Grecia, Eurogruppo ottimista: il piano di Atene "esauriente"

Il Presidente dell'Europarlamento, Martin Schulz, ha giudicato positivamente le proposte di Atene. Attesa per la riunione di domani.

La crisi greca, in un senso o nell'altro, si potrebbe risolvere già sabato e non domenica. Sembra più vicino l'accordo per Atene. Domani a Bruxelles l'Eurogruppo si riunirà per studiare il piano di misure che il premier greco, Alexis Tsipras, ha presentato a Commissione, Bce ed Fmi per ottenere un salvataggio di 53,5 miliardi di euro con cui coprire gli obblighi del debito per i prossimi tre anni più un pacchetto di 36 miliardi per rilanciare la crescita in cambio di tagli per circa 13 miliardi.

Il Presidente dell'Europarlamento, il socialdemocratico tedesco Martin Schulz, giudica positivamente le proposte di Atene. Intanto Tsipras deve far accettare dalla sua maggioranza in Parlamento il pacchetto di riforme proposto ai creditori: ha convocato una riunione del suo gruppo parlamentare (149 deputati) e l'ufficio politico di Syriza. Il premier greco ha chiesto al Parlamento un mandato per trattare coi creditori, ma non per uscire dall'euro. "Parleremo e sono sicuro che tutto andrà bene", ha detto il ministro dell'Interno Nikos Voutsis prima di entrare nella riunione. Ma non è pacifico il voto unanime.

Secondo il numero uno dell’Eurogruppo Jeroen Dijsselbloem la proposta presentata dalla Grecia ai vertici europei risponde alle richieste dei creditori. Dijsselbloem ha giudicato le proposte inviate da Atene la notte scorsa "esaurienti", ma ha precisato che dovranno essere valutate sulla base della loro fattibilità. Il ministro olandese ha poi aggiunto che ora, insieme alla Commissione, alla Bce e al Fmi "si faranno i calcoli" e si vedrà se "i conti tornano".

Se nella giornata di domani l'Eurogruppo, che è stato convocato per esaminare il nuovo piano di riforme del premier Tsipras presentato ai creditori, darà il suo ok, l'Eurosummit, in programma domenica, non si terrà.