Made expo, 90mila visitatori per l'hub delle costruzioni

Presenze e partecipazioni in aumento per il salone internazionale dell'edilizia e dell'architettura, il 10% degli operatori stranieri. Orsini: "Dimostrato tutto il valore di una filiera chiave per lo sviluppo del Paese". Buccilli: "Consolidati i rapporti con il mercato e il dialogo con le istituzioni"

Oltre 90.000 presenze, di cui circa il 10% straniere, è il bilancio positivo di Made expo, il salone internazionale dell’edilizia e dell’architettura appena conclusasi in Fiera Milano con oltre 900 espositori ( la manifestazione è in corso di certificazione Isfcert). Ma soprattutto segnali di fiducia e di volontà di guardare al futuro da parte di un settore pronto al cambiamento nel segno dell’innovazione guidato da comfort, sicurezza, sostenibilità e tecnologia, con la volontà di dare un contributo decisivo al crecsita economica del Paese. Segnali confermati anche dai dati diffusi dall’Osservatorio Ance sul mercato delle costruzioni 2018 che registrano un variazione positiva dell’1,5% del fatturato (128 miliardi di euro) sull’anno precedente.

L’intenso dibattito che si è sviluppato nei giorni di fiera sulla necessità di sbloccare i cantieri per un rilancio dell’economia e dare una spinta al Pil ha contribuito a mettere l’argomento al centro dell’agenda politica nazionale e non solo. Una manifestazione all’insegna della sostanza e della qualità, dal tema portante della Qualità dell’abitare all’alto livello di prodotti e soluzioni nell’edilizia, negli interni e finiture e nell’involucro e serramenti che sono stati portati all’attenzione di progettisti, imprese, contractor, distributori ed operatori specializzati quali i serramentisti.
Un luogo di incontro per tutti gli attori della filiera dove i materiali e le soluzioni sono state davvero “vissute”, un attivatore di relazioni da consolidare nel breve e nel lungo termine. Questo anche per i 180 progettisti, contractor e buyer provenienti da più di 20 Paesi che, grazie al supporto strategico di Ice, hanno sviluppato più di 1.000 incontri b2b con le aziende italiane espositrici.

La componente fieristica è stata integrata da un intenso programma di formazione tecnica e culturale con oltre 250 tra eventi e convegni che hanno visto intervenire esperti di diverse discipline e grandi nomi dell’architettura come Mario Cucinella, Renzo Piano BW, Andreas Kipar, One Works, Snøhetta coinvolgendo più di 14.000 persone di cui 6mila nel solo programma di convegni BuildSMART!

Numerose personalità istituzionali hanno voluto testimoniare la loro vicinanza e supporto alle imprese presenti a MADE come il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Giancarlo Giorgetti, il ministro per il Sud Barbara Lezzi, il vice Ministro allo Sviluppo Economico Dario Galli, i sottosegretari del Ministero dello Sviluppo Economico Davide Crippa e Michele Geraci, il presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana, il sindaco di Milano Giuseppe Sala e una nutrita rappresentanza di parlamentari e europarlamentari.

"L'edizione 2019 di Made expo ha dimostrato tutto il valore di una filiera chiave per lo sviluppo del Paese grazie a un'attenzione sempre maggiore verso la sostenibilità ambientale e l'edilizia verde - spiega Emanuele Orsini, presidente di FederlegnoArredo -. Negli ultimi anni c'è stato un forte impulso del settore verso la riqualificazione: ecobonus, sisma-bonus e bonus verde hanno favorito gli investimenti dei cittadini. Misure che possono continuare a svolgere un'azione fondamentale se saranno stabilizzate e allargate alla riqualificazione urbana. Per questo è fondamentale che le istituzioni mettano in atto politiche di sostegno e sviluppo per l'edilizia privata che, oltre a supportare le PMI, garantirà al nostro Paese nuovi posti di lavoro e un ruolo guida nella lotta al cambiamento climatico con città sempre più green e sostenibili".

“Made expo si è confermato il luogo delle connessioni per il mondo dell’edilizia e del design funzionale. Una sede nella quale costruire e consolidare rapporti con il mercato e rafforzare il dialogo con le istituzioni. Ogni comparto ha dato il suo contributo in ottica collaborativa con gli altri dimostrando che le costruzioni possono essere un elemento di propulsione e dinamismo per l’economia italiana”, commenta il presidente della manifestazione Massimo Buccilli.

“Le imprese che hanno aderito a Made expo si sono presentate al meglio credendo nel nostro progetto e hanno portato soluzioni frutto di creatività, concretezza e tanta ricerca e sviluppo. Avendo constatato l’elevato grado di interazione che si è sviluppato in questi giorni di fiera, siamo sicuri che i numerosi operatori qualificati nazionali ed internazionali che hanno preso parte alla manifestazione abbiano apprezzato la qualità dell’offerta e la professionalità degli espositori”, conclude Giovanni Grassi, direttore generale di Made expo.
L'appuntamento è con l'edizione del decennale, nel 2021.