnato meno del previsto, sono entrati nella soglia e adesso riceveranno gli 80 euro arretrati riferiti al 2015. E allora cosa c'è di strano?

polonio210

Gio, 09/06/2016 - 14:33

Nell'era dell'informatica lo stato sbaglia dei calcoli ed attribuisce 80 euro ad 1.400.000 cittadini ed ora richiede la restituzione minacciando sfracelli.ma se lo stato sa tutto di noi:sà quanto guadagniamo,quanto spendiamo come dove e quando,conosce tutto e si accorge,dopo quasi un anno,di avere dato il contributo a chi non ne aveva diritto.Ma non sono stati i cittadini,in malafede a richiederlo,è stato lo stato ad attribuirlo:e chi,nel mastodontico carrozzone,ha sbagliato i conti?Chi ha avvallato l'errore senza controllare?Chi non ha fatto il proprio lavoro?Noi contribuenti se sbagliamo,senza dolo, veniamo massacrati:i dipendenti dello stato che sbagliano pagano o no?Ho lavorato per una vita e se sbagliavo i conti e davo soldi non dovuti ce li rimettevo io e potevo anche rimetterci il posto.

KAVA

Gio, 09/06/2016 - 14:37

Quell' 1,4 milioni di Italiani ha percepito gli "80 Euro" senza diritto. Può starci che qualcuno "non sapeva" che avrebbe percepito un premio di produzione o un reddito inaspettato. Ma la maggior parte ha semplicemente sbagliato o non letto la documentazione che il datore di lavoro ha certamente fornito (modulo di rinuncia agli 80 Euro). E' una colpa? Purtroppo si...

FRANZJOSEFVONOS...

Gio, 09/06/2016 - 15:01

B U F F O N I SENZA DIGNITA' PERSONALE

Ritratto di RobyPer

RobyPer

Gio, 09/06/2016 - 15:24

@blackbird - Lei mi sembra un po' confuso. Si informi meglio prima di fare commenti. Qui non si parla dei furbetti che hanno guadagnato di più e per questo devono restituire il bonus. Ma di quelli che avendo guadagnato MENO di 8000 euro l'anno ora se li vedono togliere tutti in un colpo. Questo grazie al Suo amico Renzi che ha fatto il pasticcio di dare gli 80 euro come detrazione IRPEF.

Blueray

Gio, 09/06/2016 - 15:41

Siamo alla farsa. Da sempre debiti e crediti col fisco si regolano tramite il sostituto d'imposta in busta paga per tutti coloro che presentano il mod. 730. Quanto spiegato può valere, anzi vale, per quell'esigua minoranza che presenta il mod. Unico.

unosolo

Gio, 09/06/2016 - 15:46

se è giusto riconsegnare gli 80 euro come mai la sentenza sul furto ai pensionati non è stata rispettata e nessuno ha preso in mano la questione neanche la Corte che ha emesso la sentenza ? questi sono comunisti o contro i pensionati derubati ? lavorano per banche e Lobby.