Fisco, il gettito Iva è crollato: -3,4 miliardi in 10 mesi

I dati del ministero del Tesoro sul periodo gennaio-ottobre 2013: le entrate calano dello 0,3%

Nel periodo tra gennaio e ottobre il gettito tributario risulta sostanzialmente stabile rispetto all’analogo periodo 2012. Come ha fatto sapere il ministero delle Finanze, le entrate tributarie erariali registrate nei primi dieci mesi del 2013 ammontano a 321.734 milioni di euro. Un calo di 848 milioni di euro, pari a -0,3% rispetto allo stesso periodo del 2012. Nelle stesso periodo dell'anno il gettito Iva ha subito una flessione del 3,9% con un calo di 3.421 milioni di euro. Andamento che riflette la riduzione del gettito derivante dalla componente relativa agli scambi interni (-0,9%) e del prelievo sulle importazioni (-19,7%) che risentono fortemente dell’andamento del ciclo sfavorevole. Le entrate tributarie derivanti dall’attività di accertamento e controllo ammontano a 5.843 milioni di euro, un balzo in avanti di 48 milioni di euro (pari a +0,8%).

Gettito tributario stabile

Le imposte dirette registrano un aumento complessivo dell’1,7% (+2.836 milioni di euro) rispetto a primi dieci mesi dell’anno precedente, dovuto all’aumento delle cosiddette "altre imposte" sostitutive che hanno invece pbilanciato il calo di Irpef e Ires. Il gettito Irpef si riduce del’1,1% (-1.420 milioni di euro) per effetto dell’andamento negativo dei versamenti in autoliquidazione (-13,6%), delle ritenute sui redditi di lavoro dipendente del settore privato (-0,6%) e della ritenute sui redditi di lavoro autonomo (-5,2%). Risultano in crescita, invece, le ritenute sui redditi dei dipendenti del settore pubblico (+2,1%). L’Ires presenta una crescita del 2,0% (+419 milioni di euro). Tra le altre imposte dirette, si registra un incremento dell’imposta sostitutiva su ritenute, interessi e altri redditi di capitale pari a +22,3% (+1.775 milioni di euro), dell’imposta sostitutiva sui redditi di capitale e sulle plusvalenze (+897 milioni di euro) e dell’imposta sostitutiva sulle riserve matematiche dei rami vita (+843 milioni di euro). Il gettito dell’imposta sostitutiva sul riallineamento dei valori di bilancio relativi ad attività immateriali è inoltre aumentato di 1.947 milioni di euro rispetto al corrispondente periodo del 2012. Positiva anche la variazione del gettito della cedolare secca sugli affitti (+294 milioni di euro).

Crolla il gettito Iva

La dinamica del gettito Iva sugli scambi interni, pur se in flessione nel periodo considerato, recupera ad ottobre 0,7 punti percentuali rispetto al mese di settembre, registrando una variazione del 5,3% e proseguendo così nella dinamica positiva fatta registrare negli scorsi mesi di settembre (+3,0%), luglio (+1,2%) e giugno (+4,5%). Tra le altre imposte indirette, è in flessione il gettito dell’imposta di fabbricazione sugli oli minerali (-2,3% pari a -447 milioni di euro) per effetto del calo dei consumi, e quello dell’imposta di consumo sul gas metano (-1,9%, pari a -59 milioni di euro). In flessione del 5,2% (-476 milioni di euro) le entrate dell’imposta sul consumo dei tabacchi legate, in parte, al calo dei consumi determinato dalla diffusione delle sigarette elettroniche. Significativo infine l’aumento dell’imposta di bollo (+24,5%, pari a 1.354 milioni di euro).

Commenti

mifra77

Gio, 05/12/2013 - 20:29

Non ci voleva la palla di vetro per far capire a "palle d'acciaio" che un aumento dell'aliquota sarebbe andato a discapito dei consumi e di conseguenza del gettito iva. Dichiarare il nostro premier e il ministro Saccovuoto, ignoranti ed incompetenti, è il minimo; più utile sarebbe destituirli e farli assumere in una porcilaia(in nero)a spalare merda. Se non ci liberiamo in fretta di questi tassari per invidia sociale, presto toccheremo il punto di non ritorno.

Klotz1960

Gio, 05/12/2013 - 21:07

Hanno aumentato le tasse agli ordini di Bruxelles, fatto recedere l'economia, con il risultato del tutto prevedibile di ...incassare meno. Piu' imbecilli di cosi', e' praticamente impossibile.

kayak65

Gio, 05/12/2013 - 21:09

l'italia e' divenuta il paese degli abusivi:abusivo il parlamento come dice la consulta ,abusivo il governo non votato dagli italiani, abusivi le migliaia di clandestini che sbarcano sulle ns coste, abusivo il presidente della repubblica che comanda infischiandosene della costituzione abusando dei suoi poteri,abusive le discariche nella terra dei fuochi e non solo,abusivi gli evasori di tasse, ma soprattutto abusivo quel ministro dell'economia che non ha azzeccato finora nessuna previsione,nessun calcolo ma che continua ad occupare la poltrona senza meriti affiancato da quel ci..letta che ci sta condannando ad essere il paese piu'povero d'europa,fatto proprio solo ed esclusivamente da abusivi partendo dalle cariche masssime dello stato

Ritratto di Dragon_Lord

Dragon_Lord

Gio, 05/12/2013 - 21:10

cerco di generare meno iva possibile, preferendo lo sconto allo scontrino e fattura che non mi fanno scaricare dalle tasse, compro usato da privati oppure in Inghilterra tramite internet, cammino a piedi il + possibile riducendo il cibo agli alimenti realmente necessari e fondamentali comprando solo in offerta nei discount

thepaul

Gio, 05/12/2013 - 21:44

Non dimentichiamo che il gettito IVA da gennaio ad aprile è conseguenza dello sciagurato governo Monti, appoggiato, è bene non perdere la memoria, SIA dal PD SIA dal PDL. Non ci nascondiamo dietro un dito: berlusconi ha appoggiato monti, come ha appoggiato letta. Troppo comodo oggi dare la colpa SOLO a letta, quando è palese che la colpa è di tutta una classe politica ormai non più legittimata a governare il paese, una classe politica che ha dimostrato solo di saper sprecare le risorse pubbliche, una classe politica che è capace di farsi rimborsare anche scontrini rlasciati a km e km di distanza...signori, allacciamo le cinture di sicurezza, perché il paese sta precipitando e nè berlusconi, nè monti, nè letta, nè bersani lo salveranno...smettiamola di dare il voto ancora a questi buffoni e, per una volta, teniamo la schiena dritta...

scipione

Gio, 05/12/2013 - 22:26

L'Italia proponga testa di c...o e palle d'acciaio,autori dell'aumento dell'IVA,per il nobel della diseconomia.

scipione

Gio, 05/12/2013 - 22:49

thepaul,ma di che parli? Qui si sta parlando del disastro dovuto all'aumento dell'IVA dal 21 al 22 % realizzato da quei geni dell'economia Saccomanni e Letta.Berlusconi e' stato contrario in modo deciso e totale tanto da indurre i ministri del PDL a dimettersi dal governo e da li' e' iniziato l'iter dell'uscita del PDL dalla maggioranza.Berlusconi ha fortemente voluto il governo delle larghe intese,ma quando si e' reso conto che Letta e Saccomanni tradivano il programma di governo,specie sull'economia e le tasse per il popolo,li ha mandati al diavolo. O NO? Perche',mi chiedo,tirare sempre in ballo Berlusconi per le cose negative per cui non c'entra un c...o? Attendo risposta,grazie.

Ritratto di Reinhard

Reinhard

Ven, 06/12/2013 - 00:05

Aumenti l'Iva (e le tasse in generale), la gente spende meno e quindi importa meno. Il problema dell'Italia è che deve ridurre le importazioni per avere la bilancia dei pagamenti positiva, quindi si distrugge la domanda interna (l'ha detto Monti alla CNN che stava distruggendo la domanda interna per la competitività... intervista su youtube).

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Ven, 06/12/2013 - 00:26

Il pifferaio magico che siede alla presidenza del consiglio continua a suonarci la medesima canzoncina. L'ANNO PROSSIMO ANDRA' MEGLIO. Intanto il paese va sempre più a fondo e molta gente aspetterà l'anno prossimo a procurarsi di che vivere.

electric

Ven, 06/12/2013 - 07:04

Quesi imbecilli sottosviluppati di sx che ci governano non lo vogliono proprio capire che più aumentano le tasse e più l'Italia si impoverisce. Ma sono proprio tonti, loro e i loro elettori!

electric

Ven, 06/12/2013 - 07:12

thepaul: Berlusconi, appoggiando Monti e Letta, ha fatto un passo indietro per dare un governo (non suo) all'Italia, dimostrando grandissimo senso di responsabilità. Le scelte politiche sono state poi attuate da Monti e da Letta, non da Berlusconi.

Efesto

Ven, 06/12/2013 - 07:21

I nostri politici - tutti - non riescono a comprendere che gli aumenti IVA sono anche un regalo alle aziende della mafia.

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Ven, 06/12/2013 - 07:21

si ricupererà con questo: 1° gennaio stangata del 33% sui bolli dei conti deposito: ecco come difendersi dalla «mini patrimoniale» -

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Ven, 06/12/2013 - 07:23

Dragon, così risparmierai anche carta igienica.Camminando viene più appetito.

pasinels

Ven, 06/12/2013 - 08:30

I due più comuni elementi nell'universo sono l'idrogeno e la stupidità di questa sottospecie di politici ! Anche i bambini delle elementari conoscono la curva di Leffer. In galera li vogliamo questi traditori incompetenti...

Giorgio5819

Ven, 06/12/2013 - 08:47

Difficilissimo da prevedere ! Non produci,non vendi a chi non ha soldi per comprare, non fatturi IVA ....che bestie! Rivotateli mi raccomando.

buri

Ven, 06/12/2013 - 09:31

Era prevedibile, lo dicevano tutti, ma Saccomanni aveva deciso, Era prevedibile, lo dicevano tutti, l'aumento dell'IVA sarebbe stato un boomerang e così è stato, ma Saccomanni ha detto che non c'erano alternativa, bisognava fare cassa, ecco il risultato, meno inxassi

mifra77

Ven, 06/12/2013 - 09:52

Non preoccupatevi, scaricheranno anche questi incassi mancati, sui pensionati, ammalati e invalidi( i veri trattati peggio dei falsi con la complicità di medici venduti).

unosolo

Ven, 06/12/2013 - 19:03

non basta aver alzato l'IVA ed hanno fermato ulteriormente i consumi , ora pensano di dare incentivi per l'auto , da pazzi , gli incentivi andranno a favore delle case estere non nostre , mi spiego , le macchine di importazione hanno molti accessori e costano meno delle nostre , la competizione diventa impari , quindi se vuole dare l'incentivo basta portare l'IVA al 15 % e di fatto ripartono tutti i mercati compreso l'edilizia .

denteavvelenato

Sab, 11/01/2014 - 15:42

Ricordiamo ai non ben informati, di chi è la colpa dell' aumento iva prima dal 20 AL 21 poi dal 21 al 22.Da oggi, 1 ottobre 2013, in Italia l’imposta ordinaria dell’IVA passa dal 21 al 22 per cento. Circa due anni fa, il 16 settembre 2011, l’allora governo Berlusconi approvò il decreto legge che ne decideva il rialzo dal 20 al 21 percento. Anche questo aumento è scattato in modo automatico per via di una norma dell’ultimo governo Berlusconi, approvata all’epoca nel tentativo di riequlibrare i conti pubblici e convincere le autorità europee della stabilità finanziaria del paese. I tentativi del governo Letta di rinviare di tre mesi l’aumento dell’IVA – operazione che richiede circa un miliardo di euro – sono falliti a causa della crisi politica in corso in questi giorni. Poi se voi leggete solo questo "giornale" o un altro, che non nomino per non fargli pubblicità, e se seguite solo i tg mediaset potrete sempre dare la colpa a Letta o MONTI

curatola

Sab, 25/01/2014 - 17:43

chi si lamenta veda di votare per coloro che non tassano ma che hanno soluzioni alternative plausibili. Difficile? si, ma non impossibile se si lascia che entrino in politica persone in gamba e non i soliti vecchi cialtroni permanenti. Speriamo che Giorgio lasci e si giri pagina. Conto sugli astenuti e i neoelettori vero ago della bilancia in Italia.