Grecia, Eurogruppo pessimista: "Poche speranze di fare progressi"

Il presidente Dijsselbloem: "Basta negoziati fino al referendum"

Jeroen Dijsselbloem, presidente dell'Eurogruppo

La Grecia va avanti con il referendum con cui chiederà al popolo greco se accettare o no le proposte dei creditori e l'Europgruppo ha deciso che la questione resta sospesa fino all'esito della consultazione.

Non ci saranno quindi contatti tra Atene e le istituzioni per portare avanti la trattativa. Un Eurogruppo pessimista, quello che si è riunito oggi. "Ci sono poche prospettive di fare progressi", ha detto il presidente Jeroen Dijsselbloem. "Siamo uniti nella decisione di aspettare il risultato del referendum prima di ogni ulteriore discussione", ha aggiunto su Twitter il ministro delle Finanze slovacco, Peter Kazimir, "Non dobbiamo mettere il carro davanti ai buoi".