Lavoro, boom di licenziamenti per giusta causa ma c'è l'ipotesi di "raggiro"

Boom di licenziamenti per giusta causa in Italia ma a provocarlo potrebbe esserci un raggiro ai danni delle imprese e delle casse dell'Inps

Boom di licenziamenti per giusta causa in Italia ma a provocarlo potrebbe esserci un raggiro ai danni delle imprese e delle casse dell'Inps.

A riportarlo è la Cgia di Mestre che sottolinea come tale fenomeno sarebbe collegato alla volontà del lavoratore di ricorrere, in modo scorretto, a questa forma di licenziamento per ottenere vantaggi previsti dall'attuale normativa con una indennità speciale dell'azienda che può arrivare a sfiorare i 1.500 euro e un sostegno al reddito da parte dell'Inps fino a 2 anni.

Nel 2016, sempre secondo l'Ufficio studi della Cgia, i licenziamenti per giusta causa o giustificato motivo soggettivo nel settore privato hanno registrato una crescita del 26,5%, mentre le altre tipologie di licenziamento non hanno presentato trend di crescita così importanti. Se i licenziamenti totali sono saliti del 3,5%, quelli per giustificato motivo oggettivo sono aumentati del 4,6% e quelli per esodo incentivato, invece, sono addirittura crollati del 19%.

La leggera ripresa economica e l'aumento dell'occupazione in atto non giustificano dunque questo orientamento. "Ad averne innescato l'ascesa - denuncia il coordinatore dell'Ufficio studi Paolo Zabeo - è stata una cattiva abitudine che si sta diffondendo tra i dipendenti. Seppur in forte crescita, questo fenomeno presenta delle dimensioni assolute ancora contenute. Nell'ultimo anno, infatti, lo stock ha interessato 74.600 lavoratori. Se, comunque, seguiterà questa tendenza, è evidente che nel giro di qualche anno ci ritroveremo con numeri molto importanti".

Con l'introduzione della riforma Fornero, dal 2013 chi viene licenziato ha diritto all'ASpI (indennità mensile di disoccupazione): una misura di sostegno al reddito con una durata massima di 2 anni che costringe l'imprenditore che ha deciso di lasciare a casa il proprio dipendente al pagamento di una "tassa di licenziamento". Se si verifica questa situazione, infatti, il datore di lavoro deve versare all'Inps una somma pari al 41 per cento del massimale mensile della NASpI, la nuova ASpI introdotta nel 2015, per ogni 12 mesi di anzianità aziendale maturata negli ultimi 3 anni.

Per una persona con un'anzianità lavorativa di almeno 3 anni, la tassa a carico dell'azienda può sfiorare i 1.500 euro. "Se una impresa contribuisce ad aumentare il numero dei disoccupati - dichiara il segretario della Cgia Renato Mason - provoca dei costi sociali che in parte deve sostenere. Negli ultimi tempi, però, la questione ha assunto i contorni di un raggiro a carico di moltissime aziende e anche dello Stato, perchè un numero sempre più crescente di dipendenti non rispetta la norma e costringe gli imprenditori al licenziamento e, di conseguenza, fa scattare la Nuova ASpI (NASpI) in maniera impropria".

Non sono pochi coloro che negli ultimi tempi hanno deciso di non recarsi più al lavoro senza dare alcuna comunicazione al proprio titolare. Essendo stata introdotta nel marzo del 2016 l'obbligatorietà delle dimissioni on-line, se il dipendente "diserta" la presenza in cantiere o in ufficio e non comunica telematicamente la volontà di starsene definitivamente a casa, l'interruzione del rapporto di lavoro la deve "avviare" il datore di lavoro attraverso il licenziamento per giusta causa o per giustificato motivo soggettivo.

Procedura che, grazie alla legge Fornero, consente al lavoratore "scorretto" di ricevere la NASpI, misura che non gli spetterebbe, invece, nel caso di dimissioni volontarie. "Questo astuto espediente - conclude Zabeo - sta creando un danno economico non indifferente. Non solo perchè costringe il titolare dell'azienda a versare la tassa di licenziamento che, come dicevamo, può arrivare fino a 1.500 euro, ma anche alla collettività che deve farsi carico del costo della NASpI. Se quest'ultima viene erogata per tutti i 2 anni previsti dalla legge Fornero, il costo complessivo per le casse dell'Inps può arrivare fino a 20.000 euro a lavoratore".

Commenti

rossini

Sab, 10/06/2017 - 12:38

Insomma "fatta la legge, trovato l'inganno"! Ma quegli imbecilli dei nostri politici non hanno pensato di rispondere con "trovato l'inganno, fatta la legge. Basterebbe una piccola modifica legislativa che preveda che chi viene licenziato per giusta causa, e cioè per una mancanza che non consente la prosecuzione del rapporto di lavoro neanche a titolo provvisorio, non ha diritto ad alcuna indennità.

jaguar

Sab, 10/06/2017 - 13:15

Non riesco a credere che cosi tanti lavoratori si facciano licenziare solo per godere della Naspi, cioè rinunciano allo stipendio per percepire il 70% di esso con il sussidio di disoccupazione. Teniamo presente che dal quarto mese al ventiquattresimo l'indennità cala del 3% ogni mese, arrivando cosi a prendere nel secondo anno di Naspi una miseria. Certo, se fosse vero questo comportamento, sarebbe uno schiaffo a chi è disoccupato sul serio e non riesce a trovare lavoro.

Ritratto di nando49

nando49

Sab, 10/06/2017 - 15:05

Ho un amico che lavora da almeno 27 anni e di recente la sua ditta lo ha chiamato proponendogli il licenziamento e la successiva riassunzione. Se non accettava lo avrebbero messo in cassa integrazione e successivamente licenziato. Il perché di questo è facile immaginarlo e rientra nei disastri dell'ex governo Renzi.

unosolo

Sab, 10/06/2017 - 15:17

ibecilli è un compliento , migliaia di pensionati costretti a lavorare oltre l'età prevista e altri che prendono soldi per due anni a danno di imprese ? questo è che ferma l'occupazione , le fregature alle aziende a il furto ai veri pensionati derubati dalle legge Fornero e che la CC ha rigettato e il governo Renzi non ha rispettato , solo danni al lavoro , politici ? no guastatori autorizzati dall'ex CdiS e mai eletti dal popolo ,ecco chi ha fermato la nostra economia Nazionale alzando il debito,.

carlottacharlie

Sab, 10/06/2017 - 15:37

Mai una giusta questi al governo. Cretini a tutto tondo.

petrustorino

Sab, 10/06/2017 - 16:46

per jaguar... non pensi che questi lavoratori si fanno assumere in nero o lavorano in az famigliari, come negozi ,officine di moglie o parenti eecc.........e cosi si prendono doppi stipendi che paghiamo anche noi....

Giacinto49

Sab, 10/06/2017 - 20:24

Con il reddito di cittadinanza ci sarebbe da ridere!!

NewStyleLife

Lun, 12/06/2017 - 09:52

E' solo quando si hanno altri occhi per vedere altre opportunità che la vita cambia. Ti piacerebbe avere una vita senza pensieri, stare più tempo con la tua famiglia, amici o persone care? Hai voglia di emergere, ma non hai ancora trovato il giusto progetto che pensi possa valorizzare le tue qualità? Il Programma New Style Life ti offre la possibilità di ottenere tutto quello che hai sempre cercato: Libertà Economica, Tempo Libero e Crescita Personale. Inizia da qui: ==> goo.gl/cdIChF

cicero08

Mar, 13/06/2017 - 07:35

davvero uno strano Paese l'Italia! qui le certezze diventano ipotesi.