L'allarme di Draghi sui giovani: "Rischio generazione perduta"

Il presidente della Bce preoccupato per l'alta disoccupazione che colpisce "la generazione più istruita di sempre"

"Rischiamo una lost generation". È l'allarme che arriva da Mario Draghi in un discorso al Consiglio di Stato portoghese e dal rapporto annuale della Bce sullo stato dell'economia europea.

In particolare a preoccupare il presidente dell'Eurotower è l'alta disoccupazione giovanile che dilaga in tutta Europa e che colpisce "la generazione più istruita di sempre". Vulnerabilità significative per cui bisogna agire velocemente "per evitare una generazione perduta". "Senza il ruolo attivo dei governi nazionali il problema non si risolverà", ha aggiunto Draghi, "L'Eurozona è riuscita solo lo scorso anno a tornare ai livelli di attività economica visti prima della crisi e alcuni paesi, compreso il Portogallo, non ci sono ancora arrivati. Pur essendo la generazione meglio istruita della storia, i giovani di oggi stanno pagando un prezzo elevato per la crisi. In Portogallo ancora circa un terzo dei giovani è senza lavoro; ciò danneggia seriamente l'economia perchè a queste persone che vogliono ma non riescono a lavorare è precluso lo sviluppo delle loro abilità".

Commenti

Agev

Gio, 07/04/2016 - 18:41

Caro Draghi .. Questo lo si deve proprio a te e a quelli come te.. Comunque Al Di La della tua ignorante incomprensione sappi che sarà e avverrà proprio l'opposto di ciò che affermi perché saranno proprio le prossime tre generazione che faranno la totale differenza e saranno in grado di trasmutare in un attimo tutta la realtà/mondo. Gaetano

Ritratto di mvasconi

mvasconi

Gio, 07/04/2016 - 18:46

Ed all'esimio presidente non viene in mente che buona parte del demerito sia delle istituzioni europee antieuropei?

Una-mattina-mi-...

Gio, 07/04/2016 - 18:48

NON CONTENTI della "generazione perduta" nostrana importiamo le "generazioni perdute" mondiali, non composte solo da giovani, ma anche da "generazioni perdute di mezz'età". L'effetto? Più di uno, cominciando dal mescolare "la generazione più istruita di sempre" con quelle "meno istruite da sempre", solo che queste ultime sono boldrinamente invitate ad essere fiere della loro cultura. CONTENTI?

Ritratto di pensionesoavis

pensionesoavis

Gio, 07/04/2016 - 19:14

Il Sig.Draghi non si deve preoccupare.L'ha gia persa.Da tempo. Saluti.

Ritratto di bandog

bandog

Gio, 07/04/2016 - 19:18

"Rischio generazione perduta" quella Italiana è molto probabile ma che importa...lo sgoverno di questo Paese, sta provvedendo con la ricerca sempre più massiva e relativa importazione delle boldriniane risorse, anche sulla battigia africana...Mahhhhh

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Gio, 07/04/2016 - 19:47

hahaha, e ci dicono che non facciamo più figli. Così poi avremmo il doppio dei disoccupati. Portare le tasse al 15% come dice Salvini, se non al 10% così vedrete e vedrete come aumentano gli investitori. Bisogna essere decisi e far fare a qualcuno per i primi anni, chi se ne ha approfittato, delle rinunce.

Ritratto di thunder

thunder

Gio, 07/04/2016 - 20:01

Per forza,nelle scuole predicano l'islamrosso.

ziobeppe1951

Gio, 07/04/2016 - 20:07

GIOVENTÙ BRUCIATA

giosafat

Gio, 07/04/2016 - 20:18

Provi a bussare alla porta di un tale dispensatore di elemosine, e che si crede primo ministro, e provi a chiedergli cosa ha fatto per i giovani.

Ritratto di marapontello

marapontello

Gio, 07/04/2016 - 20:51

Ma va!? Non lo avevano proprio previsto?! Succede tutto a caso.

Nano Ghiacciato

Gio, 07/04/2016 - 21:34

Rischio generazione perduta? Ce vo na guerra; sacrifici lacrime e sangue, per rimetterla in sesto, se poi si riesce a fare partir pure l'economia...ndannamo? io rimarrei a casa naturalmente il militare l'ho fatto + di vent'anni fa e anche se ho preso il brevetto da paracadutista, ormai più de una scrivania non potrei gestire. Ma che i giovani, vadano...vadano pure, le genrazioni future le saranno riconoscenti...forse, in certe circostanze...anzi non tanto

Ritratto di vraie55

vraie55

Gio, 07/04/2016 - 22:46

Può' dirlo tranquillamente ... li ha inghiottiti nelle sue enormi fauci

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Gio, 07/04/2016 - 23:52

A vedere i danni e le devastazioni inflitte da anni alle nostre città dai giovani farabutti dei centri antisociali possiamo dire che una generazione si è già persa. PERSA DIETRO IL MARCIUME IDEOLOGICO DI UN COMUNISMO CAMUFFATO DA DEMOCRAZIA.

joecivitanova

Ven, 08/04/2016 - 00:52

Sicuramente è la generazione più disoccupata di sempre; la più istruita.. mah, non so..forse quella che ha frequentato di più le scuole, quello si, sicuramente, prima si lavorava già a dodici, tredici anni; altra cosa da dire purtroppo, è che questa è la generazione più dedita alle sostanze stupefacenti, e questa si che è la cosa più preoccupante di tutte le altre, credetemi. G.

Ritratto di mariosirio

mariosirio

Ven, 08/04/2016 - 08:44

Si sa che sta depressione è innescata dalla scarsa circolazione di denaro voluta dalla Bce e dalle tasse che servono a comprare i.soldi e pagare l'Europa. Che un'orda accolga un giorno il sogno di spellare (economicamente) gli autori infami dei trattati europei, i loro discendenti e tutti i bancari e banchieri.

giovanni951

Ven, 08/04/2016 - 08:45

rischio? certezza semmai

Ritratto di stenos

stenos

Ven, 08/04/2016 - 08:58

Si, bravo. Mandate la gente in pensione la gente 70 anni e vedrete che fine faranno i giovani, vedrete i posti di lavoro che troveranno. Si e' passati dal ricambio generazionale al fregarsi i soldi delle pensioni per pagare i debiti di politicanti ladri ed incapaci.

Ritratto di bracco

bracco

Ven, 08/04/2016 - 09:05

Ai nostri governanti poco interessa tanto sono impegnati a sostituire quella generazione con parassiti africani

Ritratto di MIKI59

MIKI59

Ven, 08/04/2016 - 09:23

Possibile che Draghi sia l'unico di una classe dirigente, che abbia capito i problemi? Molti comuni mortali come me, lo hanno capito da tanto e lo abbiamo anche scritto più volte su questo sito; i nostri politicanti, invece, nulla. Loro si, che vivono su un altro pianeta! Infatti, se notate, nelle riforme, come ad esempio le pensioni, le dichiarazioni vengono fatte parlando non con il "noi", ma con il "voi". La cinghia la devono stringere sempre i soliti, cioè quelli che producono, non quelli che comandano.

Duka

Sab, 09/04/2016 - 09:55

Beh in Italia NON è un RISCHIO ma è già una CERTEZZA. Migliaia di giovani sono mantenuti e nulla fanno per riscattare almeno la propria dignità.