La Germania e il "piano b" per il default della Grecia

Chiusura degli sportelli bancari e controllo dei movimenti finanziari: l'idea di una moneta alternativa all'euro

La Germania prepara il piano B nel caso in cui dovesse esserci il default della Grecia. Il ministro dell'Economia tedesco Wolafng Schauble ha lasciato intendere che Berlino è pronta a correre ai ripari se Atene non dovesse pagare i suoi debiti. Il piano b di cui si parla in queste ore nella Cancelleria tedesca è abbastanza chiaro: se il governo di Tsipras non dovesse onorare i suoi impegni potrebbe scattare la chiusura delle banche per evitare la corsa agli sportelli e anche l'introduzione dei controlli sui movimenti di capitale. Anche l'eventualità dell'emissione di una forma di pagamento parallela all'euro, momentanea per uso interno è presa in considerazione.

Di fatto Tsipras messo alle strette sarebbe costretto a fare scelte di natura politica e non più finanziaria. Potrebbe trascinare i greci al voto che a quel punto dovrebbero scegliere, in una sorta di referendum, tra Syriza e la permanenaza nella moneta unica.

Commenti
Ritratto di ilvillacastellano

ilvillacastellano

Dom, 26/04/2015 - 09:41

Ma che senso ha che la Germania assuma certa posizione nei confronti della Grecia? Non è mica l'Ue da sola! Se è così, tanto meglio sfasciarla questa sedicente Unione del cavolo. E' tutto sbagliato!

Ritratto di filatelico

filatelico

Dom, 26/04/2015 - 09:53

La Grecia con la politica dei due forni UE e Russia la sfangherà e la Merkel e la sua idea di UE tedesca andrà in malora !!!

Ritratto di stenos

stenos

Dom, 26/04/2015 - 09:56

I greci passeranno anni bui, ma si saranno liberati di questa associazione delinquenziale e inutile di cravattari.

@ollel63

Dom, 26/04/2015 - 10:03

la germania non vale un calzino vecchio della Grecia, pagherà, oh se pagherà!

@ollel63

Dom, 26/04/2015 - 10:10

l'europa e la sua sgangherata moneta unica legata solo ed esclusivamente al marco è morta e sepolta nei fatti. Si arrotola nella sabbia mobile della stupidità, calpestata da emigranti clandestini e maomettani, da asiatici d'ogni razza e colore e perfino dai suoi stessi abitanti ormai privi d'identità e di rispetto per se stessi. E' ora di dire basta!

windpd

Dom, 26/04/2015 - 10:16

Da sempre chi presta denaro é poi quello che comanda...é naturale. I greci parassiti mi ricordano il sud d'italia, solo che da noi nemmeno chi presta i soldi comanda...

Giulio42

Dom, 26/04/2015 - 10:21

La prima ma non ultima vittima di un sistema fatto ed approvato dai nostri politici che ha come scopo di favorire solo le nazioni già economicamente solide con i conti in regola che mirano solo al loro guadagno.

epesce098

Dom, 26/04/2015 - 10:38

Negli anni prima dell'entrata dell'euro stavamo relativamente bene, ma da quando siamo entrati nell'europa è stata una catastrofe. La Germania, che non è riuscita a sottometterci con la guerra ci sta riuscendo ora con l'economia. Via da questa europa finchè siamo in tempo perchè ci sarà un punto di non ritorno!

linoalo1

Dom, 26/04/2015 - 10:45

Basta!!!Non se ne può più!!Decidetevi,una buona volta!Grecia ON o Grecoa OFF?L'Europa,non ruò stare mesi con questa Spada di Damocle in agguato!!Ricordo anche,ai nostri Padroni Europei,che l'Europa non è la sola Germania!Se è solo lei che decide,lssciamola sola!E,finalmente,tutti torneremmo a poter fare quello che vogliamo,senza veti illogici!

Blueray

Dom, 26/04/2015 - 10:53

La chiusura delle Banche avverrebbe automaticamente, e non certo per i piani b della Merkel, in quanto non in grado di erogare moneta. Inoltre tutti gli azionisti e gli obbligazionisti delle singole banche risponderebbero coi loro capitali, ma ormai solo un pazzo può avere azioni od obbligazioni di Banche greche. La moneta parallela esiste già e si chiama dracma. A differenza dell'altro default, quello del 2012, questo non prende in contropiede nessuno, solo quegli Stati fessi che hanno continuato a erogare prestiti sperando che il fallendo non fallisse

martinsvensk

Dom, 26/04/2015 - 11:02

Almeno adesso sappiamo che la UE e la Germania sono una cosa sola e gli altri paesi non contano praticamente niente in questa tirannia chiamata Euro-pa. Per la verità anche il vertice sull'immigrazione ce ne aveva dato un assaggio. Rimane l'Italia a gridare" Ci vuole più Europa,l'Europa deve intervenire" mentre stiamp per affogare noi non certo o non solo i cosiddetti migranti. Mi vengoo in mente anche le manifestazini del 25 aprile, molto malinconiche considerato che la Germania ha ottenuto tutto ora quello per cui lottava allora.

giovaneitalia

Dom, 26/04/2015 - 11:09

Non capisco il braccio di ferro Germania vs Grecia. I Greci hanno stretto la cinghia più che hanno potuto ma questa crisi gli ha messo ormai un cappio al collo che li stringe sempre di più. Detto questo, credo che i Greci, e solo loro, devono prendere in considerazione l´uscita dal´euro e magari ritornare a una valuta locale, il futuro poi si vedrá. Per quanto riguarda la Germania, la Merkel dovrebbe pensare di più ai problemi interni (ne ha tanti) e non governare l´Europa a suo piacimento. Lei si é sostituita in todo all´Europa e crede di essere intoccabile. Peccato che gli altri governanti dell´Europa la lascino fare e disfare l´Europa a suo piacimento. Povera Europa!

Ritratto di perSilvio46

perSilvio46

Dom, 26/04/2015 - 11:23

La decisione tedesca sarà presa in base a considerazioni politiche più che economiche, come deve fare una grande potenza. La politica dice il pollastro Grecia sarà conteso tra due grandi, Germania e Russia. In quale pentola finirà? Io penso finirà nella pentola tedesca perché la Germania, a differenza della Russia, ha la possibilità di far pagare il costo della spennatura e cottura alle nazioni a lei sottomesse (Italia in primis). E poi dicono che l'Europa non serve! Certo che serve, ma non a noi: serve alla Germania che si comporta in linea con la sua storica politica di potenza, da Bismarck a Hitler, fino alla Merkel, mentre noi, privi di una reale politica estera (Mogherini, chi è costei?), subiamo le decisioni altrui senza potervi influire.

eternoamore

Dom, 26/04/2015 - 11:27

FUORI DAI COGLIONI

eternoamore

Dom, 26/04/2015 - 11:28

LA GRECIA fuori dalle palle

Ritratto di Chichi

Chichi

Dom, 26/04/2015 - 12:00

Non sono un esperto in questo genere di materie. Parlo in base ad un ragionamento che mi pare di buon senso. Se la cura imposta alla Grecia da questa UE che pensa e decide con testa tedesca ha ottenuto i risultati che vediamo, per Atene l’uscita dall’Euro potrebbe rappresentare l’inizio della guarigione. Stesso ragionamento anche per la cura che Eulemannia ha imposto all’Italia per lo tsunami d’immigrati clandestini, che però non bisogna chiamare clandestini.

Iacobellig

Dom, 26/04/2015 - 12:15

L'UE NON È STATA VITATA DA NESSUNO, È STATA IMPOSTA DAGLI AMMINISTRATORI INCAPACI E LE CONSEGUENZE LE STIAMO VEDENDO E PAGANDO. QUESTA UE SAREBBE BENE CHE VENISSE SCIOLTA MOLTO IN FRETTA!

badboy

Dom, 26/04/2015 - 12:47

Siete i soliti agitatori che girano i fatti come gli pare per agitare contro sempre gli stessi. Schäuble su richiesta ha esplicitamente NON confermato che si stia analizzando la variante Grexit. Ha detto che se direbbe di sí ogni tentativo a tenerla dentro sarebbe inutile. Era una pura formulazione "diplomatica". Invece certo che hanno già analizzato cosa potrebbe succedere dopo un Grexit, sarebbe irresponsabile non farlo. Solo l'Italia non se ne frega di niente e guarda come al solito quello che arriva. Invece sono i paesi piccoli dell'Eurozona a chiedere di parlare del Grexit. Se non ci fosse la Germania a volere la Grecia a tutti i costi nell'Euro, cosa che ritengo sbagliatissimo, la Grecia sarebbe già fuori da tempo. Sono i tedeschi e gli altri paesi stabili dell'Eurozona che al momento pagano il costo della nuova Lira europea chiamata Euro, e del mantenimento dei paesi mediterranei.

badboy

Dom, 26/04/2015 - 13:04

@martinsvensk: dai l'impressione di esserti riempito il cervello con troppe disinformazioni e bugie da agitatori come questo giornale xenofobo. Dovresti conoscere un pó di numeri prima di urlare: la Germania assume 3-4x tanti profughi come l'Italia, solo per quest'anno si aspettano da 300.000 - 500000. E 3/4 dei profughi che arrivano in Italia lasciano il paese per andare al nord o in Francia. Quelli rimasti qui vengono spesso trattati in modo disumano nei centri di accoglienza o cacciati sulle strade senza supporto. La Germania e la Svezia insieme assumono > 50% di tutti i profughi che arrivano in Europa, e li accogliono davvero. In Germania a ogni profugo spetta un posto riscaldato anche d'inverno per dormire, mangiare 3x al giorno e una paghetta che corrisponde al minimo di sussistenza, che per una famiglia con 2 bambini sono ca. € 700. E questi sono diritti esigibili per via legale. Quindi meglio tacere se non sai niente di niente.

agosvac

Dom, 26/04/2015 - 13:25

Questa che cruccolandia prepara un piano per l'uscita della Grecia dall'euro è una vera fesseria. Sono loro, i crucchi, che avrebbero tutto da perdere e niente da guadagnare. Infatti la Germania è la maggiore creditrice della Grecia e se la Grecia se ne uscisse fuori dall'euro ci perderebbero un casino di bei soldini. Lo farebbero solo in un solo caso: se la Grecia continuasse a pretendere da cruccolandia il rimborso dei danni di guerra che sarebbero superiori ai debiti della Grecia nei confronti della Germania. I tedeschi, si sa, sono sempre pronti a pretendere soldi ma molto restii a darne. Non ne danno neanche agli stessi tedeschi, pensate un po' se ne darebbero ad altri.

Ritratto di pasquale.esposito

pasquale.esposito

Dom, 26/04/2015 - 13:38

MA SI! CARI 10 COMMENTATORI CHE COMMENTATE PRIMA DI ME! LA GRECIA FÁ I DEBITI! E LA COLPA É DELLA GERMANIA? IO VORREI VEDERE VOI COSA FARESTE SE PER COMPRARE UNA CASA ANDASTE IN UNA BANCA PER AVERE UN MUTUO; É POI DIRESTE ALLA BANCA CHE NON VOLETE PAGARLO PIU?; QUESTO MODO DI PENSARE E STATO LA ROVINA DEL NOSTRO PAESE; PERCHE I PAESI COME LA GERMANIA! FRANCIA! OLANDA! AUSTRIA! SVIZZERA! ETC..ETC....;SONO PIU AVANTI DELL;ITALIA? PERCHE QUESTI PAESI FANNO I LORO INTERESSI É NON PERDONO TEMPO CON GENTE CRETINA E BALORDA COME LO SONO STATI IN PASSATO I GRECI É LA SINISTRA ITALIANA!. CARI, CONNAZIONALI IN ITALIA SIETE VOI CHE DOVETE PENSARE AL VOSTRO FUTURO É NON I TEDESCHI OPPURE I FRANCESI; É CHI É RIMASTO INDIETRO DI 50 ANNI SENZA FARE NESSUNA RIFORMA E DESTINATO ALL;ESTINZIONE SENZA SE É SENZA MA!BUONA DOMENICA!!!.

badboy

Dom, 26/04/2015 - 13:47

@martinsvensk: dai l'impressione di esserti riempito il cervello con troppe disinformazioni e bugie da agitatori come questo giornale xenofobo. Dovresti conoscere un pó di numeri prima di urlare: la Germania assume 3-4x tanti profughi come l'Italia, solo per quest'anno si aspettano da 300.000 - 500000. E 3/4 dei profughi che arrivano in Italia lasciano il paese per andare al nord o in Francia. Quelli rimasti qui vengono spesso trattati in modo disumano nei centri di accoglienza o cacciati sulle strade senza supporto. La Germania e la Svezia insieme assumono > 50% di tutti i profughi che arrivano in Europa, e li accogliono davvero. In Germania a ogni profugo spetta un posto riscaldato anche d'inverno per dormire, mangiare 3x al giorno e una paghetta che corrisponde al minimo di sussistenza, che per una famiglia con 2 bambini sono ca. € 700. E questi sono diritti esigibili per via legale. Quindi meglio tacere se non sai niente di niente.

wrights

Dom, 26/04/2015 - 21:38

Non sono un "nuovo" ministro dell'economia ne il presidente della BCE (quello che eroga gli Euro), ma penso che ognuno degli Stati coinvolti,in questa storia, si faccia i propri interessi o quantomeno quelli dei propri cittadini. Quindi se la Germania riceve e trova lavoro per x "profughi" lo fa unicamente per proprio interesse, se così non fosse i 700 € li potrebbe dare ai disoccupati greci. La Grecia o meglio la popolazione greca dopo essere stata governata da teste di legno della BCE,(con pessimi risultati), penso che abbia diritto a decidere la sua sorte.

badboy

Lun, 27/04/2015 - 13:16

@wrights: Lei sta confondendo qualcosa: quando si parla di profughi non si parla di interesse dello stato perchè i profughi a ogni stato costano. Come in tutti i paesi europei anche in Germania i profughi per legge non possono lavorare. Ma gli spetta il minimo per la vita. Questa è una decisione della corte costituzionale e non una strategia del governo, quello lo DEVE semplicemente farlo. A differenza con l'Italia la Germania è uno stato di diritto funzionante. E perchè e come la Germania dovrebbe dare questi soldi ai disoccupati greci ? Lei come si immagina uno stato di diritto ? Come il mercato nero di Napoli ? E poi la Grecia da sempre è stata governata da teste di ca..o greche e dovrebbe prima o poi decidere sulla propria sorte senza prendere in ostaggio tutta l'Europa.