Gucci vuole Richard Ginori, offerta da 13 milioni

La maison, controllata dalla francese Ppr, ha presentato un'offerta irrevocabile da 13 milioni per comprare Richard Ginori, insieme a un piano industriale che prevede l'impiego di 230 lavoratori

È Gucci il pretendente di Richard Ginori. La maison, controllata dalla francese Ppr, ha infatti presentato un'offerta irrevocabile da 13 milioni per comprare Richard Ginori, insieme a un piano industriale che prevede l'impiego di 230 lavoratori. Gucci è venuto allo scoperto dopo che si era chiusa senza successo la prima asta per il gruppo delle porcellane finito in fallimento.
Obiettivo di Gucci è valorizzare «l'eccellenza del made in Italy nel mondo» e l'offerta si basa su un progetto di lungo periodo, con l'obiettivo di tutelare e rilanciare un marchio storico di Firenze.
Il piano industriale farà leva sulle competenze, il know-how e le sinergie esistenti tra i due marchi. In particolare, da un lato si focalizzerà, nel breve-medio periodo, sullo sviluppo dei prodotti e sulla produzione di articoli per il settore tableware di alta gamma, mentre dall'altro lato contribuirà con le risorse e il supporto necessari per sviluppare e rendere le attività di Richard Ginori sostenibili in un'ottica anche di lungo periodo. Gucci investirà, quindi, sia per sostenere i piani produttivi sia per supportare Richard Ginori nei processidi innovazione e e sviluppo.