I debiti pa con le imprese? Li pagano le banche

Siglato un accorto tra Abi e aziende, che finalmente potranno avere liquidità

Alla fine la pubblica amministrazione pagherà i debiti alle imprese. Ma i soldi ce li metteranno le banche.

Come rivela ItaliaOggi, infatti, con l'accordo per il credito per il 2015 stipulato tra Abi e associazioni delle imprese sono stati stanziati 10 miliardi di euro per consentire alle aziende in possesso dell'opportuna certificazione di chiedere un anticipo del rimborso dei crediti fiscali. Finalmente, quindi, qualcosa si muove e le imprese in crisi di liquidità potranno avere ossigeno.

Commenti

cgf

Gio, 02/04/2015 - 17:31

la fregatura dove sta? Le banche che ANTICIPANO? uhmmmmmmm

Ritratto di bobirons

bobirons

Gio, 02/04/2015 - 17:45

Già qualche anno fa scrissi un'ipotesi per il pagamento alle imprese da parte degli enti pubblici. La ripeto, forse per narcisismo, certo perché la cosa mi sembrava così ovvia che perfino io, digiuno di finanza ed amministrazione, l'avevo concepita non capendo perché tanti soloni, professori, grandi politici, sedicenti taumaturghi non ci avessero pensato. Bene, l'impresa emette la fattura; alla scadenza stabilita per il pagamento, se non onorata, la porta in banca che la paga; la banca a sua volta resta creditrice verso l'amministrazione pubblica alla quale - e non all'impresa -. addebita gli interessi per il tardivo pagamento. La ragione, semplicissima, è che le banche hanno ben altre spalle che tanti piccoli e medi, a volte anche grandi, imprenditori. Così facendo le imprese avevano i loro denari, senza ingolfarsi in fidi, interessi ed altro che poi sono quegli strumenti che maggiormente penalizzano le imprese. Bravi a pensarci ma, cribbio, ci sono voluti degli anni ?

Ritratto di manasse

manasse

Gio, 02/04/2015 - 17:46

e vero che è sempre meglio di niente ma il debiti da pagare non erano 40/50mld di€ e allora la cosa si risolverà come al solito che chi ha santi in paradiso riceverà il dovuto e i piccoli/piccolissimi artigiani ancora una volta a bocca asciutta

Ritratto di emarco54

emarco54

Gio, 02/04/2015 - 18:12

manasse ha perfettamente ragione. Dell'anticipo sui crediti alla P.A. ne beneficeranno solo le grandi imprese che hanno rapporti privilegiati con le proprie banche. E poi , chi paga gli interessi passivi e in che misura?

cgf

Gio, 02/04/2015 - 18:16

@bobirons sarebbe molto più veloce e facile [anche meno costoso] se la PA pagasse entro 30 max 60 gg così come da direttiva CEE, presto pagheremo anche una multa salata perché la PA non si sarà adeguata

Ritratto di bingo bongo

bingo bongo

Gio, 02/04/2015 - 18:33

Gli usurai non si fanno fregare,c'è qualcosa "sotto" , speriamp non faccia bruciare il sedere ai correntisti ed affini.

Ritratto di Azo

Azo

Gio, 02/04/2015 - 22:09

Questa crisi, è stata causata dalle banche, perciò dovrebbero essere loro a pagarne le conseguenze !!!

tRHC

Gio, 02/04/2015 - 23:14

Li pagano le banche??? Gia'.... poi le banche chi le paga???? Allora si continua a non capire...CI VUOLE IL LAVORO E PER CREARE POSTI DI LAVORO BISOGNA ABBASSARE LA TASSAZIONE SUL LAVORO E SUI COSTI ACCESSORI TIPO ENERGIA ELETTRICA GAS GASOLIO ECC... Poi ben vengano le banche,tutto il resto e' aria fritta,cucinata nelle pentole del ciarlatano

Luigi69

Gio, 02/04/2015 - 23:57

Quanto rumore per nulla: ma avete letto bene: "chiedere un anticipo del rimborso dei crediti fiscali". Le banche no pagheranno le fatture, sconteranno solo, appunto, i crediti fiscali...