L'errore con il Fisco che fa scattare la multa da 1000 euro

I commercialisti sul piede di guerra per le sanzioni per gli F24 scartati: "Hanno moltiplicato le multe del Fisco per fare cassa"

Basta un errore, un semplice errore per far scattare una batosta da 1000 euro. A denunciare questa "trappola" nella manovra sono i giovani commercialisti che chiedono al governo di intervenire per scongiurare di fatto una batosta sui professionisti. La mossa dei giallorossi viene contestata a gran voce da tutta la categoria dei professionisti e dei commercialisti. Infatti la tagliola della multa fino a 1000 euro può scattare su ogni f24 "errato" e dunque scartato dal Fisco. Una circostanza che potrebbe far arrivare su milioni di professionisti mazzate fiscali e sanzioni in grado di affossare tutto il settore. E così arriva un appello (e una denuncia) forte proprio dai commercialisti che mettono con le spalle al muro l'esecutivo chiedendo di "correggere il tiro anche sulle norme che rendono sempre più complicato per tutti i contribuenti e i professionisti che li assistono, non solo per gli evasori, l’esercizio del sacrosanto diritto di compensare crediti e debiti fiscali, con tanto di moltiplicazione di sanzioni anche su modelli F24 da pochi euro", afferma Massimo Miani, presidente del Consiglio nazionale dei commercialisti.

Un commento che di fatto è stato seguito da quello dei Giovani Commercialisti (Ungdcec) che con il presidente Virgilito mandano un messaggio chiaro all'esecutivo: "Il solo aver valutato una penale così alta per ogni modello errato - lamenta amareggiato Virgillito - è un’offesa per chi ha l’onere di mantenere con il proprio lavoro un Governo che, invece di ridurre e qualificare la spesa pubblica, continua ad aumentare il drenaggio di risorse dal settore privato, finendo concretamente, come gli antieroi dei fumetti, a rubare ai poveri per dare ai ricchi". Infine i commercialisti vanno all'attacco dei giallorossi per le misure che hanno limitato (e non poco) la Flat Tax: "L’abolizione del regime di flat tax al 20% per le partite Iva individuali con fatturati tra 65.001 e 100.000 euro nell’istante in cui non viene sostituita da altre misure a favore delle partite IVA più congeniali al nuovo Governo, denota una scelta di fondo che mette nel mirino non tanto i regimi di flat tax, quanto i lavoratori autonomi. Crediamo che su questo il Governo debba riflettere e correggere il tiro".

Commenti
Ritratto di hernando45

hernando45

Gio, 17/10/2019 - 23:26

Eeee sti soldi, per mantenere sti FINTITUTTO che stanno facendo entrare a centinaia al giorno nel paese del BENGODI, da qualche parte bisogna trovarli GIUSEPPI DICET!!!!jajajajajajajaja.

Una-mattina-mi-...

Gio, 17/10/2019 - 23:38

A FO0RZA DI "RISORSE" DA MANTENERE PER ANNI A SBAFO, ALLA FINE QUALCUNO DOVRA' PUR PAGARE....

Cosean

Ven, 18/10/2019 - 00:40

Invece loro vorrebbero diminuire le multe per fare cassa! A chi ha la partita IVA però. Ma chi è che apertamente, dice che se qualcuno si appropria di denaro della società è un patriota e qualcuno è un delinquente? A suo piacimento?

oettam2090

Ven, 18/10/2019 - 05:46

Liberi professionisti categoria professionale che porta solo vantaggi allo stato. Purtroppo non c'è nessun rispetto per i medesimi, considerati dallo stato evasori fiscali di alto rango.

Ritratto di JOLLY ROGER

JOLLY ROGER

Ven, 18/10/2019 - 05:57

L’Italia e’ diventata una repubblica fondata sulla SANZIONE. A supporto e surroga dell’incapacita’ strutturale dell’amministrazione statale di fare rispettare le regole in modo efficace ma civile.

Ritratto di JOLLY ROGER

JOLLY ROGER

Ven, 18/10/2019 - 06:01

Sono delle pompe idrovore che succhiano il sangue a chi lavora per darlo ai fannulloni, d’altra parte se abbiamo una serie di ministri che non ha mai lavorato e’ solo colpa nostra.

Ritratto di siredicorinto

siredicorinto

Ven, 18/10/2019 - 06:47

Vi porto un esempio. Qui in Francia, paese dove vivo da tanti anni, se commeti un errore puoi tranquillamente correggerlo. Se non te ne accorgi, ti chiamano , ti danno un appuntamento ed un impiegato, competente, ti ciede come mai. Nessuna multa se vedono la buona fede, l'errore in questo cosa é ammesso. Diro' di più, se per caso hai pagato troppo ti rimborsano. Qui i francesi si lamentano perché i rimborsi arrivano dopo un mese circa. Una volta arrivavano entro i dieci giorni. In definitiva, qui in Francia sei un cittadino e come tale vieni rispettato e sei innocente fino a prova contraria. Tornare in Italia? E CHE SON MATTO?

Ritratto di Azo

Azo

Ven, 18/10/2019 - 07:50

Come sarebbe a dire, di queste multe??? """SONO I NOSTRI PARLAMENTARI TUTTI INTELLIGENTI, CHE NON SBAGLIANO MAI??? SE QUESTE MULTE VENGONO IMPOSTE PER DEGLI ERRORI NON MOTIVATI, CHI SBAGLIA TRA I PARLAMENTARI( CHE LAVORANO E SONO PAGATI DAL DANARO PUBBLICO, DEVONO IN DIRETTISSIMA ESSERE LICENZIATI E ALLONTANATI DA OGNI IMPIEGO STIPENDIATO DALLO STATO ITALIANO, ( SEMPRE CHE SIA GOVERNATO DA GENTE ONESTA, NON DA CIARLATANI )!!!

il veniero

Ven, 18/10/2019 - 08:16

il minimo sarebbe aver rafforzato i diritti del contribuente che in italia sono sotto le scarpe degli accertatori ... ma invece il governo sinistro la sta facendo pagare ai suoi non - elettori .

Ritratto di mailaico

mailaico

Ven, 18/10/2019 - 08:43

scongiurare che ? lo stato vuole solo tassare senza pietà fino all'infinito e oltre.

maurizio50

Ven, 18/10/2019 - 08:47

Che Vi aspettavate?? Lo sanno pure i sassi che i Compagni sono dei "maghi" quando si tratta di legnare il cittadino !!!!!!