L'auto perde il suo Eldorado Bene solo Europa e America

Euler Hermes: sale l'allarme sulla crisi dei Paesi emergenti E Fca richiama un milione di veicoli negli Stati Uniti

Vigilia in chiaroscuro del grande Salone dell'auto di Francoforte (17-27 settembre). I principali mercati mondiali presentano andamenti differenti. Da una parte, i Paesi più in sofferenza come Brasile, Cina e Russia; dall'altra, quelli in moderata ripresa (India); quindi, le aree in spolvero (Stati Uniti) e quelle sulla strada giusta (Europa). Nella sua analisi annuale, Euler Hermes (Allianz) pone l'accento proprio su queste disparità, che saranno tra i temi del Salone tedesco, anche alla luce del downgrade di S&P rispetto al Brasile, fino a poco tempo fa miniera d'oro per i costruttori.

Male, dunque, i mercati emergenti sui quali si sono riversati i maggiori investimenti del settore: Euler Hermes stima per il Brasile una caduta delle vendite, nel 2015, intorno al 14%, a 2,3 milioni di unità (di 3 milioni il mercato del 2013). Pesante anche la contrazione delle immatricolazioni in Russia: circa un terzo, a 1,6 milioni, mentre la Cina manterrà, per la società di analisi, il segno positivo, ma solo nell'ordine del 3% rispetto al +10% del 2014. E lo stesso farà nel 2016. India in crescita (+6%), ma ancora distante dai tempi migliori.

Intanto, se Fca guarda con timore alle conseguenze della crisi economica in Brasile, diverso è l'atteggiamento dell'ad Sergio Marchionne se considera gli Usa. Qui, il rapporto EH sottolinea come il 2015 sarà il sesto anno consecutivo di crescita: +4%, a 17,5 milioni di unità. Forte concorrenza e bassa marginalità, invece, sono i problemi evidenziati per l'Europa, il cui tasso di espansione è comunque previsto intorno al 5%. Locomotiva europea sarà il Regno Unito, il cui mercato si prepara a festeggiare il record di vendite.

In attesa dei dati sulle immatricolazioni in agosto nel Vecchio continente, Ihs Global Insight vede Fca crescere del 13%, raggiungendo la quota di mercato del 5,3% (6,5% da gennaio), in lieve aumento. A livello generale, invece, in Europa nel mese scorso sarebbero state vendute oltre 706mila vetture con un rialzo del 10,3% a oltre 706mila unità. A trainare i risultati di Fca, Jeep Renegade e Fiat 500X. Renegade, tra l'altro, celebra in questi giorni il primo anno di produzione a Melfi: 135mila le unità sfornate finora in Lucania. Per Fca, infine, ancora richiami negli Usa, tre per l'esattezza: i veicoli da sottoporre a controlli (volante e Airbag) sono oltre un milione. Il gruppo, che a Francoforte lancerà in anteprima mondiale l'Alfa Romeo Giulia, è stato intanto nuovamente incluso nel Dow Jones Sustainability Index World per la gestione dell'innovazione, la strategia nella lotta ai cambiamenti climatici, la salute e la sicurezza sul lavoro.