La marea ora è bassa? Ecco le ragazze in bikini

L’indicatore Money Flow, che misura l’entrata e l’uscita del denaro dal mercato, mostra come siamo in zona neutra, l’indicatore Mc Clellan rialzi / ribassi sta leggermente flettendo e soprattutto il nostro indicatore Ftse Industriali / Ftse Banche mostra che siamo al punto di minimo del ribasso all’interno del canale

Non sono preoccupato. Almeno ero preoccupato ma non trovato segnali di preoccupazioni sui grafici. Il Ftse All Share ho rotto un importante minimo ma si è subito portato a cavallo del supporto dato da questo minimo come a significare che ha scherzato. Del resto siamo o non siamo in congestione ? Non mi aspetto dei movimenti bruschi al ribasso, magari qualche trappolone per Orsi, ma niente di più. Del resto l’indicatore Money Flow, che misura l’entrata e l’uscita del denaro dal mercato, mostra come siamo in zona neutra, l’indicatore Mc Clellan rialzi / ribassi sta leggermente flettendo e soprattutto il nostro indicatore Ftse Industriali / Ftse Banche mostra che siamo al punto di minimo del ribasso all’interno del canale. Quindi i bancari hanno modo di apprezzarsi.



In situazioni in cui l’indice di mercato va in orizzontale è facile selezionare le azioni migliori per forza relativa. E soprattutto quelle che mostrano i muscoli dei volumi. In termini tecnici si dice che quando la marea è bassa è facile vedere le ragazze con il bikini mentre nuotano. Vediamo i tradizionali 3 titoli della domenica: EUROTECH: abbiamo fatto filotto e non è finita. Sul settimanale l’azione Eurotech sta mostrando una congestione a 3 barre molto interessante che se rotta al rialzo potrebbe far allungare nuovamente il trend già boombastico. A livello fondamentale questa società ha dell’incredibile.

SAFILO: l’avevamo già indicata illo tempore come sotto accumulazione. Che sia in fase di bottom up ora è evidente anche ad un cieco e quindi stiamo pronti a comprare. I bottom up sono sempre fenomeni lunghi e spesso dolorosi fatti di entrate ed uscite sbagliate. Poi quando azzecchi il timing la ricompensa è grande. A livello fondamentale sembra che a questi prezzi l’azione Safilo sia correttamente valutata dal mercato ma siccome il management ha avviato una politica di cura delle perdite molto impattante i mercati stanno scommettendo sul turnaround: le perdite nel 2017 erano di 251 milioni di euro mentre nel 2018 sono state solo di 32 euro. E il primo semestre si è chiuso in maniera rampante: Safilo ha infatti terminato lo scorso semestre con un utile netto adjusted di 8,7 milioni di euro, rispetto al rosso di 4,3 milioni contabilizzato nel primo semestre del 2018. Quindi se fosse vero che la strada del consolidamento si consolida potremmo davvero assistere ad un bottom up da manuale.



SESA: anche questo è un titolo che avevamo attenzionato a suo tempo quando ha rotto il massimo assoluto. Si tratta di un ottimo titolo a livello fondamentale. Per gli analisti fondamentali questo titolo è attualmente correttamente prezzato dal mercato. Ma la forza relativa esplosiva del titolo testimonia invece un’altra storia: il mercato si attende delle sorprese al rialzo sul titolo. Nel 2018 SESA ha chiuso con un ROE del 14,34% e con un ROI del 27,62%, in linea con i due esercizi precedenti.