Fisco, valanga di controlli Ecco chi è più a rischio

Il Fisco è pronto per una raffica di controlli e di comunicazioni che potrebbero portare nelle casse dell'Erario un miliardo e mezzo di euro

Il Fisco è pronto per una raffica di controlli e di comunicazioni che potrebbero portare nelle casse dell'Erario un miliardo e mezzo di euro. Una strategia quella delle Entrate che mira alla "pace" con i contribuenti attraverso alert preventivi che però segnalano le eventuali infrazioni. Almeno 1,78 milioni di lettere per la compliance fiscale. Le comunicazioni del Fisco, come riporta ilSole24 Ore sono passate da 395mila del 2015 a 1,89 milioni del 2018. Di fatto queste segnalazioni hanno due scopi: il primo è quello di segnalare le anomalie al contribuente il secondo invece è un invito a mettersi in regola sfruttando gli sconti sulle sanzioni.

Il direttore dell'Agenzia delle Entrate lo scorso 15 febbraio ha dato il via ad una prima tornata di invio di lettere di questo tipo. Le comunicazioni di questa prima fase riguarderanno i redditi di fabbricati e anche quelli che riguardano la cedolare secca. Inoltre sotto la lente del Fisco entrano anche gli assegni periodici come anche quelli al coniuge. Inoltre le comunicazioni riguarderanno i redditi da lavoro dipendente. Va però sottolineato che di fatto negli ultimi anni al centro delle attenzioni del Fisco ci sono state le comunicazioni sull'Iva. La musica non cambierà nemmeno quest'anno: gran parte delle lettere riguarderà le cotestazioni sull'Iva. Nel 2017 è stato recuperato solo il 50 per cento delle segnalazioni che sono state inviate. Adesso il Fisco spera che col ravvediemtno operoso la quota di rientro possa aumentare.

Commenti
Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Gio, 28/02/2019 - 12:40

parola d'ordine CONTROLLARE!!!