L'Italia chiede altri sei mesi per le «Gacs»

L'Italia ha chiesto alla Ue di prolungare di sei mesi l'utilizzo della garanzia Gacs (Garanzia sulla cartolarizzazione delle sofferenze) in scadenza il 6 settembre. Lo ha annunciato il ministro dell'Economia, Giovanni Tria in un'intervista a Bloomberg. «Abbiamo appena notificato alla Commissione Ue la richiesta di estendere di sei mesi il programma di garanzia statale per le banche», ha dichiarato Tria. La Gacs è stata prevista nel 2016 per agevolare lo smobilizzo dei crediti deteriorati (npl) dai bilanci delle banche italiane (258 miliardi a fine marzo, secondo Bankitalia). In pratica, alle banche che ne fanno richiesta, lo Stato fornisce una garanzia sulle tranche senior (quella che contiene i titoli meno rischiosi) nell'ambito delle operazioni di cartolarizzazione di npl, rendendo quindi i titoli più appetibili per il mercato. CM