Lavoro sempre più povero: la crisi ha ridotto la massa dei salari

Persi 1.218 miliardi di dollari, pari all’1,2% della produzione mondiale e a circa il 2% dei consumi

Il mondo del lavoro ha subito un pesante colpo dalla crisi economica degli ultimi anni. Un colpo non tanto - e non solo - in termini di posti persi, quanto di perdita della massa salariale, quantificata in circa 1.218 miliardi di dollari in tutto il mondo. La stima è fatta dall’Ilo, l’organizzazione mondiale sul lavoro nel "World Employement and social Outlook 2015" reso noto a Ginevra. Per farsi un'idea più precisa del danno basti pensare che la somma calcolata è pari all’1,2% della produzione mondiale e a circa il 2% dei consumi.

"Il mondo del lavoro - si legge nel rapporto - sta cambiando profondamente, in un momento in cui l’economia globale non crea un numero sufficiente di posti di lavoro". Il dato globale della disoccupazione ha così raggiunto i 201 milioni nel 2014, oltre 30 milioni in più rispetto a prima dello scoppio della crisi globale in 2008. Oltre alla riduzione della massa salariale globale dovuta al divario occupazionale, il rallentamento della crescita dei salari ha avuto conseguenze importanti anche sulla massa salariale aggregata. Ad esempio, si stima che nelle economie industrializzate e nell’Unione europea, nel 2013, il rallentamento della crescita dei salari durante e dopo i periodi di crisi abbia provocato una riduzione di 485 miliardi di dollari della massa salariale a livello regionale.

L'aumento dei salari potrebbe avere benefici importanti sull'economia. Salirebbero, infatti i consumi e i livelli di investimento, e si stima che, colmando il divario occupazionale mondiale, il Pil globale aumenterebbe di 3.700 miliardi di dollari - pari ad un aumento della produzione mondiale del 3,6 %. L’Ilo osserva inoltre che nel 2014, quasi il 73 % del divario occupazionale mondiale era dovuto a un deficit dell’occupazione femminile, che rappresenta solo il 40 % circa della manodopera mondiale.

Lavoro stabile e lavoro precario

Lo studio dell'Ilo evidenzia che solo un quarto dei lavoratori nel mondo ha un rapporto di lavoro stabile. I tre quarti dei lavoratori hanno infatti contratti temporanei o a breve termine, lavorano spesso senza nessun contratto, sono lavoratori autonomi o svolgono un lavoro familiare non retribuito, afferma lo studio. Secondo il World Employment and Social Outlook 2015 oltre il 60% dell’insieme dei lavoratori non ha un contratto di lavoro. La maggior parte di questi si trova nei paesi in via di sviluppo, svolge un lavoro autonomo o contribuisce a un’attività familiare, ma anche tra i lavoratori dipendenti solo il 42% ha un contratto a tempo indeterminato. La ricerca dell’Ilo rivela che il lavoro dipendente, in aumento in tutto il mondo, rappresenta solo la metà dell’occupazione globale, con variazioni da regione a regione. È inoltre in aumento il lavoro a tempo parziale, soprattutto fra le donne. Le forme atipiche di lavoro possono aiutare le persone ad accedere al mercato del lavoro, ma "lo spostamento che osserviamo del rapporto di lavoro tradizionale verso forme atipiche è, in molti casi, associato ad un aumento delle disuguaglianze e della povertà in diversi paesi", ha commentato il direttore generale dell’Ilo, Guy Ryder.

L’Ilo osserva che le disuguaglianze di reddito sono in aumento o comunque rimangono elevate nella maggior parte dei paesi. Una tendenza aggravata dalla diffusione di forme di lavoro temporaneo, dall’aumento della disoccupazione e dell’inattività. Durante l’ultimo decennio si è ampliato il divario di reddito tra i lavoratori a tempo indeterminato e quelli temporanei.

Secondo il rapporto, nonostante siano stati compiuti progressi in termini di copertura pensionistica, la protezione sociale - in particolare i sussidi di disoccupazione - rimane praticamente riservata ai soli lavoratori a tempo indeterminato. Per i lavoratori autonomi, anche le pensioni sono scarse: nel 2013, solo il 16% dei lavoratori autonomi ha versato contributi.

Commenti

unosolo

Mar, 19/05/2015 - 13:19

Attenzione i salari scendOno come le pensioni , scendono per le tasse che da gennaio hanno inserito e scagionate ed ecco che a maggio ci prendono soldi in busta paga ma a gennaio e febbraio hanno preso per retro attività praticamente 87 euro che non se ne accorge nessuno , ladri , hanno seminato decine di aumenti lungo il loro percorso , come un campo minato ma di tasse nascoste. Politi che percepiscono uno stipendio per i portaborse , andrebbero denunciati per furto visto che da anni se li intascato, ladri,e si tengono i soldi dei pensionati.

abocca55

Mar, 19/05/2015 - 13:28

Ma non i salari delle badanti, che grazie alla stupida legge bossi/fini, hanno diritti che non hanno neanche gli Italiani. Inoltre è di moda lavorare per un po' di tempo, poi farsi licenziare, prendere le indennità previste, e godersele nel proprio paese, al ritorno cercano un nuovo lavoro, e la storia si ripete. renzi non ha la forza politica di sistemare le cose, a causa della sua maggioranza risicata.

Ritratto di franco_DE

franco_DE

Mar, 19/05/2015 - 15:03

anche quelli dei politici?