I derivati della Finint e le promesse di Marchi


Da quando sono usciti i numeri del bilancio di Finint, la finanziaria con base a Conegliano che è partecipata dalle Generali e che a sua volta è azionista del Leone attraverso Ferak, nell'area del Nordest se ne continua a parlare. Secondo il quotidiano online Ilnordest.eu, l'esercizio consolidato del 2011 della finanziaria con base a Conegliano e guidata da Enrico Marchi e Andrea De Vido ha chiuso in rosso per 689mila euro, rispetto all'utile di 6,37 milioni del 2010, con un risultato in gran parte riconducibile a perdite da operazioni finanziarie che hanno riguardato soprattutto strumenti derivati. «Il 2011 è stato riconosciuto da tutti come annus horribilis della finanza e nel 2012 contiamo di ritornare sopra ai dati del 2010», è stata la replica piccata di Marchi - tra l'altro molto vicino all'ex ad delle Generali Giovanni Perissinotto - alla Nuova Venezia.