Francoforte non si fida dell'Italia

Nessuna sorpresa a nord est: Popolare di Vicenza e Veneto Banca chiedono immediatamente l'aiuto dello Stato per salvarsi. Come per Mps. A proposito: vista la sua drammatica situazione che senso ha continuare a sperperare con l'agenzia parigina in boulevard Saint Germain, sempre deserta, e con il mastodontico e vuoto palazzo in via Santa Margherita, a Milano? La politica del rattoppo non funziona. Con i governi oltremodo responsabili di queste imbarazzanti vicende che si abbattono su famiglie, imprese e risparmiatori che si fanno carico della falla con decisioni impopolari. Che paga il contribuente. I denari del Fondo Atlante non sono serviti a nulla. Ora ha meno di due miliardi in cassa (pochi!); ma i sottoscrittori (importanti sigle del nostro sistema creditizio e assicurativo) non sono convinti di destinarli all'aumento di capitale dei due istituti veneti. A quanto si legge ne occorrerebbero almeno cinque di miliardi per andare avanti e avviare la fase dell'annunciata fusione. Francoforte non si fida del metodo Italia. Mentre da queste parti si continua a ritenere che il sistema creditizio italiano goda di buona salute. Autoconvincimento non supportato da dati sensibili. La confusione è totale. E se per le maggiori banche italiane esiste un controllo da parte della Bce e questo offre una certa garanzia, i bilanci di tutti gli altri istituti sono ininterpretabili. Mentre con le fusioni (esercizi notarili e niente più!) ci si illude che la somma di due istituti gravemente ammalati, come Popolare di Vicenza e Veneto Banca, determini il risultato finale di un nuovo soggetto sano. Operazione sbagliata. Urge una riforma radicale e totale (un piano almeno a vent'anni!) per una svolta virtuosa e risolutiva. Ovvio, le banche non possono agire da sole per riformarsi. La politica deve fare la sua parte per favorire con regole chiare la necessaria opera di cambiamento.

www.pompeolocatelli.it

Video che ti potrebbero interessare di Economia

Commenti

Luisigno

Mar, 21/03/2017 - 14:07

Personalmente non mi fido di Francoforte e del nostro Governo

Duka

Mer, 22/03/2017 - 07:54

E ha ragione men che meno del ministro dell'economia. Un cacciaballe come il suo ex capo.