Grecia, Draghi: "Se la crisi precipita finiamo in acque inesplorate"

Monito del governatore della Bce al governo greco: "Dovete fare di più e in fretta"

"Puntare contro l'euro è senza senso. Fatelo se volete". Mario Draghi, con la nuova emergenza greca in corso e i timori di un'uscita di Atene dall'Eurozona, si sente di sottoscrivere "parola per parola" le dichiarazioni del 2012, quando disse che l'euro era irreversibile. Lo scenario da allora è cambiato: l'Eurozona sta sperimentando una ripresa che si rafforza e "siamo meglio equipaggiati che nel 2012 e nel 2010", potendo usare se necessario gli strumenti della Bce in un'eventuale crisi. Ma - avverte Draghi - la ripresa in atto non va compromessa: servono progressi sulla sostenibilità di bilancio e riforme strutturali altrimenti i rischi macroeconomici, che sono calati, potrebbero tornare a salire. E se la situazione greca dovesse peggiorare, avverte, "ci troveremmo in acque inesplorate".

Sostenendo come sia prematuro speculare su un addio della Grecia all'Eurozona, Draghi esorta Atene ad agire. "C'è molto lavoro da fare, è urgente. Tutti vogliamo il successo della Grecia, e questo successo è nelle mani del governo greco". Gli fa eco il ministro delle Finanze tedesco, Wolfgang Schauble: "Il governo greco deve decidere cosa vuole". "Deve presentare - mette in evidenza il ministro dell'economia, Pier Carlo Padoan - un piano credibile ed efficace". "L'interesse della Grecia è rimettere l'economia su un sentiero di crescita. Ognuno deve fare le sue parte", aggiunge Padoan tranquillizzando su un potenziale impatto della crisi greca sull'Italia. "In nessun modo. Questo problema non si pone". Il governatore della Banca D'Italia, Ignazio Visco, ritiene "sbagliato parlare di contagio. Si può parlare di tensioni sui mercati".

Preme per un accordo il segretario al Tesoro americano, Jack Lew, ammettendo che il lavoro da fare non è facile ma deve essere fatto. E un appello a chiudere velocemente la vicenda arriva ancora una volta anche dalla numero uno del Fmi, Chrsitine Lagarde. Il tema Grecia domina nei corridoi e negli incontri del Fondo monetario, anche se non è oggetto di discussione formale né del G20 né dell'Imfc.

Il ministro dell'economia greco, Yanis Varoufakis, ostenta sicurezza e si lascia andare a battute ironiche: "Il futuro della Grecia? Brillante, prospero e radioso". A chi gli chiede cinque minuti del suo tempo dice: "Cinque minuti di questi tempi sono un tesoro per ripagare parte del debito della Grecia".

Commenti

Roberto Casnati

Dom, 19/04/2015 - 00:27

Siamo alle solite: quando un politico od un banchiere "tranquillizzano" c'è veramente da allarmarsi! Lo sanno bene i "mercati" che infatti hanno reagito alla "tranquillità" con un tracollo altro che ripresa! Alla facciaccia dei sostenitori dell'euro siamo sull'orlo di una catastrofica crisi finanziaria e speculativa aggravata in Italia dall'idiozia di chi, non eletto, ci governa!

Ritratto di giorgio.peire

giorgio.peire

Dom, 19/04/2015 - 05:22

Mi sembra si facciano troppi discorsi. L'euro è fallito e così la Grecia, deve fare la stessa fine. Inutile perdere altro tempo. Parlano di ripresa, ma quale? Negozi, fabbriche, artigiani, chiudono ogni giorno, dunque, continuano a raccontarci delle balle.

vince50_19

Dom, 19/04/2015 - 08:04

Acque inesplorate? Finisce forse la pacchia in salsa massonica? Come afferma l'auto definito massone Gioele Magaldi in un suo recente libro, lei fa parte di ben 5 super logge massoniche (Edmund Burke - Pan Europa - Compass Star Rose - Three Eyes - Der Ring, quest'ultima retta dal "maestro venerabile Schaeuble..). Smentisce? Dicami: questo Q.E. sta sul serio sortendo effetti positivi, oppure le solite banche si stanno rimpinzando di euro (come avvenne qualche anno fa se ben ricorda) e, per non far risaltare troppo il loro egoismo "monetario", danno qualche briciola sotto forma di prestiti per fare un po' di cortina fumogena? Resto molto scettico su questa faccenda, mi spiace doverlo dire. E se la Grecia (non sono certo santi ma neanche così diavoli) si rivolgerà "altrove", farà solo gli interessi del suo popolo contro la tirannia della Troika (Ue+Bce+Fmi).

Ritratto di stenos

stenos

Dom, 19/04/2015 - 10:07

Le banche sono nazisti del nostro tempo. Vere associazioni a delinquere criminali legalizzate.

VermeSantoro

Dom, 19/04/2015 - 10:11

Mammamia e dopo questa frase qui crollerà tutto !

Ritratto di filatelico

filatelico

Lun, 20/04/2015 - 13:39

Sei stato tu a truccare i conti della Grecia quando prendevi lo stipendio da Goldman Sachs e ora dici l'ultima stupidaggine della giornata !!! Chi è causa del suo mal pianga se stesso !!! NO EURO NO UE NO NATO !!! W l'ITALIA !!!

Ritratto di mvasconi

mvasconi

Lun, 20/04/2015 - 16:14

Bruxelles comincia a temere davvero...

Redman5243

Mar, 30/06/2015 - 00:38

Draghi mi sembra uno dei pochi, all'interno delle strutture centrali della UE, con la lucidità mentale e l'intelligenza per gestire il casino in cui ci troviamo, riducendo al minimo i danni, che saranno comunque inevitabili. Purtroppo per noi non è Superman ed ha poteri limitati.