In Germania lotta dura per settimana di 28 ore

Metalmeccanici in sciopero: vogliono lavorare meno senza perdite di salario

Dal «lavorare meno, lavorare tutti» scandito nelle piazze durante gli anni '70, al «lavorare meno» - e basta - di oggi. Cambiano i tempi, e anche la stakanovista Germania tutta produzione e surplus commerciale s'adegua. O, almeno, quella parte di essa riconducibile al sindacato IG Metall, quattro milioni di lavoratori rappresentati in settori-chiavi come l'automobile, e per questo così forte da poter paralizzare l'intero Paese. Il rischio c'è, anche se finora ci sono state solo delle scaramucce con la Gesamtmetall, la federazione tedesca degli imprenditori. A qualche ora di braccia incrociate alla Porsche nei giorni scorsi, si sono aggiunte altre decine di scioperi in tutto la Germania a partire da ieri.

Lo scontro sembra però destinato a salir di livello, perché mai negli ultimi anni le distanze tra le controparti erano state così nette. La frattura è essenzialmente su due punti. Il primo riguarda la parte salariale, con IG Metall che chiede un aumento delle buste paga del 6% giustificato dal buon andamento dell'economia e dai portafogli delle industrie gonfi ordini. Gli imprenditori sono invece disposti a offrire un ritocco del 2% più un premio di 200 euro: ricordano che i lavoratori metalmeccanici già godono di stipendi medi attorno ai 56mila euro e che negli ultimi cinque anni hanno beneficiato di incrementi retributivi del 20%. Se di solito, in base a una consolidata tradizione, sindacato e datori di lavoro hanno sempre raggiunto un compromesso soddisfacente per entrambi, questa volta la situazione è resa più complicata dal secondo punto di conflitto. Ovvero, la riduzione dell'orario di lavoro settimanale da 35 a 28 ore su base volontaria. Secondo il sindacato, chi richiede la riduzione per assistere bambini o anziani in famiglia dovrebbe ricevere una compensazione parziale del mancato guadagno da parte del datore di lavoro per un massimo di due anni. Gesamtmetall ha già fatto sapere di ritenere irricevibile la proposta, in quanto rischierebbe di discriminare i lavoratori a tempo parziale, che già percepiscono un salario ridotto. Jörg Hofmann, leader di IG Metall, è già sul piede di guerra: «Se i datori di lavoro non riesamineranno la loro posizione entro la fine di gennaio, prenderemo in considerazione la possibilità di ricorrere a scioperi di 24 ore o di votare per scioperi in tutto il Paese». In Germania sta arrivando un inverno caldo.

Commenti

flip

Mer, 10/01/2018 - 08:37

a forza di robotizzare le produzioni industriali e informatizzare gli uffici, tra non molto non lavorerà più nessuno o solo qualcuno. giusto per premere il pulsante per far partire il meccaniusmo.

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Gio, 11/01/2018 - 11:06

2..A causa della forte domanda di lavoro, il numero di disoccupati ha continuato a diminuire. Di conseguenza, ad esempio, la BA ha registrato una spesa inferiore per le indennità di disoccupazione I. La buona economia si è riflessa anche in minori spese di fallimento. Del surplus, circa 5,79 miliardi di euro saranno aggiunti alla riserva del BA. Questo aumenterà a circa 17,2 miliardi di euro. Secondo la BA, l'eccedenza residua di 160 milioni di euro andrà alle riserve detenute per il fallimento e sussidi per l'occupazione invernale. / Rbe / DP / eg

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Gio, 11/01/2018 - 11:34

questo in Germania..

Ritratto di I1-SWL527

I1-SWL527

Gio, 11/01/2018 - 21:15

L'economia tedesca continua a crescere nell'ultimo trimestre BERLINO (dpa-AFX) - Anche l'economia tedesca è cresciuta significativamente nel quarto trimestre del 2017. In una prima stima, l'Ufficio federale di statistica prevede una crescita di circa mezzo punto percentuale rispetto al trimestre precedente, come l'agenzia ha annunciato giovedì a Berlino./kf/DP/jkrL'agenzia federale genera miliardi in eccedenza NUREMBERG (dpa-AFX) - L'Agenzia federale del lavoro (BA) ha chiuso l'esercizio 2017 con un'eccedenza di 5,95 miliardi di euro a causa della buona situazione sul mercato del lavoro. La conclusione è stata migliore del previsto, ha detto il BA giovedì a Norimberga. L'amministratore delegato della BA, Detlef Scheele, aveva assunto solo un surplus di 1,5 miliardi di euro. Tuttavia, ha presto corretto questo valore e ha annunciato un'eccedenza all'attuale livello entro la fine del 2017.

Ritratto di I1-SWL527

I1-SWL527

Gio, 11/01/2018 - 21:17

1.L'economia tedesca continua a crescere nell'ultimo trimestre BERLINO (dpa-AFX) - Anche l'economia tedesca è cresciuta significativamente nel quarto trimestre del 2017. In una prima stima, l'Ufficio federale di statistica prevede una crescita di circa mezzo punto percentuale rispetto al trimestre precedente, come l'agenzia ha annunciato giovedì a Berlino./kf/DP/jkrL'agenzia federale genera miliardi in eccedenza NUREMBERG (dpa-AFX) - L'Agenzia federale del lavoro (BA) ha chiuso l'esercizio 2017 con un'eccedenza di 5,95 miliardi di euro a causa della buona situazione sul mercato del lavoro. La conclusione è stata migliore del previsto, ha detto il BA giovedì a Norimberga. L'amministratore delegato della BA, Detlef Scheele, aveva assunto solo un surplus di 1,5 miliardi di euro. Tuttavia, ha presto corretto questo valore e ha annunciato un'eccedenza all'attuale livello entro la fine del 2017.

Ritratto di I1-SWL527

I1-SWL527

Sab, 13/01/2018 - 10:02

il dado.

Ritratto di I1-SWL527

I1-SWL527

Sab, 13/01/2018 - 10:13

Grande Cesare , alea iacta est! Rubicone 10 Gennaio 49 A.C., speriamo che il nostro Cesare Berlusconi dica questa frase dopo la sconfitta del PD 4 Marzo 2018 D.C..