Marchionne annuncia l'addio alla Fiat: "Dal 2018"

"Farò altro - dice l'ad in un'intervista a Businessweek - è giusto che vadano avanti i giovani"

Ancora quattro anni, poi basta. Sergio Marchionne resterà alla guida di Fiat e Chrysler fine al 2018, alla fine del piano industriale quinquennale. Lo ribadisce lui stesso in un’intervista esclusiva a Businessweek, anticipata da Bloomberg. Dopo il 2018, sottolinea Marchionne, "farò sicuramente qualcos’altro".

"Ci sono diverse cose che il prossimo amministratore delegato dovrà fare e che sono totalmente diverse da quelle che faccio io", aggiunge il manager 62enne, che ha trascorso gli ultimi dieci alla guida della Fiat. Businessweek ricorda che è l’amministratore delegato più longevo tra le maggiori case automobilistiche europee. "Il mio ruolo dovrà essere riconfigurato", spiega Marchionne alla vigilia della fusione con Chrysler, che sarà operativa nei prossimi giorni.

Sul suo addio il manager assicura che non ci saranno ripensamenti. "Nessun cambio di idea, sono fatto così - dice Marchionne - e poi è giusto che vadano avanti i giovani".

Elkann: "Non vendo"

Sempre a Businessweek il presidente di Fiat Chrysler, John Elkann, dice che non vuole uscire dalla Fiat: "Non voglio vendere, ma la famiglia potrebbe diluire la sua quota nel caso ci fosse la possibilità di rendere la società più forte" attraverso operazioni di fusione.

Commenti
Ritratto di depil

depil

Mer, 08/10/2014 - 11:06

sembra che abbia detto al giovane Agnelli : "vieni avanti cretino!"

Ritratto di scorpion12

scorpion12

Mer, 08/10/2014 - 11:18

e ora tutti hanno paura di ritrovarselo in azienda a fare danni.

Mianfei

Mer, 08/10/2014 - 12:10

Niente ripensamenti. Come quando nel 2004 ha detto: risano entro il 2006 e mi faccio da parte. Se non avra' ancora distrutto tutto nel 2018, rimarra' di sicuro: cosa altro gli dara' il Potere Assoluto - almeno nella enorme Azienda - e il risalto mediatico di questa posizione? Il messaggio e' per i mercati finanziari che infatti hanno reagito bene : "tranquilli, non me ne vado ALMENO fino al 2018"

Mianfei

Mer, 08/10/2014 - 12:11

Niente ripensamenti. Come quando nel 2004 ha detto: risano entro il 2006 e mi faccio da parte. Se non avra' ancora distrutto tutto nel 2018, rimarra' di sicuro: cosa altro gli dara' il Potere Assoluto - almeno nella enorme Azienda - e il risalto mediatico di questa posizione? Il messaggio e' per i mercati finanziari che infatti hanno reagito bene : "tranquilli, non me ne vado ALMENO fino al 2018"

Ritratto di giangol

giangol

Mer, 08/10/2014 - 12:28

ma con tutti i miliardi che guadagni e prenderai come buona uscita liwquidazione eccc ancora che hai voglia di lavorare????????ma vattene alle maldive e goditi la vita

agosvac

Mer, 08/10/2014 - 12:35

Questa è davvero comica! Ha azzerato i vertici della Ferrari assumendone la Presidenza, ed ora dice che presto se ne andrà anche lui! E cosa ha deciso di fare con la Ferrari???? Non era molto meglio lasciare Montezemolo a fare un lavoro che svolgeva estremamente bene e lasciare che fosse lui stesso, profondo conoscitore sia della Ferrari automobili sia della scuderia di F1 , a traghettarla verso il futuro?

piccio63

Mer, 08/10/2014 - 12:43

bravo marchionne, bravo! goditi la tua pensioncina e va af... are danno nel tuo paese (in canada se ci provi ti mettono dentro e buttano la chiave).

Janka

Mer, 08/10/2014 - 13:34

...e l'invidia andò al mercato. Io posso anche essere d'accordo con chi sostiene che non abbia fatto gli interessi dei lavoratori, ma ha fatto gli interessi dell'Azienda e degli azionisti, gli ha fatti bene e da vero professionista. Ed è per quello che lo pagano, tutto il resto è fuffa. Buona giornata :-)

Janka

Mer, 08/10/2014 - 13:35

...e l'invidia andò al mercato. Io posso anche essere d'accordo con chi sostiene che non abbia fatto gli interessi dei lavoratori, ma ha fatto gli interessi dell'Azienda e degli azionisti, gli ha fatti bene e da vero professionista. Ed è per quello che lo pagano, tutto il resto è fuffa. Buona giornata :-)

Janka

Mer, 08/10/2014 - 14:10

Chiedo scusa per il doppio click e per il refuso: gli=li

mariolino50

Mer, 08/10/2014 - 15:13

La fiat storica in pratica non esiste più, e la colpa è della famiglia Agnelli, arraffoni oltre ogni limite, hanno inglobato Alfa e Lancia fiatizzandole, ovvero da vere macchine a porcherie, costui voleva andare in Germania, ma li mica sono scemi, le industrie se le vogliono tenere in casa, e lo hanno mandato a cagher.

titina

Mer, 08/10/2014 - 15:48

E deve aspettare sino al 2018, può farlo subito

Ritratto di stock47

stock47

Mer, 08/10/2014 - 17:00

Quale Fiat? Non esiste più la Fiat, esiste la Chrysler e si trova in Usa mentre il fisco si trova in Olanda e la sede legale a Londra. Quella che si chiamava Fiat è ormai un guscio vuoto, come la pelle di serpente quando ha fatto la muta.

Ritratto di stenos

stenos

Mer, 08/10/2014 - 17:15

In fondo ha fatto il lavoro sporco, l'ha fatta diventare un azienda americana, con sede legale in Olanda, fiscale a Londra, e fabbriche in Polonia e Serbia. Prima di andare sbaraccherà quel poco che resta in Italia, e ciao, ciao ad un altra bella fetta di economia.

chicolatino

Mer, 08/10/2014 - 17:19

bravo Janka, gli italiani oltre ad essere tutti esperti allenatori di calico e ct nazionale, ora si stanno scoprendo tutti top manager..peccato che in pochi sappiano cosa sia un'azienda...vedi i commenti prima del tuo: da far piangere/ridere...qui in Usa dove vivo, Marchionne e' considerate uno dei piu' grandi manager in circolazione, compreso Obama (non Bush)...e' inutile spiegare gli asini, non capirebbero....gli Americani hanno capito che ha salvato e rilanciato al contempo Chrisler/Dodge e Fiat, che senza il repentino successo in Usa avrebbe fatto la fine del gruppo PSA (Peugeot/citroen) che si puo' considerare la fiat di francia per storia e peso sindacale in azienda...Janka, saluti dagi usa,e cari asini continuate a ragliare...

corto lirazza

Mer, 08/10/2014 - 18:02

mmmh, che sta macchinando il furbacchione?

Ritratto di wtrading

wtrading

Mer, 08/10/2014 - 18:08

@Janka. Non è il caso che chieda scusa per il "li" o il "gli". Si è capito benissimo ciò che intendeva dire. Quei quattro o cinque cretini ( ovviamente psicosinistronzi ) che hanno scritto prima di lei, non devono essere presi in considerazione. Sono delle ovvie nullità. Buona serata.

Ritratto di wtrading

wtrading

Mer, 08/10/2014 - 18:09

@Janka. Non è il caso che chieda scusa per il "li" o il "gli". Si è capito benissimo ciò che intendeva dire. Quei quattro o cinque cretini ( ovviamente psicosinistronzi ) che hanno scritto prima di lei, non devono essere presi in considerazione. Sono delle ovvie nullità. Buona serata.

Ritratto di wtrading

wtrading

Mer, 08/10/2014 - 18:09

@Janka. Non è il caso che chieda scusa per il "li" o il "gli". Si è capito benissimo ciò che intendeva dire. Quei quattro o cinque cretini ( ovviamente psicosinistronzi ) che hanno scritto prima di lei, non devono essere presi in considerazione. Sono delle ovvie nullità. Buona serata.

mariolino50

Mer, 08/10/2014 - 18:34

chicolatino Perchè che fine avrebbe fatto il gruppo PSA, che fà certo macchine migliori dela fiat, io ho avuto tre Citroen senza problemi, al contrrio della fiat, ormai in pratica sparita, appiccicano il marchio sulle Dodge o altro. In quel modo son buoni tutti, a tagliare senza pietà, imparate dai tedeschi come si fà a fare gli interessi sia dell'azienda che dei lavoratori. Ora ho anche una macchina con la stella, e non ci sono paragoni possibili.

Anonimo (non verificato)

giovanni951

Mer, 08/10/2014 - 21:13

per me puó andar via domani...anzi, avrebbe dovuto andar via anni fa.

Il giusto

Mer, 08/10/2014 - 21:19

In un decennio ha "bruciato"3 marchi pieni di storia,Alfa,Lancia e Fiat!Adesso deve finire il lavoro con i veicoli industriali e poi ha finito!Complimenti marchionne,ma stia sereno sul suo futuro!Dubito che altre società lo vogliano dopo il disastro in Italia!!!

ExExtreme

Mer, 08/10/2014 - 21:49

Grande Marchionne, a mio avviso uno tra i migliori manager che la FIAT abbia avuto. Spero che Elkann faccia veramente quel che dice. A chi lo attacca per i soldi guadagnati, siete solo degli invidiosi che non hanno voglia di muovere il culo, vorreste avere senza fare nulla!

Ritratto di Nanuq

Nanuq

Mer, 08/10/2014 - 22:11

Marchionne non ha distrutto la Fiat, semplicemente l'ha sottratta, da sotto il naso, dalle grinfie delle organizazioni a delinquere chiamate "Sindacato lavoratori". Bravissimo, così dovrebbero fare tutti. Grande Marchionni.

thepaul

Mer, 08/10/2014 - 23:09

Come sempre, nessuno conosce BENE le dinamiche delle cose. Marchionne è andato negli USA a chiedere soldi ad Obama, il quale, intelligentemente, li ha prestati (non regalati a fondo perduto) con una clausola: GUAI a licenziare UN SOLO LAVORATORE americano o chiudere UNA SOLA FABBRICA. Chiaro che con una buona iniezione di liquidità, la Chrysler si è risollevata, visto che le loro macchine sono perfettamente "americane". In Italia, invece, i soldi prestati a fiat sono diventati a fondo perduto, sono stati chiusi stabilimenti, sono stati licenziati lavoratori. La prova che la politica di marchionne è soltanto "fuffa" sta nel tentativo maldestro di acquistare l'OPEL. Quando marchionne si è presentato in Germania, la prima cosa che gli hanno chiesto è "quanti soldi metti? Che investimenti vuoi fare? Vuoi licenziare e chiudere stabilimenti?". Lui ovviamente voleva mettere sul piatto soltanto uno scambio di azioni e la condivisione di sinergie e piattaforme, ma di "piccioli" neanche l'ombra. Anzi, forse paventava pure la chiusura di qualche stabilimento e il licenziamento di migliaia di operai. Troppo facile essere un top manager così...I tedeschi, GIUSTAMENTE, hanno fiutato l'inganno e lo hanno mandato a casa con le pive nel sacco. Io ho la mia idea, da ex dipendente Fiat: marchionne è un furbacchione, ma di manager (inteso come persona che ha la responsabilità INDUSTRIALE e SOCIALE di mandare avanti un'azienda) ha ben poco. E' un buon finanziere, conosce i meccanismi della borsa, ma non è per niente un buon capo. Ripeto, troppo facile licenziare le persone e mettere gli altri in CIG per far quadrare i conti aziendali. Più difficile è investire, ideare nuovi modelli, battere la concorrenza sull'innovazione...

mbotawy'

Gio, 09/10/2014 - 02:02

Con il maxi-stipendio che percepisce e'logico che molli l'impiego presto!Un boom,o una bolla di sapone il futuro della Fabbrica Italiana Automobili Torino?

chicolatino

Gio, 09/10/2014 - 02:15

...the paul..tu di certo non sai un corno...quando scrivi "GUAI a licenziare UN SOLO LAVORATORE Americano" fai crepare dalle risate, e non ha senso continuare a discutere!!!! Si vede che lavoravi in fiat, la mentalita' e' quella...Obama e Gartner (ex ministro Tesoro) hanno creduto nel piano industriale di Marchionne, che anche dopo numerosissimi tagli, ha consentito di rimborsare il prestito con un anno di anticipo, di risanare l'azienda che oggi continua a vendere e a crescere quindi crea lavoro e ha permesso pure di salvare quel che resta di fiat...basta leggere il trend dei dati finanziari consolidati, ma dubito tu li sappia leggere...Marchionne da gran manager conosceva bene il mercato Americano e la sua capacita' di rialzarsi presto, (nonostante aspettative future pessime)proprio perche' non ha tutte quelle rigidita' tipiche italiane (tipo il reinegro dei tuoi ex colleghi che avevano sabotato una catena di montaggio: qui in Usa li avrebbero cacciati all'istante e chiesto qualche milione di euro di risarcimento, con certa confisca delle eventuale casa)..marchionne ci ha creduto, ha rischiato, ha stravinto e ha salvato due grandi aziende e ha creato un grande gruppo multinazionale....alla facia del tuo amico landini, camusso e co...saluti

winston1

Gio, 09/10/2014 - 06:38

@ciocholatino Quoto con quello che hai detto. Vivo in Svizzera è anche qui Marchionne ha un alta reputazione. Solo in italia viene visto come il Diavolo in persona. leggendo i commenti sopra si vede che gli italiani negli ultimi 20 sono vissuti a marte. Ignoranza economica veramente abbissale. Per questo l'italia ha i politici più deficienti in Europa, certo che con um popole del genere il politico italiano fà quel cazzo che vuole. Cari bashers di Marchionne, senza Marchionne oggi Fiat non esisterebbe piu. Si lo sò, voi direte pecchato. Ohhhh Jesus, che Pena. Povera italia.

chicolatino

Gio, 09/10/2014 - 07:21

il giusto, o meglio il somaro..anni fa c'era stata offerta ufficiale di UBS...continua a ragliare va...

BRAMBOREF

Gio, 09/10/2014 - 07:36

GIGI85 La FCA in mano ad un ebete? Fallirà!

Ritratto di filatelico

filatelico

Gio, 09/10/2014 - 07:43

La Fiat andava venduta circa dieci anni fa seguendo l'intuizione di Umberto Agnelli e la famiglia si sarebbe dovuta occupare di business non legati all'auto. Ora è diventata Chrysler malgrado i GIGANTESCHI AIUTI dei governi italiani, sempre genuflessi di fronte a questa famiglia di furbacchioni.Per quanto mi riguarda non possiedo auto Fiat dal 1985 e vivo felicemente.

Duka

Gio, 09/10/2014 - 08:33

Tutto ciò fa parte di una strategia tutt'altro che casalinga. La FIAT, di fatto, ha già staccato il biglietto per l'America da tempo. Solo i miopi non vedono.

gio 42

Ven, 10/10/2014 - 19:32

Buonasera bravo filatelico, la sua ultima frase dice tutto. In televisione vedo tanti documentari americani ma di fiat in giro non se ne vedono. Qualcuno sopra ha paragonato Peugeot/Citroen alla fiat, ho letto bene? Vorrei dire a chicolatino se mi legge, marchionne è certamente un buonissimo manager per quanto ne capisca io, e fa gli interessi di chi lo paga in maniera egregia, detto questo, non sono certo io per le bandiere rosse nelle piazze, si ricordi però che quelle bandiere rosse negli anni 70/80 andavano a braccetto con l'avvocato (sotto false guerre) solo che ora l'Italia è in braghe di tela. Ps. se ho sbagliato qualcosa mi dia pure del somaro tanto vedo che ne abusa volentieri. All'altro signore svizzero dico che sui nostri politici a più che ragione, ma chi li ha messi in quei posti? Lei dirà il popolo. Il popolo non decide mai nulla.( Tranne in caso di rivoluzioni) Si ricordi che l'avvocato ultimamente è stato senatore a vita in un governo comunista e il suo voto insieme ad altri senatori a vita, è stato più volte determinante. Saluti

Ritratto di filatelico

filatelico

Mar, 14/10/2014 - 06:30

X gio 42 lei preferisce comprare auto fiat? Non esiste più l'autarchia e quindi è padronissimo. Possiedo una BMW del 1985 che ancora va benissimo e una Polo del 2002 che va bene. Di quanto guadagna il nipote prediletto di Gianni Agnelli non me ne frega niente anzi per me dovrebbe lavorare in una azienda agricola piemontese, ad esempio nelle Langhe. E soprattutto dovrebbe restituire i GIGANTESCHI AIUTI AGLI ITALIANI!!!